06 aprile 2021 · 3 min read

FMI: i tassi più elevati potrebbero ridurre l'appetito per il rischio. E Bitcoin?

L'aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti e altrove potrebbe indebolire l'appetito degli investitori per investimenti più rischiosi, secondo l'ultimo rapporto del World Economic Outlook del Fondo monetario Internazionale.

Fonte: iStock/Bumblee_Dee

Questo avvertimento arriva in un momento in cui tassi record hanno contribuito a spingere le istituzioni (e gli investitori al dettaglio) verso bitcoin (BTC) e altri asset cripto, indicando che un inasprimento della politica fiscale degli Stati Uniti potrebbe avere un contraccolpo negativo per il mercato delle criptovalute, che è considerato essere più rischioso degli asset tradizionali.

Tuttavia, il rapporto dell'IMF suggerisce che la propensione al rischio del mercato globale potrebbe non essere attenuata in ogni scenario in cui la US Federal Reserve aumenta i tassi. Se i rialzi sono accompagnati da notizie positive per quanto riguarda la ripresa delle economie avanzate, ad esempio, il FMI ipotizza che l'avversione al rischio degli investitori internazionali rimarrà bassa.

Appetito per il rischio

Il rapporto dell'IMF si è occupato in modo specifico dei mercati emergenti (cioè delle nazioni/economie in via di sviluppo), il che potrebbe suggerire che i suoi risultati hanno implicazioni dirette per bitcoin e il più ampio mercato delle criptovalute, dal momento che si occupano in particolare della tolleranza al rischio.

Riassumendo nella conclusione del quarto capitolo del rapporto, i ricercatori dell'IMF hanno scritto:

"Un segnale inaspettato di tassi ufficiali futuri più elevati degli Stati Uniti che non è guidato dai cambiamenti nelle condizioni economiche negli Stati Uniti porta in modo inequivocabile ad un inasprimento delle condizioni finanziarie nei mercati emergenti".

In altre parole, significativi aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti, in combinazione con la mancanza di buone notizie economiche, avranno l'effetto di scoraggiare gli investitori dal collocare i propri capitali nei mercati emergenti. E per estensione, potrebbero essere meno propensi a investire in un asset (relativamente) rischioso come il bitcoin.

Come aggiunge l'MF, le banche e altre istituzioni cercheranno di "ridurre il rischio" dei loro portafogli nel caso in cui i rialzi dei tassi rendessero più difficile trovare liquidità (cioè denaro).

"Ciò porterebbe potenzialmente a un cambiamento nella propensione al rischio globale, un'inversione dei flussi di capitale verso i mercati emergenti, la riduzione della leva finanziaria da parte delle banche globali e un deprezzamento delle valute dei mercati emergenti che espone le vulnerabilità legate al cambio".

Gli autori del rapporto non tentano di quantificare l'impatto che gli aumenti specifici avrebbero sugli investimenti. Tuttavia, dato che il bitcoin è aumentato di poco più del 1.000% nei 12 mesi successivi a quando la Federal Reserve ha abbassato il suo tasso base a zero il 15 marzo dello scorso anno, sembra difficile scuotere la conclusione che i tassi di interesse abbiano avuto almeno una parte nello storico rally della criptovaluta.

E mentre i tassi sono rimasti vicini allo zero da allora, sembra anche abbastanza plausibile che un aumento significativo possa intaccare i mercati del bitcoin e delle criptovalute.

Uno scenario più favorevole

Fortunatamente, il rapporto dell'IMF non è tutto negativo. Pur riconoscendo la possibilità che aumenti dei tassi e scarse prestazioni economiche possano abbassare la domanda del mercato per investimenti più rischiosi, delinea anche un paio di altri scenari in cui i tassi aumentano ma la tolleranza al rischio rimane più o meno stabile.

“Al contrario, le notizie positive sull'attività economica statunitense tendono ad avere un impatto relativamente favorevole sulle condizioni finanziarie nei mercati emergenti. Il VIX e i premi di rischio sulle obbligazioni dei mercati emergenti diminuiscono, mentre il capitale tende a fluire nei mercati emergenti ", affermano.

Dato che l'economia statunitense ha recentemente goduto di alcune notizie economiche positive - l'aggiunta di 916.000 posti di lavoro a marzo, la somministrazione di vaccini COVID-19 a quasi 100 milioni di americani - uno scenario del genere sembra ora abbastanza probabile. Quindi, mentre gli aumenti dei tassi stanno diventando più probabili (in particolare quando l'inflazione aumenta), la ripresa economica aiuterà a mantenere un atteggiamento equilibrato nei confronti del rischio.

Come riportato, a marzo, la Fed ha deciso di mantenere l'intervallo target per il tasso sui fondi federali da 0 a 1/4 per cento e ha affermato di aspettarsi che sarà appropriato mantenere questo intervallo fino a quando le condizioni del mercato del lavoro non avranno raggiunto livelli coerenti con le loro valutazioni della massima occupazione e l'inflazione sia salita al 2% ed è sulla buona strada per superare moderatamente il 2% per qualche tempo.

Forse, il tappeto rosso non verrà ancora sfilato da sotto i piedi di bitcoin o delle criptovalutae
____
Per saperne di più:
Bitcoin Faces Hedge Test Amid Rising Inflation Concerns
Joe Biden's USD 1.9T Stimulus Won't Reignite World Economy
The Case Of a Plunging Fiat Currency: Turkey's Struggling Lira
Why The Return Of High Inflation Can No Longer Be Excluded
Joe Biden's USD 1.9T Stimulus Won't Reignite World Economy
A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?