19 Apr 2022 · 4 min read

FMI: raccomandazioni sulla governance della DeFi

DeFi
Fonte: Adobe/Vector Archive

 

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha proposto una serie di misure volte a regolamentare il settore della finanza decentralizzata (DeFi).

L'organismo ha enunciato le sue raccomandazioni preliminari nell'ultimo capitolo del suo rapporto sulla stabilità finanziaria globale, intitolato "La rapida crescita della fintech: vulnerabilità e sfide per la stabilità finanziaria".

Nel documento, gli autori del rapporto raccomandano che "come primo passo", la regolamentazione si concentri su "alcuni elementi dell'ecosistema crypto che hanno consentito lo sviluppo della DeFi" - vale a dire emittenti di stablecoin, exchange di criptovalute centralizzati e fornitori di servizi di wallet hosted.

Tuttavia, l'FMI ha anche affermato che questo tipo di regolamento proposto potrebbe estendersi anche ai gestori delle riserve, agli amministratori di rete e ai market maker - i quali, ha scritto l'organismo, "beneficerebbero tutti di quadri normativi nazionali solidi e completi forniti attraverso standard globali comuni da organismi di normazione”.

Gli autori hanno suggerito che tali "entità centralizzate nell' ecosistema di crypto asset" potrebbero fornire alle autorità di regolamentazione "un collegamento efficace per le autorità di regolamentazione per affrontare il rischio di una rapida crescita della DeFi".

Gli autori hanno anche delineato un "secondo passo" nella politica di regolamentazione, che coinvolgerebbe le autorità nazionali "direttamente" nella regolamentazione, che hanno chiamato "funzioni chiave all'interno della DeFi".

Tali "misure", spiegano gli autori, "potrebbero includere" una "collaborazione pubblico-privato sulla regolamentazione del codice", attraverso "linee guida ex ante sui parametri operativi e di rischio o revisioni e audit ex post del codice che possono identificare aree vulnerabili al rischio e contribuire a raggiungere gli obiettivi politici”.

L'organismo ha suggerito di promuovere la trasparenza e aumentare "l'educazione degli utenti per aiutare a identificare i rischi specifici della piattaforma", che secondo lui colmerebbe il "divario informativo tra investitori al dettaglio e istituzionali".

Oltre a sviluppare codici di settore, l'organismo ha suggerito che il settore DeFi "costituisca organizzazioni di autoregolamentazione", affermando che un "sistema di governance trasparente e credibile potrebbe migliorare la gestione del rischio, facilitare una buona condotta delle transazioni finanziarie e, infine, attrarre più utenti e capitali alle piattaforme."

Tuttavia, cosa più importante per le autorità di regolamentazione, l'FMI ha affermato che questo modello di sistema di governance "potrebbe essere un punto di ingresso naturale con cui le autorità di regolamentazione possono interagire".

Inoltre, forse con un occhio di riguardo al settore degli exchange centralizzati di criptovalute giapponese, che è in gran parte autoregolato, l'FMI ha suggerito che "proprio come nei mercati mobiliari tradizionali, le organizzazioni di autoregolamentazione per gli exchange di criptovalute centralizzati porterebbero a standard di quotazione più solidi per (token di) piattaforme DeFi e quindi migliorarne la governance e la qualità.

Gli autori hanno ammesso che la regolamentazione si sarebbe probabilmente rivelata complicata nel campo della DeFi, poiché anche il controllo del campo crypto centralizzato si è rivelato "impegnativo" finora. Dato che un approccio più pesante non è stato escluso, gli autori hanno ammesso che ciò avrebbe probabilmente effetti a catena indesiderati, spiegando:

"Un potenziale approccio è limitare l'esposizione delle aziende regolamentate ai mercati DeFi (in particolare i mercati non soggetti a un'adeguata regolamentazione o autoregolamentazione), che potrebbe rallentare il ritmo di crescita affrontando i rischi di interconnessione con i mercati regolamentati".

Tuttavia, l'attenzione non si è concentrata interamente sulla mitigazione del rischio e della regolamentazione, con la discussione anche sui vantaggi dell'adozione. Gli autori del rapporto del FMI hanno anche notato che la DeFi " ha il potenziale per esibire un'intermediazione finanziaria efficiente in termini di costi aggirando e accorciando la catena di intermediazione".

Ma, avvertono gli autori, "confrontare costi e prezzi tra DeFi e istituzioni finanziarie tradizionali" è una questione "complessa", poiché "i due operano attualmente in ecosistemi diversi".

L'FMI ha avvertito di "maggiori rischi e incertezze" dalla DeFi e inoltre ha ammesso che il settore "ha il potenziale per offrire servizi finanziari con un'efficienza ancora maggiore, diventando una forza gravitazionale che attrae un gran numero di investitori in criptovalute".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più:
- 'Crypto is Dead. Long live Crypto': Veteran DeFi Developer Andre Cronje Urges More Regulation
- Should DeFi Be Self-Regulated?

- Previsioni 2022 del settore DeFi
- Another Regulatory Challenge for DeFi
- Major Fintech Firm FIS Partners with Fireblocks to Bring DeFi and Crypto to Institutions
- CEO di JPMorgan: DeFi e Blockchain "sono reali"
- DeFi Could Rely On CBDC, But More Bridges With Centralized Finance Are Needed - Expert Panel
- DeFi è "cruciale" per l'inclusione finanziaria