21 ago 2021 · 2 min read

Exchange di criptovalute: il KYC è ancora debole

Gli exchange di criptovaluta stanno mostrando un aumento della loro tendenza ad assicurare i beni dei clienti, sia formalmente che in modo informale attraverso fondi assicurativi ma il livello di rigorosità del know-your-customer (KYC) è ancora debole su molti exchange. Circa un terzo che ha programmi KYC scarsi o inadeguati e un quarto di loro è stato scoperto a inviare fondi a entità a rischio. Complessivamente si è registrato un aumento della quota di mercato degli exchange di primo livello rispetto a sei mesi fa, grazie al minor rischio che rappresentano sia per gli investitori retail che per quelli istituzionali.

KYC exchange

Fonte: AdobeStock / vetre

Il rapporto del fornitore di dati di mercato cripto CryptoCompare attualmente valuta più di 150 exchange in 8 categorie considerando proprio il livello di affidabilità e applicazione del know-your-customer (KYC).

Solo un decimo degli exchange offre una forma di assicurazione

Dimostra che, quando si tratta di proteggere i fondi degli utenti, un decimo degli exchange valutati offre una qualche forma di assicurazione, con un aumento di appena l'1% negli ultimi sei mesi.

Un ulteriore 9% offre un'assicurazione informale attraverso un fondo assicurativo, che rappresenta un aumento significativo rispetto al 3% di febbraio 2021.

Il fornitore di dati ha anche aggiunto,

"È stato riscontrato che il 25% degli exchange invia fondi a entità a rischio più elevato per oltre il 4% (intervallo di rischio elevato) delle transazioni secondo [la società di analisi blockchain] CipherTrace, rispetto al 28% nel febbraio 2021".

Il rapporto mostra inoltre un aumento degli exchange di primo livello con utilizzo di KYC in base ai loro criteri: su più di 150 exchange spot globali che sono stati valutati, 87 di loro hanno raggiunto la soglia per lo stato di primo livello nell'agosto 2021, rispetto agli 84 nel febbraio di quest'anno.

Solo nove piattaforme qualificate per lo status AA-A

Tuttavia, solo nove exchange si sono qualificati per lo status AA-A (rispetto ai 24 di febbraio), poiché il provider ha inasprito i requisiti creando soglie minime all'interno di determinate categorie. Per questo motivo, gli exchange che soddisfano la soglia del punteggio totale per lo stato AA-A ma non soddisfano la soglia in ogni singola categoria ricevono un voto BB.

Sei exchange hanno ricevuto l'onorificenza di "rischio più basso" secondo i criteri KYC: Coinbase, Gemini, Bitstamp, Kraken, itBit e CrossTower, tutti con rating AA su CryptoCompare.

Questi exchange tendono anche ad essere più comunemente utilizzati nel settore delle criptovalute, sia dagli investitori al dettaglio che dai trader professionisti, grazie a questo: ora rappresentano l'89% della quota di mercato, rispetto all'85% di febbraio.

Tuttavia, il 34% degli exchange ha programmi KYC scarsi o inadeguati (rispetto al 33% di febbraio), ma questo è ancora inferiore al 44% di essi rilevato a luglio 2020.

Sebbene vi sia stato un cambiamento verso requisiti KYC più rigorosi su base annua, non è cambiato notevolmente nell'ultimo semestre, conclude il rapporto.

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
____

 

Per saperne di più:
- I giocatori del settore finanziario chiedono regolamenti KYC migliorati
- 'L'industria cripto contro il G20: una lotta contro le procedure KYC "draconiane"

- Commissione europea: i trasferimenti sospetti a un "wallet unhosted" richiedono la KYC