13 lug 2021 · 5 min read

"L'esibizionismo intellettuale" evidenzia la vulnerabilità del valore estraibile di Ethereum

Il "progetto personale" di uno sviluppatore potrebbe portare ancora più polemiche nella cosiddetta pratica Miner Extractable Value (MEV) sulla blockchain di Ethereum (ETH). Probabilmente spingendo alcuni miner ad estrarre tutto il valore che possono da Ethereum prima che si sposti in un meccanismo di consenso proof-of-stake (PoS), dal momento che questa mossa li sta costringendo a cercare nuovi flussi di entrate.

ethereum eth

Fonte: Adobe/FellowNeko

Il progetto, avviato da Edgar Aronov, CEO della piattaforma di hackathon Eventornado, consentirebbe ai miner di riorganizzare programmaticamente le chain per acquisire MEV. La riorganizzazione, nota anche come reorg, consente ai miner di rimuovere i blocchi precedentemente confermati da una blockchain. Ad esempio, in teoria, le transazioni recenti su una blockchain potrebbero essere ripristinate per recuperare i fondi persi in un hack.

Nel frattempo, MEV è una misura del profitto che un miner può realizzare attraverso la sua capacità di includere, escludere o riordinare arbitrariamente le transazioni all'interno dei blocchi che producono, secondo Paradigm Research. Secondo loro, se due miner, Mi e Ner, vengono pagati 100 USD ciascuno e Mi trova un blocco con un arbitraggio di 10.000 USD, può decidere di ri-minare il primo blocco, prendere l'arbitraggio per sé, dopodiché Mi ri-mina i blocchi che ha trovato lui, prendendosi tutti i MEV.

Inoltre, è noto come attacco del "bandito temporale": se i premi dei blocchi sono abbastanza piccoli rispetto a MEV, può essere razionale per i miner destabilizzare il consenso, secondo i ricercatori.

MEV: la tassa invisibile che i miner possono riscuotere

Secondo loro, MEV è una tassa invisibile che i miner possono riscuotere dagli utenti di Ethereum e incoraggia intrinsecamente l'instabilità del consenso. E mentre ipoteticamente MEV può essere visto anche sulla rete Bitcoin (BTC), "la nostra ipotesi è che Bitcoin sia meno esposto a MEV rispetto a blockchain come Ethereum", secondo i ricercatori.

E ora, secondo Aronov, il suo codice consentirebbe la "riorganizzazione su richiesta". Aronov ha anche notato che questo non è ancora implementato, ma è un'opportunità per progettare l'interfaccia di programmazione dell'applicazione (API).

Ha detto a Cryptonews.com che questo è il suo "progetto personale", che lo ha "appena avviato" e che "non esiste" al momento.

William Foxley, direttore editoriale di Compass Mining, ha descritto la proposta come "un'area in cui miner e altri non sono stati disposti ad andare perché danneggerebbe il consenso di Ethereum e quindi il suo patrimonio". Ha anche detto che i miner non hanno nulla da perdere, dato l'arrivo della PoS alla rete con il rollout di Ethereum 2.0 (ETH 2.0).

Con la PoS, sono i validatori che fanno ciò che fanno i miner con la Proof of Work (PoW). I validatori vengono scelti a caso per creare blocchi e sono responsabili del controllo e della conferma dei blocchi che non hanno creato loro.

Foxley ha anche sostenuto che questo codice sarebbe ancora più dannoso del front running - un evento in cui i bot offrono un prezzo del gas più alto su una transazione, incentivando i miner a metterlo in prima linea durante la costruzione del blocco, poiché le transazioni più remunerative vengono eseguite prima, e solo la prima transazione dalla stessa chiamata di contratt0o prenderà il profitto.

"Tutto questo è fantastico in teoria, ma ci sono un sacco di buchi", ha detto a Cryptonews.com Michael Carter del canale YouTube di miner Bits Be Trippin, fornendo tre esempi:

  1. significherebbe che i pool di mining più grandi implementerebbero effettivamente questa attività e avrebbero solo il 40% o meno di possibilità di vincerla (ad esempio, ethermine.org ha il 33% -40% della rete in qualsiasi momento) - è di natura vampirica all'ecosistema e il pool perderebbe immediatamente la metà del suo hashrate se ci provassero;
  2. parte dal presupposto fondamentale che i miner siano solo approfittatori a breve termine e non si preoccupino dell'ecosistema. Secondo Carter è "assolutamente errato considerando che la maggior parte dei grandi miner, in particolare quelli quotati in borsa, detengono la stessa valuta estratta nativa da reinvestire / utilizzare / distribuire all'interno del ecosistema” – quindi questa attività sarebbe controproducente;
  3. l'intero argomento/teoria è "esibizionismo intellettuale tra una manciata di ingegneri che sviluppano l'architettura/il design per dimostrare un punto, che avrà una rapida mancanza di interesse una volta che le persone indicheranno" i due punti precedenti.

La PoS di Ethereum (ETH) aiuterà?

Sebbene sembri che il reorg rimarrà un fattore nella prossima versione di Ethereum, è ancora in discussione il modo in cui sarà influenzato da PoS e come influenzerà Ethereum a quel punto.

Il gruppo di ricerca Flashbots ha affermato che MEV rimarrà in ETH 2.0, con la differenza che saranno i validatori ad avere il controllo sull'ordinazione delle transazioni invece dei miner. Per loro, "MEV aumenterà in modo significativo i premi del validatore, ma potrebbe rafforzare le disuguaglianze tra i partecipanti all'ETH 2.0"

Tuttavia, secondo lo sviluppatore Ryan Berckmans, l'attuale mainnet di Ethereum alla fine si fonderà con il sistema PoS e questa fusione includerà tre protezioni strutturali contro i banditi temporali, ovvero:

  • i validatori sono effettivamente long ETH rispetto ai miner che sono strutturalmente long ETH
  • i validatori restano per sempre rispetto ai miner privi di skin a lungo termine
  • riorganizzazioni brevi che diventano slashable e riorganizzazioni lunghe impossibili.

Inoltre, secondo Paradigm Research, le blockchain con proof-of-stake possono punire i validatori che tentano di riorganizzarsi, rendendo quindi i time-bandits "significativamente più costosi", specialmente se combinati con una forte finalità (dopo un breve periodo di tempo, un blocco viene dichiarato definitivo e non può più essere modificato). Tuttavia, "con abbastanza MEV l'incentivo a riorganizzarsi potrebbe essere ancora maggiore della tagliente sanzione", hanno detto.

Come ha osservato Alyse Killeen, socio fondatore e amministratore delegato di StillMark, una società di venture capital e membro del consiglio di amministrazione di Blockstream, "una volta che fai affidamento sulla benevolenza dei miner, sei nei guai".

Il fondatore di Nunchuk Hugo Nguyen ha anche sostenuto che il consenso PoW è chiaro e trasparente, ma che "la PoS è come la PoW più offuscata", aggiungendo che "i "miner" della PoS possono trovare scappatoie per rubare i tuoi soldi".

In entrambi i casi, secondo Carter, il front running è in corso dall'inizio del 2017, continuerà e potrebbe probabilmente peggiorare con la PoS dato che i validatori vengono annunciati per epoca (un'era di tempo all'interno di una rete blockchain), consentendo "accordi più interessanti come "transazioni off-chain" dal momento che i validatori saranno conosciuti in anticipo."

Detto questo, molti commentatori sotto i post di Aronov e altrove hanno concluso che, se implementata, questa "riorganizzazione su richiesta" e l'accelerazione dell'estrazione di MEV sarebbero dannose per Ethereum.

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

Per saperne di più:
- Ethereum Miners Can Transition to These Coins and Boost Their Values
- 'Fiat-Like' Proof-of-Stake Chains Favor Centralization & Rich Players

- Ethereum Won't Hide From Quantum Computers Behind PoS Shield
- Proof-of-Disagreement: Bitcoin's Work vs. Ethereum's Planned Staking

- Why Ethereum is Far From ‘Ultrasound Money’
- ‘Educational Show of Force’ Fails as New EIP Quells Ethereum Miner Discontent