Home NewsBitcoin News

L'interesse per le cripto sale in Bielorussia così come la "guerra dell'informazione"

Di Tim Alper
L'interesse per le cripto sale in Bielorussia così come la "guerra dell'informazione" 101
Fonte: Adobe/mehaniq41

Tra rapporti non confermati che sembrano provenire dalla Bielorussia, la nazione potrebbe presto imporre limiti al cambio di valuta estera, una mossa che alcuni pensano potrebbe spingere i cittadini ad adottare le criptovalute in massa.

Le proteste e gli scioperi continuano nel paese dopo che le controverse elezioni generali hanno riportato al potere il presidente in carica Alexander Lukashenko.

E secondo un messaggio di Telegram su Belarus Economy, un canale con oltre 29.000 membri, il regime di Lukashenko è pronto a lanciare un giro di vite sulle attività di cambi valuta e bancarie straniere.

Gli autori del post affermano che misure draconiane sono in cantiere a Minsk, con tutti gli acquisti di valuta estera messi fuori legge ad eccezione degli scambi approvati dalle agenzie di intelligence, un divieto di "transazioni con partner stranieri", un divieto di accordi commerciali che fanno uso di valute estere e la creazione di un ente che sarà autorizzato a congelare e bloccare le transazioni internazionali.

Alcuni credono che se le banche cooperassero a piani come quelli delineati sopra, i beni dei cittadini potrebbero essenzialmente diventare privi di valore, portandoli a cercare alternative come gli acquisti di criptovalute.

Le borse bielorusse affermano che gli affari sono aumentati da quando le proteste sono iniziate all'inizio di questo mese, in particolare perché le banche ora applicano tassi esorbitanti per gli acquisti di dollari ed euro.

Tuttavia, gli addetti ai lavori del settore delle criptovalute hanno consigliato cautela, esortando i cittadini ad essere consapevoli che è iniziata una "guerra dell'informazione" e consigliando di evitare di essere coinvolti.

RBC quota Artem Strelchenok, il CEO dell'exchange di criptovalute bielorusso Free2ex , affermare che i divieti esistenti sulle operazioni interne che fanno uso di valuta estera sono in vigore da più di cinque anni. Ha aggiunto che il resto delle misure menzionate nel post di Telegram suonavano "come una sciocchezza".

Strelchenok ha aggiunto:

“L'interesse per le criptovalute è aumentato da [l'inizio delle proteste]. Inoltre, vale la pena ricordare che i criptoasset sono popolari da diversi anni in Bielorussia. È logico che le persone ora ricordino questo fatto. Vorrei sottolineare che la legge bielorussa regola il settore delle criptovalute.”

Come riportato in precedenza , ci sono stati anche suggerimenti secondo cui Minsk potrebbe utilizzare il suo settore cripto, che costituisce circa il 4% del suo PIL, per aggirare le sanzioni imposte dagli Stati Uniti o dall'UE. Alcuni hanno avvertito che l'industria delle criptovalute potrebbe essere costretta a "scegliere da che parte stare", decidendo se dedicare la propria lealtà alle società tecnologiche pro-UE e affiliate agli Stati Uniti o alle imprese collegate alla Russia o alla Cina.

Più Articoli