Intervista con il co-fondatore della piattaforma per investimenti crypto Iceblock

Sauro Arceri
| 4 min read

Il team di Cryptonews Francia ha intervistato Alexis Abric, co-fondatore di Iceblock, una start-up che offre una soluzione di investimento in criptovalute “chiavi in mano” per i gestori patrimoniali.

L’azienda ha appena ottenuto la registrazione come Digital Asset Service Provider (Psan), un importante convalidazione rilasciata dall’Autorità dei Mercati Finanziari (AMF).

Come sei entrato nel mondo delle criptovalute?


Sono arrivato nell’universo crypto nel 2017, come investitore e ricercatore sulla tecnologia blockchain, il che mi ha portato a scrivere articoli. Ho poi lavorato nell’ecosistema francese, in particolare con Equisafe, la prima azienda che ha tokenizzato il settore immobiliare su Ethereum.

Dopo due anni nella Crypto Valley di Zug, in Svizzera, dove ho lavorato con aziende come Aave, Swissborg e YouHodler, oltre a start-up più piccole, e grazie al mio curriculum, ho creato Iceblock con due partner nel 2021.

Qual è stata l’idea iniziale di questo progetto?


Quando il mercato era all’apice, nel 2021, molte persone intorno a noi ci hanno chiesto di investire in criptovalute per loro, vista la nostra performance.

All’epoca pensammo che sarebbe stata una buona idea sostenerle, perché avrebbero investito all’apice del mercato, subendo l’intero peso della correzione del mercato ribassista. La nostra idea era quindi quella di fornire una strategia di investimento razionale.

Come lo fate?


Basiamo il nostro approccio sull’analisi fondamentale, dedicando il tempo necessario a comprendere il valore aggiunto di ogni progetto, in modo da poter effettuare investimenti a lungo termine, idealmente per più di quattro anni.

Il nostro target sono i professionisti o gli individui con un patrimonio netto elevato che desiderano esporsi a questo tipo di mercato, ma non sanno come farlo in modo prudente.

Come definirebbe la sua soluzione? Si tratta di un exchange?


Si tratta di un ‘crypto-as-a-service’, nel senso che miriamo ad essere una soluzione ‘plug and play’ per un family office o un asset manager che desidera integrare le criptovalute nei propri servizi finanziari e nel proprio portafoglio prodotti.

Noi forniamo l’infrastruttura, con i Fireblock e le procedure AML e LCB-FT specifiche per il mercato degli asset digitali, con soluzioni come Scorechain o Syndicate.

Sta vedendo una forte domanda di crypto da parte dei gestori patrimoniali in questo momento?


Con il mercato delle criptovalute di nuovo in crescita e il mercato azionario piuttosto piatto, la domanda di criptovalute da parte di individui con un patrimonio netto elevato è effettivamente tornata.

Ma rimane una domanda contenuta a pochi punti percentuali in una strategia di portafoglio complessiva.

Quante criptovalute offrite?


I nostri portafogli vanno da 3 a 39 criptovalute, con capitalizzazioni tutte superiori a 200 milioni di dollari. Non cerchiamo la volatilità a breve termine, ma investiamo nella crescita a lungo termine della tecnologia.

Siete registrati in Francia e non a Zug, in Svizzera. Come mai?


Quando ho voluto creare Iceblock con i miei partner, il registro Psan stava iniziando ad avere una buona dinamica in Francia.

Era il nostro Paese di origine e Psan ci apriva le porte del MiCA a lungo termine, cosa che la Svizzera non offriva.

Si trattava di una buona opportunità legale e di un quadro giuridico stabile su cui costruire a lungo termine.

È l’opposto di quello che si sente dire di solito…


È un passo che deve essere fatto, ma quando parliamo con le istituzioni europee, o anche con istituzioni al di fuori dell’UE, il fatto di avere un quadro giuridico regolamentato fa la differenza.

La Francia e l’AMF hanno un’ottima reputazione nei mercati finanziari internazionali. Abbiamo fatto il passo di essere ‘pro-regolamentazione‘, piuttosto che trovarci in Paesi con regimi fiscali più vantaggiosi.

Quanto tempo occorre per ottenere la registrazione Psan oggi?


Abbiamo iniziato il processo alla fine di gennaio 2023 e abbiamo ottenuto la registrazione nell’ottobre 2023.

È un processo piuttosto lungo, ma vorrei cogliere l’occasione per rendere omaggio al lavoro dell’AMF e dell’ACPR, che ci hanno aiutato e sono stati molto proattivi. È stata una sorpresa davvero positiva per noi.

Cosa significa per lei questa registrazione?


Tutto! Se non fossimo iscritti nel registro Psan, nessun gestore patrimoniale sul mercato ci ascolterebbe. Per loro è il minimo. Senza la convalida di questi due organismi istituzionali, non vale nemmeno la pena incontrarli.

Quali sono i vostri piani di sviluppo per i prossimi mesi?


Vorremmo creare portafogli relativi ai vari settori di mercato, per essere ancora più adeguati al rischio, e che ogni gestore patrimoniale possa comporre i propri portafogli.

Vogliamo anche continuare a sviluppare la nostra piattaforma, che ci consente di visualizzare le performance dei nostri investitori in tempo reale.

In termini legali, il nostro obiettivo è quello di ottenere lo status di CASP (Crypto Asset Service Provider) ai sensi del MiCA il prima possibile, a partire dal 2025, perché Paesi come la Germania, il Belgio e il Lussemburgo potrebbero essere molto rilevanti per noi.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social