14 mar 2022 · 3 min read

Exchange giapponesi devono bloccare transazioni crypto russe

Giappone Russia
Fonte: AdobeStock / soraneko

 

Il principale regolatore finanziario del Giappone, la Financial Services Agency (FSA), e il Ministero delle Finanze, hanno ordinato agli exchange di criptovalute nazionali di sospendere tutte le transazioni con russi e bielorussi che sono stati colpiti da sanzioni internazionali.

Giappone in linea con USA e UE sui divieti crypto per i russi

Per Nikkei e Reuters, Tokyo si sta muovendo "in linea con gli Stati Uniti e l'Europa", nel tentativo di impedire che le transazioni cripto "diventino una scappatoia alle sanzioni economiche e finanziarie" imposte a Russia e Bielorussia.

La FSA e il ministero hanno detto alle piattaforme di trading che nei casi in cui le transazioni effettuate tramite gli exchange cripto giapponesi dovessero coinvolgere individui che sono stati colpiti da sanzioni, queste dovranno essere rifiutate. Anche quelle che appaiono "sospette" in questo senso devono essere respinte. Tali transazioni devono anche essere segnalate alla FSA e al Ministero delle Finanze.

In una dichiarazione congiunta, gli organismi hanno anche chiesto un maggiore monitoraggio delle transazioni di criptovalute e hanno chiesto agli exchange di prestare attenzione alle liste di sanzioni pubblicate dal governo.

Venerdì scorso, il G7 ha insistito sul fatto che la comunità internazionale avrebbe "imposto dei costi agli individui russi illeciti che utilizzano beni digitali per aumentare e trasferire la loro ricchezza".

Reuters ha citato un "alto funzionario" della FSA senza nome che ha dichiarato:

"Abbiamo deciso di fare un annuncio per mantenere vivo lo slancio del G7. Prima è, meglio è".

Tuttavia, Nikkei ha aggiunto che alcuni clienti russi sanzionati potrebbero cercare di aggirare tali blocchi "usando pseudonimi", così come altre misure, e ha dichiarato che "l'efficacia" della sospensione è "incerta".

Indipendentemente da ciò, la Japanese Virtual Currency Exchange Association (JVCEA), l'organizzazione di autoregolamentazione che comprende tutti gli exchange di criptovalute registrati della nazione, sta anche progettando di creare una serie di linee guida per i suoi membri - volte a far rispettare le sanzioni.

Nikkei ha riferito che l'organismo è impostato per tenere colloqui con la FSA nel tentativo di garantire che i fondi non fluiscano da e verso i russi soggetti a sanzioni attraverso le imprese giapponesi legate alla tecnologia crypto.

In precedenza, tutti i più grandi exchange di criptovalute della Corea del Sud hanno fatto un passo avanti - vietando tutte le transazioni di criptovalute e le richieste di creazione di account fatte da indirizzi IP russi.

Allo stesso tempo, sembra che l'emittente di stablecoin USDT Tether non abbia intenzione di fare lo stesso.

Venerdì scorso, il vice primo ministro ucraino Mykhailo Fedorov ha chiesto direttamente a Tether e al suo CTO Paolo Ardoino di "fermare qualsiasi transazione con i russi! Per la pace!"

E mentre l'azienda non ha risposto direttamente a Federov, secondo una dichiarazione citata da Bloomberg, hanno detto che,

"Tether conduce un costante monitoraggio del mercato per garantire che non ci siano movimenti irregolari o misure che potrebbero essere in violazione delle sanzioni internazionali".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- EU Clarifies Crypto-Related Sanctions on Russia & Belarus, But Questions Remain
- Russian Banks Eye CNY Solution as Central Bank Bars Forex Sales; New Sanctions Approved
- Nuovi strumenti di screening delle sanzioni per le crypto
- Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin