JP Morgan integrerà l’intelligenza artificiale in ogni attività della banca

Marcello Bonti
| 3 min read

L’intelligenza artificiale (AI) si prepara a fare il suo ingresso nel mondo bancario, e il leader mondiale tra le banche d’investimento JPMorgan si prepara a fare scuola.

Secondo Jamie Dimon, CEO di JPMorgan, l’intelligenza artificiale si può integrare in ogni processo operativo bancario.

Che si tratti di negoziazione, copertura, ricerca o rilevamento di errori, l’intelligenza artificiale è in grado di offrire soluzioni ottimizzate e semplificare le attività bancarie tradizionali.

JPMorgan si prepara a integrare l’AI in ogni operazione della banca


Jamie Dimon, CEO di JPMorgan, intervistato da Bloomberg ha descritto il futuro della banca d’investimenti più famosa al mondo: l’intelligenza artificiale verrà impiegata in tutte le operazioni della banca.

Che si tratti di analisi di errori, trading o ricerca, l’intelligenza artificiale ha il potenziale per svolgere un ruolo centrale.

“Ogni applicazione, ogni database, può trarre vantaggio dall’intelligenza artificiale.”

L’IA può offrire più che una semplice assistenza, può sostituire gli esseri umani in determinate operazioni.

Per esempio, l’intelligenza artificiale effettua gran parte delle operazioni di investimento azionario presso JPMorgan. I modelli linguistici avanzati hanno già un ruolo attivo nella generazione di idee e soluzioni specifiche.

JPMorgan è anche all’avanguardia nel campo delle sperimentazioni e la ricerca sull’intelligenza artificiale. In questo settore sono impiegate migliaia di persone, tra cui alcuni dei migliori scienziati del mondo.

Che impatto avrà l’AI sull’occupazione


A Dimon è stato chiesto che impatto avrà l’intelligenza artificiale sull’occupazione. Il CEO ha ammesso che questa tecnologia sostituirà alcuni posti di lavoro.

D’altra parte, ha aggiunto, la tecnologia ha sempre avuto questo effetto.

L’argomento è noto ed è vecchio quanto l’uomo stesso: nel suo complesso la tecnologia porta straordinari benefici all’umanità, a scapito di vecchie procedure.

Nonostante gli innegabili vantaggi dell’intelligenza artificiale, Dimon riconosce che esistono degli svantaggi, incluso il rischio di un uso improprio, in particolare nel cyberspazio.

Tuttavia, è ottimista riguardo alla possibilità di limitare queeto pericolo attraverso una legislazione adeguata.

Dimon ha espresso la speranza che i dipendenti sostituiti dalle AI possano essere ricollocati in altre posizioni, riducendo così al minimo i disagi.

Questioni etiche in ambito bancario sollevate dall’AI


L’aumento dell’impiego dell’intelligenza artificiale in ambito finanziario solleva gravi questioni etiche.

Tra i nodi che il legislatore e la società dovranno sciogliere ci sono la garanzia di trasparenza ed equità delle decisioni in merito all’AI, o la protezione dei dati dei clienti, visto il massiccio impiego che ne fa l’AI per generare le risposte.

Oltre all’impiego delle innovazioni dell’intelligenza artificiale, le banche devono garantire un’attiva supervisione della modalità del suo utilizzo.

Quindi, anche se è la tecnologia a “prendere l’iniziativa”, solo la costante supervisione umana garantisce che l’AI agisca nell’interesse di tutti.

L’intelligenza artificiale anche al servizio del mondo crypto e web3


I progressi dei sistemi di machine learning e di elaborazione dei big data hanno favorito la nascita di numerosi progetti utili anche nell’ambito del trading crypto.

Tra gli strumenti a disposizione dei trader c’è yPredict in grado di elaborare stime preziose per gli investimenti crypto.

Si tratta di un progetto innovativo, non ancora lanciato sul mercato e attualmente in prevendita, che finora ha raccolto oltre 4,16 milioni di dollari.

yPredict utilizza modelli avanzati basati sull’intelligenza artificiale per elaborare i dati utili a massimizzare la resa del trading crypto.

È in grado di offrire previsioni di prezzo molto accurate per valute come Bitcoin ed Ethereum.

Il progetto lavora allo sviluppo di un marketplace per rendere questi modelli predittivi accessibili a tutti i trader. Gli abbonati potranno personalizzare i modelli e utilizzarli per perfezionare le loro strategie di investimento.

Partecipare alla prevendita del token nativo del progetto YPRED è semplice, basta visitare il sito ufficiale di yPredict.ai e collegare il wallet crypto.

Al momento 1 token YPRED costa 0,11$.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

 

Segui Cryptonews Italia sui canali social