JPMorgan Valuta i Wallet di Identità Digitale per il Web3

Wallet
Fonte: AdobeStock / Alexey Novikov

La grande banca d'investimento JPMorgan sta valutando un futuro nel "nuovo web" in cui gli utenti "potranno attraversare liberamente i mondi digitali in modo affidabile, utilizzando un'unica identità digitale in più luoghi".

JPMorgan valuta l'idea di un Wallet digitale

In particolare sta valutando l'idea di un wallet digitale o di una soluzione di ID digitale Web3. Non è chiaro a che punto sia con lo sviluppo di questo progetto.

Nel sito web di JPMorgan si legge:

"Il Web3 richiede un nuovo modo di interagire con gli asset digitali, di proteggere le nostre identità e di accedere all'economia del futuro".

JPMorgan gestisce la sua blockchain aziendale Liink sotto un ramo separato della società, noto come Onyx. Liink, un tipo di blockchain centralizzata e autorizzata destinata all'uso interno, è descritta da JPMorgan come una "soluzione di pagamenti bancari commerciali on-chain".

Onyx ha dichiarato in un video che sta lavorando per trasformare "il futuro dell'identità digitale e degli asset digitali", consentendo agli utenti di:

"Controllare la propria identità digitale e i propri asset digitali utilizzando un unico wallet digitale".

L'azienda, come afferma nel video, sta esplorando un futuro digitale in cui gli utenti saranno in grado di archiviare, visualizzare e condividere asset digitali legati alla loro identità digitale, il tutto in un unico luogo.

Onyx sostiene che la proprietà e il controllo della propria identità digitale sono fondamentali nella trasformazione delle interazioni online a cui stiamo assistendo. Questo comporta non solo la comunicazione, ma anche l'espressione di sé e l'autenticazione della propria identità, degli asset digitali, degli oggetti di valore e persino dei ricordi.

Secondo quanto riferito da Onyx, la proprietà e il controllo della propria identità digitale sono fondamentali per la trasformazione delle interazioni online a cui stiamo assistendo. Questo comporta non solo la comunicazione, ma anche l'espressione di sé e l'autenticazione della propria identità, degli asset digitali, degli oggetti di valore e persino dei ricordi.

Grazie a questa nuova soluzione dell'azienda, gli utenti sarebbero in grado di scegliere le credenziali di identità che vogliono condividere nelle loro interazioni online, attraverso il Web3, i protocolli di finanza decentralizzata (DeFi) e il metaverso.

Nel video dell'azienda si afferma che sarà possibile proteggere la propria identità utilizzando, ad esempio, solo il credit score per le opzioni buy-now, pay-later e non rivelando tutte le informazioni personali.

Inoltre, sarà possibile dimostrare la proprietà dei token non fungibili (NFT) su diverse piattaforme.

Il prodotto consentirà inoltre ai creatori di contenuti di spostarsi da una piattaforma all'altra e portare con sé la propria community.

Onyx ha dichiarato nel video che il prodotto è attualmente in fase di sviluppo, ma ha anche aggiunto un disclaimer che dice,

"La soluzione discussa è una bozza di un concetto e non un prodotto reale. Non vi è alcuna garanzia che JPMorgan offrirà la soluzione".

Nel frattempo, a settembre, JPMorgan ha annunciato di essere alla ricerca di un esperto di Web3. L'azienda cercava un Business Development Manager da inserire nel team Technology, Media, and Telecom West Coast, con particolare attenzione alle aziende nordamericane.

Pochi giorni fa, la banca ha assunto Aaron Iovine, ex dirigente del prestatore di criptovalute in fallimento Celsius.

Nel 2019 JPMorgan ha lanciato un token digitale centralizzato, noto come JPM Coin.

Guardate il video completo qui:

____

Leggi anche: 

Segui Cryptonews Italia sui canali Social