JRR Token bandito dall'ente legale dell'autore J.R.R Tolkien

J.R.R. Tolkien
Fonte: AdobeStock/David Pimborough

JRR Token, una criptovaluta denominata con eccezionale somiglianza al marchio del leggendario scrittore J.R.R. Tolkien, è stata bandita dall'ente legale dell'autore.

Gli avvocati della Tolkien Estate, l'ente legale che gestisce la proprietà e il copyright per la maggior parte delle opere di J.R.R Tolkien, sostenevano che la criptovaluta violasse il marchio dello scrittore inglese, che raggiunse la fama con il suo romanzo fantasy "Lo Hobbit" e la sua inventiva epica fantasy "Il Signore degli Anelli".
 

La Tolkien Estate si è accordata con lo sviluppatore di token JRR, Matthew Jensen, che ha pagato una somma non divulgata per le spese legali dell'ente.

"La proprietà di Tolkien è vigile nell'impedire a parti non autorizzate di sfruttare il nome di JRR Tolkien e il contenuto delle opere letterarie di JRR Tolkien", ha detto Steven Maier, avvocato per la proprietà di Tolkien.

La Tolkien Estate ha anche recuperato con successo il nome di dominio "jrrtoken.com", secondo il WIPO Arbitration and Mediation Center, che mostra che la denuncia è stata presentata il 7 agosto.

L'OMPI ha stabilito che il nome di dominio contestato è "identico o confusamente simile al marchio" ed è stato registrato e utilizzato in "malafede". A seguito della sentenza, Jensen ha sostituito il nome di dominio con "thetokenofpower.com".

Tuttavia, la Tolkien Estate ha sostenuto che il raffinato sito web includeva ancora immagini indicative delle opere dell'autore, comprese immagini di anelli, case di Hobbit, motti simili e un mago con una notevole somiglianza con Gandalf, un protagonista dei romanzi di J.R.R. Tolkien.

D'altra parte, gli avvocati di Jensen hanno sostenuto che il dominio può essere distinto dal marchio "JRR Tolkien" della proprietà di Tolkien, a causa "della chiara differenza di significato e impressione commerciale", nonché della differenza nell'aspetto visivo dei marchi.

"In particolare, il marchio J R R TOLKIEN del denunciante contiene le lettere aggiuntive "L" e "I" che sono assenti dal nome di dominio contestato. Anche la pronuncia è diversa", hanno affermato gli avvocati di Jensen.

Tuttavia, la controversa criptovaluta si è impegnata a fermare tutte le operazioni sotto il nome contestato. A partire da ora, l'account Twitter del token JRR e il suo sito Web sono stati rimossi.

Alla fine di ottobre, una criptovaluta che sembrava rappresentare la serie di successo di Netflix Squid Game ha iniziato ad attirare l'attenzione del mainstream, aumentando in pochi giorni di oltre il 45.000%. Tuttavia, la criptovaluta, promossa come token play-to-earn, è crollata vicino allo zero.

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 ____

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Per saperne di più:

- Mistero dietro il token SQUID ispirato alla serie di Netflix
- Nuovo Pirate Bay "educativo" con versioni jpg degli NFT
- Risoluzione "definitiva e vincolante" di Mt. Gox concordata
- Processo sulla persona che dice di essere Satoshi Nakamoto
- Giappone: il caso del mining di Monero ha udienza a dicembre
- CFTC Fines Tether For Lying & Bitfinex For 'Illegal' Transactions + More News