01 maggio 2021 · 4 min read

Come sta prendendo forma il panorama della DeFi nel 2021?

Disclaimer: la sezione Industry Talk presenta approfondimenti da parte di attori del settore cripto e non fa parte del contenuto editoriale di Cryptonews.com.

Market Across

La finanza decentralizzata è spesso considerata un fenomeno relativamente nuovo nelle criptovalute, ma esiste da diversi anni in varie forme. MakerDAO è stata fondata nel 2015, Aave ha iniziato la sua vita come ETHLend nel 2017 e Uniswap è emerso nel 2018. Ma è giusto dire che per molte persone il 2020 ha segnato un momento di spartiacque nel progresso della DeFi quando tutto davvero iniziò.

Mentre gli speculatori si sono precipitati a capitalizzare l'opportunità di grandi ritorni, anche gli sviluppatori e gli investitori di venture capital hanno rivolto maggiore attenzione alla DeFi. Ora, nel 2021, stiamo iniziando a vedere emergere protocolli più avanzati mentre i mercati DeFi iniziano ad assomigliare più da vicino alle loro controparti tradizionali. Alcuni progetti hanno persino iniziato a fondere concetti cripto nativi come le stablecoin con asset tradizionali per creare prodotti completamente nuovi.

Allora come si sta trasformando la DeFi nel 2021 nei vari segmenti?

Gestione degli Asset

Poiché il panorama DeFi è diventato più complesso, diventa sempre più difficile per gli investitori tenere traccia dei propri portafogli. Nella finanza tradizionale, gli asset manager hanno un ruolo da svolgere nell'aiutare i clienti a mantenere un portafoglio ottimale in base alla loro propensione al rischio e agli obiettivi di investimento.

Nella DeFi, c'è l'opportunità di automatizzare parte o tutto questo ruolo utilizzando contratti intelligenti (smart contract). Inoltre, la gestione degli asset su una blockchain presenta altri vantaggi. I fondi e la loro composizione sono trasparenti e le modifiche sono visibili in tempo reale. A causa della trasparenza, ci sono poche possibilità di gioco scorretto.

Cook Protocol è uno dei progetti che cercano di capitalizzare il mercato in crescita della gestione degli asset cripto con una piattaforma cross-chain decentralizzata. Con una singola interfaccia utente, i gestori di fondi possono implementare ed eseguire strategie, mentre gli utenti e gli investitori quotidiani possono navigare e contribuire al set up dei fondi sulla piattaforma. Il protocollo utilizza Nexus Mutual per garantire che le eventuali perdite derivanti da errori di contratti intelligenti all'interno di progetti DeFi autorizzati siano completamente assicurati.

Trading a margine

È solo negli ultimi anni che il trading a margine è diventato popolare nel più ampio spazio delle criptovalute, poiché il mercato dei derivati è cresciuto in modo esponenziale. Tuttavia, con il rapido sviluppo della DeFi, la domanda di trading a margine è aumentata poiché gli speculatori cercano modi per amplificare i loro guadagni.

L'anno scorso, alcuni diversi protocolli di trading a margine sono entrati nello spazio DeFi. Tuttavia, molti hanno fatto affidamento su transazioni fuori catena per garantire il margine, il che significa che hanno compromesso in qualche modo l'elemento "decentralizzato" della DeFi.

Un protocollo più recente chiamato UniMex  afferma di aver risolto questo problema sfruttando i pool di prestito da cui i trader possono prendere in prestito per eseguire operazioni long o short. I trader pagano una commissione, che viene distribuita tra coloro che forniscono liquidità ai pool a margine.

Opzioni

Le opzioni sono arrivate anche più tardi nello spazio delle criptovalute rispetto al trading a margine, con Deribit come unico operatore fino al 2019 circa. Le opzioni svolgono un ruolo importante nel mondo del trading con posta in gioco alta, in quanto forniscono un'opportunità per proteggersi dalle perdite.

Ad esempio, se apri un contratto future ambizioso che dura a lungo su un asset, l'apertura di un'opzione put che offre l'opportunità di vendere può aiutare a compensare alcuni dei rischi, con solo il premio dell'opzione come potenziale perdita.

Premia è un esempio di un progetto che mira a colmare questa lacuna nella DeFi. È dotato di un mercato in cui gli utenti possono acquistare e vendere opzioni call e put per una gamma di token supportati basati su Ethereum e Binance Smart Chain. Consente inoltre agli utenti di coniare le proprie opzioni call e put e di mettere in staking i token Premia per guadagnare una quota delle commissioni della piattaforma.

Stablecoin

L'idea delle stablecoin è tutt'altro che nuova. Le stablecoin sono state uno dei fattori che hanno accelerato la crescita della DeFi negli ultimi anni. Tuttavia, lo spazio delle stablecoin è attualmente dominato da una piccola gamma di token garantiti dal dollaro USA, principalmente USDT e USDC e DAI di Maker.

BondAppétit sta cercando di ristabilire questo equilibrio introducendo una stablecoin ancoratoa al dollaro sostenuta da obbligazioni. Chiunque può coniare la propria stablecoin nativa di BondAppétit, chiamato USDap, mettendo in staking le obbligazioni come garanzia. Gli utenti possono continuare a guadagnare dalle obbligazioni mentre sono in staking nel protocollo.

Componibilità

La componibilità è al centro di ciò che rende la DeFi una proposta così avvincente. Si riferisce alla funzionalità che consente ad un utente di trasferire fondi attraverso più protocolli utilizzando una singola transazione, consentendo profitti rapidi attraverso veicoli come i prestiti flash. Tuttavia, finora, la componibilità è stata limitata a quei protocolli basati sulla stessa blockchain. La prossima era della componibilità sarà cross-chain.

Ci sono già alcuni primi segnali. pTokens consente agli utenti di effettuare un deposito iniziale di un asset, ad esempio BTC. Chiedono quindi l'equivalente in pBTC emesso su Ethereum. Ciò consente loro di depositare il loro BTC in qualsiasi app DeFi basata su Ethereum senza convertirlo in ETH o in un token ERC20. La velocità di entrata / uscita e il costo sono entrambi più ottimali rispetto ad alternative come il wBTC.