16 febbraio 2021 · 4 min read

YouTuber con 13,6 milioni di iscritti arruolato per publicizzare Tron: Justin Sun nega

Uno YouTuber con oltre 13,6 milioni di abbonati e oltre 5 milioni di follower su Twitter ha dichiarato di essere stato contattato per la promozione del token tron (TRX)  – un'accusa che il capo di Tron Justin Sun si è affrettato a negare, nonostante lo scetticismo della comunità cripto.

Marques Brownlee. Fonte:  video screenshot, Youtube/Marques Brownlee

La controversia è iniziata quando lo YouTuber in questione, Marques Brownlee (aka MKBHD) ha trasmesso in streaming in diretta un video esplicativo sul fenomeno dogecoin (DOGE) . Intorno alla metà del video, tuttavia, ha iniziato a descrivere un'e-mail che ha ricevuto, sostenendo che proveniva da Tron o da qualcuno che lo rappresenta.

Ha dichiarato che l'email conteneva informazioni dettagliate su come Tron ha pagato influencer di alto profilo come le pop star Lindsay Lohan e Ne-Yo per creare tweet sponsorizzati sui loro social media, senza rivelare pubblicamente di essere affiliati a Tron, ribadendo le accuse che potrebbero mettere Sun nei guai con la Securities and Exchange Commission americana.

Brownlee ha continuato dicendo che l'email conteneva collegamenti ai post delle celebrità, che si erano impegnate in quello che ha definito "comportamento imbarazzante".

E il mittente dell'e-mail ha continuato a chiedere a Brownlee se sarebbe stato disposto ad accettare la sponsorizzazione in cambio di post su Tron sulle sue piattaforme social .

La presunta email condivisa da Brownlee. Fonte: uno screenshot del video, Youtube / Marques Brownlee

 

Ma Brownlee ha avuto una scarsa opinione dell'approccio, sostenendo che fosse un esempio dell'antitesi stessa di un progetto come DOGE, dove la crescita era organica.

Ha detto di Tron,

“Chiaramente si prendono troppo sul serio. Hanno persone con una posta in gioco, che pagano le persone per parlarne per ottenere, si spera, più attenzione e per aumentare il volume e aumentare i prezzi e una strategia del genere risulta così poco sincera e quindi forzata. "

Quindi, riferendosi ai commenti in diretta sul suo stream, lo YouTuber ha aggiunto,

“Guardate i commenti, tutti! Le persone ne sono già deluse. In realtà le persone lo odiano proprio".

Il reclutamento di "influencer" retribuiti per promuovere sottilmente aziende, prodotti e servizi è una pratica comune nel mondo delle pubbliche relazioni e una tattica comune per le agenzie.

Indipendentemente da ciò, Sun si è affrettato a negare le accuse secondo cui aveva qualcosa a che fare con l'organo di governo di Tron – rispondendo al post di Brownlee su Twitter, scrivendo,

“Mi spiace, non è stato autorizzato dalla Fondazione Tron. Lavoreremo con la nostra comunità e vedremo se riusciamo a trovare informazioni su questo incidente ".

E in una separata serie di tweets, Sun prende le distanze ancora di più dagli approcci, scrivendo,

“Recentemente ci sono state voci di celebrità di terze parti pagate per promuovere Tron. La Fondazione Tron non è coinvolta in queste attività. Né la fondazione è a conoscenza degli attori che stanno dietro a questo ".

Ha scritto che Tron "crede che la trasparenza sia la chiave", aggiungendo: "Se qualche celebrità venisse pagata per promuovere Tron, chiederemmo loro di specificarlo".

Su Twitter, un certo numero di commentatori non sono sembrati convinti, con il co-fondatore di EthHub che ha affermato che l'e-mail era la prova che Tron chiedeva a Brownlee di "publicizzare" il token "sotto pagamento".

Il direttore della ricerca di The Block Larry Cermak ha affermato che era "chiaro" che la mossa non era partita dalla Fondazione Tron, ma ha aggiunto che era comunque una "cosa davvero brutta" in quanto "qualcuno sta pagando per questa campagna ed è sicuramente consapevole della strategia."

Altri erano molto più sospettosi, con uno che esprimeva incredulità sul fatto che "tre celebrità della lista D si siano alzate e abbiano deciso di twittare su TRON lo stesso giorno".

La terza presunta celebrità sponsorizzata da Tron è l'attrice e regista porno Kendra Lust.

Un crypto podcaster ha deciso di portare il sarcasmo a 11.

@justinsuntron ti crediamo tutti

— Luke Martin (@VentureCoinist) 

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src="//platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");

L'anno di Sun sta iniziano in modo decisamente torrido. Oltre alle ultime accuse, sta anche combattendo l'attacco dei principali politici americani, con DLive, una piattaforma di streaming decentralizzata che sta sotto BitTorrent (BTT), accusata di consentire agli estremisti di destra di condividere le loro opinioni prima dell'assalto al Campidoglio all'inizio di gennaio.

I politici affermano che DLive ha consentito agli streamer di raccogliere fondi in criptovaluta tramite la piattaforma, con alcuni che hanno persino ricevuto pagamenti per lo streaming video pubblicato dall'interno del Campidoglio.

E Sun ha anche ammesso di aver perso ben 8 milioni di dollari su un investimento in azioni GameStop, aggravando la posizione per il capo di Tron.

Al momento della redazione (08:53 UTC), TRX è scambiato a 0,053 USD ed è aumentato del 2% in un giorno e del 30% in una settimana. È cresciuto del 75% in un mese.
___

Maggiori informazioni: 
- Justin Sun Incites SEC With Tron Shilling After Suffering USD 8m GameStop Loss
- Active Addresses Number of Tether's Tron Version Eclipsed Ethereum Version
- Tron's Justin Sun Jumps On the GME Purchase Bandwagon With USD 1M Bag
- Tron's Justin Sun Forced To Explain Himself Over Dictatorship Accusations Again
- Justin Sun Says Only These People Question Him
- The Tron/Justin Sun Scandal Gets Hotter as Cryptoverse Seeks Explanation