Emergono indizi chiave su cosa pensa davvero Pechino di Bitcoin e del mining

Tim Alper
| 3 min read

Ulteriori dettagli stanno emergendo su quale sia esattamente l’attuale posizione della Cina sul mining di criptovalute e sulle criptovalute – dopo giorni di rapporti confusi sulle politiche normative di Pechino.

Fonte: Adobe / nyiragongo

L’ultima grande repressione delle criptovalute della Cina è avvenuta nel settembre 2017, quando il governo ha vietato agli exchange di criptovalute di operare nel paese e ha bloccato le offerte iniziali di monete (IOC). Tuttavia, Pechino – fino a poco tempo fa – ha permesso che il mining continuasse senza controllo, un fatto che ha aiutato la Cina a diventare il centro di gravità del mining mondiale di Bitcoin (BTC).

Negli ultimi mesi, tuttavia, sembra che Pechino sia diventata desiderosa di agire per esercitare pressioni sulle singole province affinché ripuliscano la loro produzione di energia al fine di raggiungere gli obiettivi sulle emissioni di carbonio. Molti hotspot hanno detto ai miner che probabilmente dovranno andarsene, mentre un esperto ha recentemente notato che i miner cinesi stanno attualmente cercando “aggressivamente” di trasferirsi all’estero, e ci sono rapporti secondo i quali alcuni pool chiave hanno già interrotto le loro operazioni sulla terraferma.

Tuttavia, la domanda sulle labbra di molte persone ora sembra essere questa: la Cina ha effettivamente cambiato la sua posizione su tutto ciò che riguarda le criptovalute?

A causa della posizione avidamente pro-blockchain della nazione, le corse al rialzo sul mercato spesso spingono i media statali cinesi a rilasciare dichiarazioni piene di avvertimenti sulla volatilità delle criptovalute e ricordando ai cittadini che blockchain e Bitcoin sono cose molto diverse.

Un recente articolo editoriale pubblicato dall’agenzia di stampa statale Xinhua potrebbe aver contribuito a gettare un po’ più di luce sulla questione della “repressione”.

Il pezzo conteneva molte dichiarazioni sul controllo dell’ “eccitazione” intorno alle criptovalute e sulla natura “speculativa” dei token – niente di straordinario per Pechino. Ma soprattutto, c’è stata anche un’oscillazione quasi senza precedenti nel mining di criptovalute, disegnando un collegamento con i fattori ambientali.

Il suo autore ha scritto:

“Le attività di mining di Bitcoin usano spesso il tag “Big Data project” come copertura quando ingannano i governi locali. Consumano molte risorse energetiche e non sono in linea con gli obiettivi di neutralità del carbonio”.

Un certo numero di centri di mining cinesi si chiamano effettivamente data center o centri di ricerca sui Big Data, sebbene il loro status di mining farm sia ben noto in tutto il paese.

In modo minaccioso, il pezzo ha concluso che nel caso di “progetti di mining di Bitcoin”, era necessario eseguire “pulizie” e “arresti” “tempestivi”.

Nel frattempo, su Twitter, Matthew Graham, amministratore delegato di Sino Global Capital, con sede in Cina, ha condiviso quello che ha dichiarato essere un promemoria “di un esperto di Pechino che è estremamente qualificato, ma che non fa parte del governo cinese”. Graham ha affermato che il punto di vista di questo esperto anonimo era a suo avviso “quanto di più autorevole possibile”.

L’esperto ha affermato che una recente dichiarazione congiunta sulle criptovalute di tre regolatori finanziari era “più un messaggio dall’alto verso il basso che istruisce i regolatori (inclusa la Banca centrale del popolo cinese) a rivedere le questioni e possibilmente ad elaborare linee guida o regolamenti per gestire al meglio il mercato. Il governo deve almeno fingere di avere il controllo “.

La fonte ha continuato:

“La mia opinione è che tutto questo riguardi la legittimità del Partito Comunista Cinese (PCC); vale a dire, la stabilità della valuta e del sistema bancario cinese è importante per dimostrare che il PCC ha il pieno controllo “.

E l’esperto anonimo ha concluso che “la volatilità è un segno minaccioso” per Pechino e che le criptovalute non erano in cima all’agenda del gruppo. Né l’incontro è stato un vertice di emergenza.

“Eventuali alti e bassi nel sistema dovrebbero essere appetibili. Vogliono sempre buone notizie! Di conseguenza, Pechino ha micro-gestito per decenni l’RMB (Renminbi – valuta del popolo), il forex ed ha esercitato controlli sui capitali. Faranno lo stesso con la valuta digitale e possiamo quindi anticipare una maggiore regolamentazione. L’incontro era anche di routine e non qualcosa che si concentrava su un problema specifico o su bitcoin in generale,” secondo il memo condiviso.
____
Per saperne di più: 
Bitcoin Mining Council: Promotion, Cabal, Attack on BTC, or Pointless?
Analysts See ‘Seismic shift’ In Bitcoin Mining Amid Chinese ‘Crackdown’

No, China Didn’t Just Ban Crypto (Again): Here’s What Really Happened
Does Digital Yuan Threaten Global Stability?