Kraken multato dal governo USA per non aver applicato sanzioni all’Iran

Christian Boscolo
| 1 min read

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato che l’exchange di criptovalute Kraken ha accettato di pagare una multa di 362mila dollari per aver violato le sanzioni contro l’Iran. 

Kraken era stato indagato dall’Office of Foreign Assets Control del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, o OFAC, nel luglio 2022. Alla fine, si è scoperto che Kraken permetteva scambi di crypto tra e verso l’Iran oltre ad altre nazioni sotto sanzioni del governo USA.

Tutto risale al 2019

L’indagine era iniziata nel 2019 tramite “cinque persone coinvolte o a conoscenza dell’indagine”, secondo il New York Times. Le indagini hanno rivelato che oltre 1.500 utenti iraniani avevano account su Kraken a giugno 2022. Inoltre, lo scambio di criptovalute era accessibile anche a 149 utenti in Siria e 83 a Cuba.

L’Iran è soggetto a sanzioni statunitensi dal 1979. Queste sanzioni vietano l’esportazione di beni o servizi a organizzazioni o persone all’interno della nazione. L’elenco dei paesi proibiti comprende anche Siria e Cuba. 

L’OFAC ha affermato che Kraken non è riuscito a implementare meccanismi che rilevano la geolocalizzazione e gli indirizzi IP degli utenti, in modo da escludere quelli di nazioni sanzionate. Come parte dell’accordo, Kraken investirà $ 100.000 in controlli di conformità, comprese misure di formazione e tecnologia per aiutare nello screening delle sanzioni.

Non è la prima volta, Kraken

Kraken ha avuto anche in passato un rapporto travagliato con gli organismi di regolamentazione. L’anno scorso, l’exchange con sede negli Stati Uniti, è stato multato di 1,25 milioni di dollari per attività commerciali illecite. 

Multe che arrivano proprio quando più aziende di criptovaluta tentano di ristabilire la fiducia degli utenti dopo la scomparsa di FTX.

 

Leggi Anche:

 

Segui Cryptonews Italia sui canali social