La SEC statunitense deciderà su due ETF Bitcoin Spot entro il 17 novembre

Sauro Arceri
| 3 min read

Secondo Bloomberg Intelligence, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti dovrebbe annunciare le sue decisioni relative a due ETF Spot su Bitcoin entro il 17 novembre.

I due ETF, Hashdex Bitcoin ETF (DEFI) e Franklin Bitcoin ETF, hanno entrambi una prima scadenza decisionale il 17 novembre 2023 e una seconda scadenza decisionale il 1° gennaio 2024. Poiché le date elencate rappresentano le date finali di decisione, la SEC potrebbe rilasciare i risultati prima delle scadenze.

L’Hashdex Bitcoin ETF ha iniziato a negoziare nel settembre 2022. Diversamente dagli ETF sostenuti da derivati, il DEFI è stato depositato ai sensi del Securities Act del 1933 anziché dell’Investment Company Act del 1940.

Sebbene il Presidente della SEC Gary Gensler abbia espresso la sua preferenza per la Legge del 1940, per la sua maggiore protezione degli investitori, la potenziale approvazione del DEFI potrebbe far avanzare il progresso di casi simili.

Il presidente di The ETF Store, Nate Geraci, sostiene che:

“Il lancio dell’ETF Hashdex Bitcoin rafforza il caso di un ETF Bitcoin spot, poiché utilizza la stessa struttura del fondo. In ogni caso, un ETF Spot non sarà approvato fino a quando la SEC non avrà una supervisione normativa sugli exchange di criptovalute”.

È stato anche indicato che un altro ETF Bitcoin, la domanda ripresentata da Global X insieme a Coinbase come partner di “condivisione della sorveglianza”, riceverà la sua decisione entro il 21 novembre.

Un nuovo token alternativo incentrato sull’approvazione dell’ETF Bitcoin Spot sta attirando l’attenzione degli investitori


La nuova prevendita di Bitcoin ETF Token (BTCETF) offre l’opportunità di guadagnare dall’approvazione dell’ETF Bitcoin Spot senza dover sostenere l’ingente investimento richiesto per diventare un wholecoiner.

Il token BTCETF, infatti, è attualmente disponibile al prezzo unitario di soli 0,0052 dollari. La prevendita sta procedendo rapidamente e in pochi giorni ha già raccolto più di 685.000 dollari.

Dal momento che il progetto ruota intorno alla “questione ETF”, la piattaforma Bitcoin ETF Token rilascerà presto la dApp ETF News, che invierà agli utenti continui aggiornamenti e notizie sullo stato dell’approvazione degli ETF Bitcoin Spot.

La piattaforma introduce anche lo staking, per incentivare la detenzione a lungo termine, e un meccanismo di combustione che, creando un meccanismo deflazionistico nel prezzo, rafforzerà il token BTCETF come alternativa a Bitcoin.

Il meccanismo iniziale di combustione sarà introdotto nel corso di un lancio DEX ben commercializzato, imponendo una tassa iniziale di combustione pari al 5% sulle transazioni – questa sarà ridotta del -1% ogni volta che verrà raggiunta una pietra miliare delle notizie sugli ETF Bitcoin spot.

Le pietre miliari per il meccanismo di combustione sono le seguenti:

  • Tappa 1 – Il volume di trading di BTCETF raggiunge i 100 milioni di dollari – la tassa sulle transazioni viene ridotta dal 5% al 4% e viene bruciato il 5% dell’offerta totale.
  • Tappa 2 – Il primo ETF Bitcoin viene approvato dalla SEC – la tassa sulle transazioni viene ridotta dal 4% al 3% e viene bruciato un ulteriore 5% dell’offerta totale.
  • Tappa 3 – Data di lancio del primo ETF Bitcoin – la tassa sulle transazioni viene ridotta dal 3% al 2% e viene bruciato un ulteriore 5% dell’offerta totale.
  • Tappa 4 – Il patrimonio gestito dell’ETF Bitcoin (AUM) raggiunge 1 miliardo di dollari – la tassa sulle transazioni viene ridotta dal 2% all’1% e viene bruciato un ulteriore 5% dell’offerta totale.
  • Tappa 5 – Il prezzo di Bitcoin raggiunge i 100.000 dollari – la tassa sulle transazioni viene ridotta dall’1% allo 0% e viene bruciato un ulteriore 5% dell’offerta totale.

Questo creerà una graduale diminuzione dell’offerta totale, lasciando alla fine circa il 70% di BTCETF in circolazione e inducendo una crescita dei prezzi al rialzo.

Non perdete quindi l’occasione di entrare in anticipo rispetto alla prossima tappa importante del rally di Bitcoin.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social