La strategia antiriciclaggio dell’Unione Europea è sbagliata!

Sauro Arceri
| 5 min read

La nuova normativa antiriciclaggio dell’UE rischia di compromettere l’attuale leadership nella regolamentazione delle criptovalute.

La leadership – in gran parte dovuta alla legislazione sui mercati degli asset crittografici (MiCA) recentemente approvata – prende generalmente la strada giusta concentrandosi sugli emittenti e gli intermediari di crypto-asset, ma si limita a regolamentare i nuovi protocolli DeFi, le pseudo-entità come le DAO e altre caratteristiche inedite dello spazio dei network crittografici peer-to-peer.

Secondo la stragrande maggioranza dei pareri, questa strategia molto discussa ha senso perché l’ambiente peer-to-peer e la DeFi richiedono uno studio e una riflessione più approfondita prima di poter prescrivere una regolamentazione adeguata. Ma le nuove disposizioni antiriciclaggio, attualmente in fase di negoziazione finale, sembrano purtroppo avere un approccio diverso.

Questo nuovo regolamento mira a ridurre i rischi di riciclaggio di denaro, di finanziamento del terrorismo e di altri finanziamenti illeciti in generale. Un obiettivo senza dubbio meritevole.

Il problema è che l’attuale bozza di queste leggi antiriciclaggio comprometterebbe in modo significativo il potenziale futuro della blockchain nell’Unione Europea.

Tanto per usare una metafora profana, l’effetto di queste leggi antiriciclaggio è paragonabile al sostituire il motore di un’automobile con un tiro di cavalli solo per evitare che questa possa superare i limiti di velocità.

Obbligare gli intermediari


È sorprendente quanto questo approccio sia antitetico a tutto ciò che l’UE sta cercando di realizzare attraverso il MiCA. In poche parole, il regolamento proposto dal Parlamento ridurrebbe notevolmente l’utilità della blockchain per le imprese dell’UE.

Limiterebbe a 1.000 euro l’importo che un’azienda può spendere o ricevere per beni e servizi utilizzando le criptovalute peer-to-peer, a meno che un fornitore di servizi di criptovalute non intermedi la transazione o la controparte dell’azienda “possa essere identificata“.

Questa restrizione ostacola gravemente i guadagni di efficienza commerciale e rappresenta un errore non forzato per l’UE dal punto di vista economico.

La nuova legislazione espande drasticamente la portata della conformità all’antiriciclaggio a praticamente tutte le imprese dell’UE, non solo a quelle che presumibilmente presentano rischi di riciclaggio di denaro.

Tale conformità richiederebbe a tutti i nuovi tipi di aziende che vogliono accettare pagamenti in criptovaluta di seguire procedure di conoscenza dei clienti incredibilmente costose e lunghe, oltre che onerose e invadenti per la privacy dei clienti.

La richiesta di intermediari per il commercio basato sulla blockchain cancellerà anche qualsiasi efficienza ottenuta dalla tecnologia. Una delle proposte di valore più chiare che le transazioni peer-to-peer su blockchain presentano è quella di consentire a tutte le aziende – non solo ai privati – di evitare un intermediario che richiede un pedaggio e fa perdere tempo.

Avere un intermediario che funge da conservatore dei registri è superfluo: La blockchain stessa serve a questo scopo

L’analisi della blockchain e il libro mastro immutabile della catena dicono già quasi tutto ciò che è necessario sapere per tracciare i fondi attraverso la rete. Si sta anche diffondendo la consapevolezza che i portafogli non ospitati non sono poi così privati, in quanto la loro storia di attività è di dominio pubblico.

Ci sono molti altri problemi pratici con questa intermediazione obbligatoria che allontanerebbero le imprese dalle transazioni peer-to-peer.

I tassi di cambio farebbero sì che alcune transazioni siano lecite quando vengono concordate, ma illegali quando vengono eseguite. Un tetto massimo per i pagamenti in criptovalute richiederebbe inoltre più metodi di pagamento a seconda dell’importo. I pagamenti non richiesti da parte dei clienti che superano il limite stabilito non possono essere bloccati o evitati da un’azienda a causa del funzionamento delle transazioni sulla rete.

Questi oneri e rischi sia per le aziende sia per i clienti renderebbero le transazioni peer-to-peer una responsabilità inaccettabile per molte aziende.

Anticipazioni sul MiCA 2


Il pacchetto di norme antiriciclaggio (AMLR) proposto dal Parlamento Europeo è impraticabile per le criptovalute almeno per un altro aspetto che richiede attenzione: il tentativo di regolamentare direttamente le Organizzazioni Autonome Decentralizzate (DAO) e la Finanza Decentralizzata (DeFi).

Regolamentare la DeFi in questo momento sarebbe un cambiamento preoccupante.

L’UE ha già deciso di affrontare le principali questioni relative alle DAO e alle DeFi in quello che è stato chiamato “MiCA 2“, che sarà redatto dopo un ampio studio nel corso di molti mesi. La proposta di una disposizione antiriciclaggio che obbliga i DAO e i protocolli DeFi a rispettare gli obblighi antiriciclaggio costituirebbe una prima fase di questo lavoro.

Anche il modo in cui l’AMLR dovrebbe regolamentare queste aree è pieno di problemi.

Una questione fondamentale è che l’AMLR non definisce nemmeno i “DAO” o i protocolli “DeFi”. Si limita a richiedere la conformità di tali entità se sono impegnate in “servizi di crypto-asset” e sono controllate “direttamente o indirettamente” da persone fisiche o giuridiche identificabili.

Ma l’AMLR non spiega adeguatamente cosa significhi “identificabile” o “controllo indiretto“, e ciò che costituisce un “servizio di crypto-asset” rimane preoccupantemente vago.

Questa disposizione rischia di richiedere ai DAO e ai protocolli che non presentano alcuna minaccia di riciclaggio di denaro, di implementare programmi antiriciclaggio onerosi. Solo per fare un esempio, questa disposizione pone le basi per le DAO che acquistano campi da golf e offrono vantaggi per il golf per sorvegliare i propri membri appassionati di questo sport.

Forse la questione più preoccupante è che la portata di questi obblighi non sembra essere limitata geograficamente.

Consideriamo le DAO e i protocolli DeFi di regioni lontane che hanno un’impronta minima nell’UE. Devono tutti conformarsi a questo requisito? Per quanto è dato sapere, un membro DAO o un partecipante al protocollo DeFi con sede nell’UE potrebbe essere sufficiente per richiedere la conformità.

I Triloghi possono risolvere questi problemi

Sebbene abbiano molte priorità in competizione tra loro, il Consiglio, la Commissione e il Parlamento dell’UE (noti anche come Triloghi) dovrebbero dedicare energie significative alla discussione di questi problemi.

Dopo aver condiviso tutti i punti di vista, l’opzione più semplice e migliore è quella di non includere queste disposizioni nel regolamento finale. Invece, sia il Parlamento sia il Consiglio dovrebbero continuare a impegnarsi con la Commissione e l’Industria per sviluppare un quadro normativo che non inibisca indebitamente i vantaggi delle reti blockchain.

Se si guarda al di là degli asset digitali come classe di investimento e alla tecnologia sottostante della blockchain peer-to-peer, ci si rende conto che è giovane e che il suo futuro a livello globale è brillante.

Facendo un passo indietro e dando alle parti il tempo di trovare risposte corrette e basate sul consenso, l’UE garantirebbe che i suoi recenti successi politici non vengano inavvertitamente sprecati e consoliderebbe ulteriormente la sua posizione di giurisdizione leader nello spazio della blockchain peer-to-peer.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social