31 mag 2022 · 4 min read

Investitori latinoamericani: "crypto verso la luna"

Crypto
Fonte: AdobeStock / harvepino

 

Un rapporto sullo stato delle crypto nella regione dell'America Latina ha concluso che è probabile che l'adozione continui a ritmo sostenuto per il resto dell'anno e troverà terreno fertile per la crescita nel mondo dei pagamenti transfrontalieri e delle "carte di credito crypto".

Il rapporto è stato pubblicato da Americas Market Intelligence (AMI), una società di informazioni di mercato focalizzata sull'America Latina.

Nelle sue previsioni per il resto del 2022, l'AMI ha affermato che mentre la parola "crypto" sarebbe "rimasta sinonimo di volatilità", ciò "attirerebbe" alcuni, ma potrebbe "scoraggiare" altri.

"Crypto verso la luna"

La società ha affermato che la maggior parte dei casi di adozione crypto si presenterebbe sotto forma di investitori privati, con gli acquirenti di criptovalute "che sperano di cavalcare i prezzi dei crypto asset " verso la luna'".  Gli autori del rapporto hanno scritto che gran parte di questa attenzione si concentrerà su "asset ad alta volatilità", incluso bitcoin (BTC) ed ethereum (ETH).

Gli autori spiegano che è probabile che il settore finanziario mainstream alimenterà questa crescente esigenza lanciando più wallet digitali e l'accesso alle criptovalute tramite app bancarie, oltre al "supporto limitato per altri casi d'uso come il movimento di denaro P2P [peer-to-peer]".

Evitata l'etichetta "crypto"

Alcuni sforzi di adozione "eviteranno attivamente l'etichetta" crypto ", hanno affermato gli autori, con account stablecoin "che vengono a soddisfare la domanda insoddisfatta" di "denaro stabile e pagamenti transfrontalieri regolari".

Gli autori hanno spiegato che i fornitori di questi servizi "cercherebbero di ridurre al minimo l'impressione di rischio e volatilità, anche evitando la parola" crypto ", utilizzando invece termini come "valuta digitale" o "dollaro digitale".

Exchange lanciano programmi di carte crypto

Gli autori del rapporto hanno affermato che gli exchange cercheranno di rimanere rilevanti lanciando "programmi di carte" che offrono ai clienti cashback BTC e altcoin "all'inizio", suggerendo che ulteriori piani di adozione potrebbero essere all'orizzonte. Hanno scritto:

“Il 2022 diventerà l'anno delle criptovalute. Dopo il lancio di carte di debito crypto da parte di operatori come Crypto.com, NovaDAX, altri exchange regionali si sentiranno spinti a lanciare i propri programmi di carte per rimanere competitivi".

I prodotti di finanza decentralizzata (DeFi) "faranno fatica a competere con le offerte finanziarie tradizionali per il momento", a causa delle esigenze di "sostanziale collateralizzazione" del settore, nonché di "un alto livello di sofisticatezza tecnica".

Tuttavia, i tassi di interesse DeFi elevati, "che superano di gran lunga quelli offerti dai conti di risparmio regionali", rimarranno interessanti e si prevede che "molti exchange regionali" "amplieranno l'accesso a questi tassi nei prossimi mesi".

Le CBDC sono ancora vietate

Si dice che le valute digitali delle banche centrali (CBDC) abbiano "un impatto limitato a breve termine" e forniscano "scarsa concorrenza per le criptovalute", nonostante il fatto che molte banche centrali della regione abbiano avviato progetti CBDC.

Gli autori hanno scritto:

“Nel breve termine, i vantaggi di queste tecnologie saranno minimi, soprattutto in paesi come Brasile e Messico, che dispongono già di solidi schemi di trasferimento bancario in tempo reale. [...] Molti consumatori si uniscono all'ecosistema delle criptovalute espressamente per rimuovere le loro finanze dalla competenza delle autorità di regolamentazione del governo e avrebbero scarso interesse per una moneta controllata dal governo".

Il rapporto ha anche mostrato una serie di differenze da paese a paese in termini di tasso di adozione. Mentre il 33% dei peruviani ha espresso interesse a ricevere rimesse di criptovalute, solo l'8% dei brasiliani condivideva questa opinione.

Mentre solo l'8% dei latinoamericani intervistati per il rapporto ha affermato di detenere criptovalute, quel numero era del 12% in Argentina, che è stata devastata dall'iperinflazione. Circa il 18% dei latinoamericani ha espresso interesse ad acquistare monete.

Ma se l'inflazione dovesse diffondersi in tutta la regione, questo potrebbe essere il fattore che spinge i residenti nel settore crypto.

Gli autori hanno affermato che il 54% delle persone "crypto-curiose" con cui ha parlato (a settembre 2021) "ha citato la "protezione del risparmio" come un vantaggio crypto chiave".

Anche l'inclusione potrebbe rivelarsi importante: il rapporto afferma che il 40% delle persone nella regione non ha un conto bancario "acceso".

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Durante la conferenza in El Salvador si parlerà di Bitcoin?
- Panamanian MP: Our Draft Crypto Law Is Different from El Salvador’s Bitcoin Law
- Brazil’s Biggest Neobank Makes Bitcoin Investment & Will Let Customers Buy BTC, Ethereum
-Importante banca argentina introdurrà il crypto trading
- About 50% of Surveyed Crypto Owners Made Their First Buy in 2021 - Gemini
- More Investors Enter Crypto But Keep Multiple Financial Service Providers - Survey