Le stablecoin rappresenteranno il 10% dell’economia mondiale entro 10 anni

Aniello Raul Barone
| 4 min read

L’adozione delle stablecoin è in crescita

Il CEO dell’emittente di stablecoin Circle, Jeremy Allaire, prevede che nell’arco dei prossimi 10 anni le stablecoin andranno a costituire il 10% dell’economia globale.

In un post pubblicato di recente sul social media X, Allaire ha condiviso la sua prospettiva ottimistica sull’evoluzione del mercato delle criptovalute, evidenziando in particolare la crescente accettazione e integrazione delle stablecoin nel sistema finanziario globale.

La tecnologia di Internet progredisce grazie alle criptovalute


Allaire ha sottolineato i rapidi progressi della tecnologia blockchain e il crescente utilizzo delle stablecoin per varie transazioni e servizi finanziari, indicando il loro potenziale di impatto significativo sull’economia nel prossimo decennio. Allaire ha dichiarato:

“Sono più ottimista che mai sulle criptovalute. Ho costruito @Circle per oltre 11 anni e in nessun momento sono stato più ottimista di adesso”.

Inoltre, Allaire ha affermato che Internet ha visto una massiccia ondata di reti, protocolli e software di tipo open, che hanno trasformato le industrie e la vita delle persone.

Per Allaire, la tecnologia crypto è “sul punto di catapultare in avanti la società e l’economia in nuovi modi tremendamente potenti”.

Finora, il potenziale di Internet è stato limitato dalla mancanza di un modo per garantire la piena affidabilità dei dati e delle transazioni, portando così a una maggiore dipendenza da entità centralizzate.

Le criptovalute hanno offerto la soluzione fornendo un quadro decentralizzato e affidabile.

Il futuro promettente delle stablecoin tra 10 anni


Allaire ha dichiarato:

“Gli asset digitali sono diventati una parte accettata del sistema finanziario globale emergente, in pratica tutti i principali governi del mondo hanno stabilito regole chiare su come gli asset digitali possono essere emessi, utilizzati e scambiati.”

Le stablecoin hanno visto una rapida crescita e un uso diffuso, emergendo come un’applicazione chiave delle criptovalute. Esse facilitano l’uso dei dollari digitali a livello globale, contribuendo allo sviluppo dell’economia on-chain. Il CEO di Circle ha previsto:

“Entro la fine del 2025, le stablecoin saranno ‘moneta elettronica legale’ quasi ovunque, il che le pone in condizione di diventare una porzione sempre più ampia del mercato delle valute elettroniche, che ammonta ad oltre 100 miliardi di dollari.”

Inoltre, Allaire si è chiesto:

“Come sarà quando il 10% del denaro economico globale sarà costituito dalle stablecoin…?”

Riteneva che tutte le sue previsioni sarebbero state realizzate nell’arco dei prossimi 10 anni o più, ma nel contesto attuale è difficile essere ottimisti sulla crypto-economia.

La SEC evidenzia i rischi dell’offerta IPO dell’emittente di stablecoin Circle


Nel frattempo, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha sollevato diversi dubbi sull’emittente di stablecoin Circle, in vista della sua IPO, l’offerta pubblica d’acquisto per quotarsi in borsa.

Una delle preoccupazioni dell’agenzia è legata alle informazioni inadeguate relative alla sua stablecoin USDC. Lo ha riferito la testata economica Barron’s il 18 giugno, citando documenti ottenuti attraverso una richiesta di dati pubblici.

Circle aveva inizialmente tentato di quotarsi in borsa nel 2021 attraverso una fusione con una società di acquisizione a fini speciali (SPAC). Ma il piano è fallito. All’inizio di quest’anno, la società stava discutendo con i consulenti per valutare un’IPO tradizionale.

All’epoca, un portavoce di Circle ha dichiarato:

“Diventare una società pubblica quotata negli Stati Uniti fa parte da tempo delle aspirazioni strategiche di Circle”.

Attualmente, USDC è la seconda più grande stablecoin a livello globale, con una capitalizzazione di mercato di 32,7 miliardi di dollari.

Sebbene Circle non abbia rivelato la valutazione desiderata per l’IPO, il suo precedente tentativo di fusione SPAC indicava una valutazione di 9 miliardi di dollari.

Rivelato l’esame lungo un anno dell’operazione IPO SPAC di Circle


Barron’s ha dichiarato di aver ottenuto 155 pagine di documenti relativi alla comunicazione tra la SEC e Circle quando la società ha cercato di quotarsi in borsa tramite una SPAC.

Secondo il giornale, la SEC e Circle si sono scambiati messaggi per quasi un anno, un periodo più lungo del solito. La SEC ha chiesto a Circle di aggiungere delle informazioni sul rischio potenziale che il suo token venisse classificato come titolo, e Circle si è adeguata.

Al momento della stesura di questo articolo, Circle non ha ancora risposto alla richiesta di commento di Cryptonews.

La possibilità che USDC venga classificato come titolo dalla SEC getta un’ombra sui piani di quotazione di Circle. Anche se le conseguenze esatte non sono ancora chiare, potrebbero essere previste potenziali sanzioni e regolamenti più severi.

Circle potrebbe incorrere in sanzioni pecuniarie ed essere costretta a registrarsi come broker-dealer, con conseguenti oneri di conformità.

Inoltre, i clienti potrebbero essere in grado di annullare gli acquisti passati di USDC, con un impatto sulla stabilità della stablecoin.

Le ambizioni di Circle negli Stati Uniti sono state frenate dagli interrogativi della SEC


Le preoccupazioni della SEC vanno oltre il fatto che la stablecoin USDC possa essere un titolo. L’agenzia si sta anche chiedendo se Circle stessa debba essere classificata come “società di investimento”, sottoponendola a regolamenti più severi.

Ciò significa che Circle potrebbe essere soggetta a una maggiore sorveglianza da parte della SEC, a obblighi di rendicontazione periodica e a limitazioni delle attività commerciali rispetto a una tipica società.

Inoltre, una classificazione di sicurezza per USDC introdurrebbe ostacoli alla registrazione e potenzialmente limiterebbe le transazioni con determinate aziende.

Per anni, società come Circle e Tether, leader nel mercato delle stablecoin, hanno insistito sul fatto che i loro prodotti non sono titoli.

Per far fronte a questa incertezza, hanno fatto pressione sul Congresso per ottenere una legislazione che definisse chiaramente le modalità di regolamentazione delle stablecoin.

Circle ha recentemente raddoppiato le sue ambizioni negli Stati Uniti. Dopo aver depositato i piani per un’IPO presso la SEC a gennaio, il mese scorso la società ha presentato i documenti per trasferire la propria sede legale dall’Irlanda agli Stati Uniti.

Questo suggerisce che Circle sta dando priorità al mercato statunitense sia per la sua prossima IPO che per la sua strategia di crescita complessiva.

Leggi anche: