L’ETF di Bitcoin presto potrebbe essere realtà ma BTCETF ha già superato $2milioni

Laura Di Maria
| 4 min read

Si susseguono sempre più incalzanti le notizie che fanno pensare a un imminente approvazione del primo ETF spot di Bitcoin negli USA.

Gli analisti di Bloomberg Intelligence ritengono che ci sia il 90% di possibilità che questo avvenga. E tanto è bastato per far raddoppiare il prezzo di Bitcoin nel corso dell’anno, superando le performance di molte altre asset class.

Della stessa opinione è anche il fondatore di Galaxy Digital Holdings, Michael Novogratz, certo che l’approvazione di un ETF di Bitcoin porterà i prezzi verso il massimo storico vicino ai 69.000$ del 2021. Novogratz è certo che un flusso di miliardi di dollari è pronto per arrivare su Bitcoin:

“Quando il governo dirà che è possibile acquistare Bitcoin, assisteremo a un cambiamento psicologico di grande portata.”

Il nuovo Token Bitcoin ETF si sta imponendo come miglior proposta in grado di massimizzare i guadagni attesi con l’approvazione dell’ETF di Bitcoin.

Il suo valore è legato a eventi reali connessi a Bitcoin e all’ETF spot, come l’approvazione, il lancio, il patrimonio in gestione e i volumi di trading.

A questi traguardi sono associate iniziative in grado di far salire il valore del token $BTCETF, collegando a doppio filo i due percorsi è possibile sfruttare il vantaggio che offrono i nuovi token a bassa capitalizzazione come Bitcoin ETF.

Non tutti possono accedere alle quote dell’ETF. In molti casi è necessaria la mediazione di un broker e anche i guadagni possono essere limitati dalla stabilità che BTC ha conquistato negli anni. Il nuovo token BTCETF, invece rappresenta un’occasione unica di partecipare ai guadagni che sembrano stagliarsi all’orizzonte.

Le ipotesi sulla prima data utile per l’approvazione dell’ETF di Bitcoin


Gli operatori di mercato si aspettano che l’ETF di Bitcoin venga approvato già il 10 gennaio 2024.

Questo evento si rivelerebbe positivo anche per $BTCETF a cui ha collegato un meccanismo di burning che ridurrebbe l’offerta di circolante in maniera progressiva.

La prevendita di $BTCETF è iniziata da poche settimane e suscita grande interesse tra gli investitori più attenti. È scandita in dieci fasi, ciascuna caratterizzata da un obiettivo di raccolta e un aumento del prezzo base. Questo processo continuerà fino a raggiungere il tetto massimo di 5 milioni di dollari.

Nuovi attori istituzionali partecipano alla corsa all’ETF


La finanza tradizionale sta mostrando grande interesse per le novità legate alla sempre più probabile approvazione dell’ETF. L’ultimo a unirsi alla corsa in ordine di tempo è stato il gestore patrimoniale svizzero Pando Asset che ha depositato presso la Securities and Exchange Commission un modulo S-1 per il Pando Asset Spot Bitcoin Trust.

La crescente attenzione è motivata anche dalle previsioni fortemente relative al prezzo di BTC. L’analista della Standard Chartered Bank Geoff Kendrick ritiene che entro la fine del 2024, BTC arriverà a 100.000$, grazie al concorso di due eventi: la sempre più possibile approvazione da parte della SEC, e il dimezzamento delle ricompense per il mining di Bitcoin.

Bitcoin ETF è l’unica crypto che premia i possessori man mano che gli ETF vengono approvati


Il token $BTCETF è sviluppato su Ethereum e prevede una fee sulle transazioni che man mano diminuisce dell’1% ogni volta che si raggiunge un obiettivo prefissato.

A questi obiettivi è associato anche il burning progressivo del 5% dei token fino ad annullare complessivamente circa il 30% dell’offerta totale.

In questo modo, chi possiede $BTCETF ha modo di massimizzare gli effetti positivi dell’evoluzione dell’ETF vero e proprio.

Fonte BTCETF

È già attivo lo staking di $BTCETF con rendimenti a tre cifre


I token $BTCETF sono disponibili in prevendita ma possono già essere messi in staking dove rendono un APY, interesse su base annua, del 109% in questo momento.

La pool dello staking contiene finora oltre 231,7 milioni di token $BTCETF, grande prova di fiducia degli investitori nel progetto. Le ricompense vengono distribuite nell’arco di cinque anni e ogni blocco ETH prodotto genera una ricompensa di 119 $BTCETF.

BTCETF Staking

Influencer e testate online appoggiano il progetto


La popolarità di Bitcoin ETF Token si deve anche al forte appoggio che sta ricevendo dagli influencer crypto che parlano del progetto ai loro follower. Un’intensa attività di marketing permette al progetto di raggiungere molti investitori potenzialmente interessanti che valutano l’opportunità offerta dal token.

Anche in Italia, molti influencer hanno dedicato grande attenzione al nuovo token proponendolo ai loro follower.

Anche il panorama internazionale offre grande supporto al progetto e sono sempre più numerosi i canali YouTube dedicati alle crypto che ne parlano con entusiasmo.

Del resto $BTCETF permette di ottenere un’esposizione diretta agli effetti a catena attesi una volta che Bitcoin esploderà nei prossimi mesi, come molti analisti ritengono inevitabile.

Non si può sottovalutare l’importanza dirompente dell’approvazione dell’ETF di Bitcoin per il settore delle criptovalute e i suoi mercati. Per la prima volta, gli investitori retail e quelli istituzionali potranno accedere in maniera tutelata al mercato di Bitcoin.

Infatti, i gestori patrimoniali e i consulenti finanziari potranno ottenere un’esposizione diretta a Bitcoin senza preoccuparsi di custodirlo o senza necessità di acquistare futures.

Se il lancio dell’ETF spot di Bitcoin avrà lo stesso successo che ebbe il primo ETF sull’oro nel 2003, in pochi anni capitali per miliardi di dollari potrebbero affluire sul mercato.

Grazie a $BTCETF non serve aspettare la data effettiva del lancio dell’ETF per iniziare a generare entrate. È invece possibile giocare d’anticipo e prepararsi a un evento di portata epocale.

Per acquistare $BTCETF basta visitare il sito ufficiale e connettere un wallet crypto caricato con ETH o USDT, oppure è possibile usare la carta di pagamento per completare la transazione. Leggi la guida completa per scoprire come comprare BTCETF.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.