L’exchange di criptovalute Bittrex chiude le operazioni negli Stati Uniti: cosa sta succedendo?

Sauro Arceri
| 3 min read

Bittrex

Bittrex, uno degli exchange di criptovalute in crescita in seguito al crollo di FTX, chiuderà le operazioni negli Stati Uniti a causa della crescente pressione normativa e della mancanza di requisiti chiari.

In un post sul blog di venerdì, Richie Lai, cofondatore di Bittrex, ha dichiarato che l’exchange interromperà le operazioni negli Stati Uniti entro la fine di aprile e che gli utenti statunitensi non potranno più operare sulla piattaforma a partire dal 14 aprile.

“Non è economicamente conveniente per noi continuare a operare nell’attuale contesto normativo ed economico degli Stati Uniti”, ha dichiarato Lai nel comunicato. “I requisiti normativi sono spesso poco chiari e vengono applicati senza un’adeguata discussione o un contributo, con il risultato di un panorama competitivo non omogeneo. Operare negli Stati Uniti non è più fattibile”.

Lai ha assicurato agli utenti che tutti i fondi sono sicuri e immediatamente disponibili per essere prelevati.

Fondato nel 2014 da tre ex allievi di Amazon, Bittrex è un exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, specializzato in scambi di criptovalute abbinati. L’exchange supporta oltre 250 criptovalute.

L’exchange era già finito nel mirino delle autorità


La decisione di cessare le operazioni negli Stati Uniti arriva dopo che lo scorso anno Bittrex è stato multato per 53 milioni di dollari dall’Office of Foreign Assets Control and Financial Crime Enforcement Network del Tesoro per non aver impedito ai clienti di Iran, Cuba e altre nazioni sottoposte a sanzioni di utilizzare la sua piattaforma.

L’exchange è stato anche soggetto a controlli normativi a New York, dove le autorità di regolamentazione hanno ordinato alla piattaforma di cessare le operazioni nello stato, citando preoccupazioni sulla sua capacità di rilevare il riciclaggio di denaro e di rispettare le sanzioni.

Bittrex ha registrato un volume di scambi di circa 17 milioni di dollari nelle ultime 24 ore, secondo i dati di CoinGecko. Il volume di Coinbase è stato di 1,4 miliardi di dollari e quello di Binance di 10 miliardi di dollari.

Il giro di vite sulle criptovalute negli Stati Uniti si intensifica


Le autorità di regolamentazione statunitensi hanno intensificato i controlli sulle società di criptovalute in seguito al catastrofico fallimento di FTX e di altre società di asset digitali di alto profilo.

Lo scorso dicembre, la società di prestiti di criptovalute Nexo ha annunciato che lascerà il mercato statunitense dopo aver ricevuto ordini di cessazione dell’attività da parte di diversi Stati per i suoi prodotti che fruttano interessi. La società ha inoltre accettato di pagare 22,5 milioni di dollari per risolvere la causa multistatale.

Allo stesso modo, la SEC ha raggiunto un accordo con l’exchange di criptovalute Kraken per interrompere l’offerta di servizi o programmi di staking ai clienti nel paese e pagare 30 milioni di dollari di multa.

Inoltre, l’agenzia ha minacciato Paxos, una società registrata negli Stati Uniti che emette la stablecoin Binance USD (BUSD), di intraprendere un’azione legale a causa dell’emissione di token BUSD. L’agenzia ha sostenuto che BUSD è considerato un titolo non registrato.

La situazione con gli altri exchange non è più rosea


Più di recente, l’autorità di regolamentazione ha inviato un “avviso di Wells” a Coinbase, il più grande exchange di criptovalute degli Stati Uniti, minacciando la piattaforma di intraprendere azioni legali in merito ad alcuni dei suoi asset digitali quotati, al suo servizio di staking Coinbase Earn, a Coinbase Prime e a Coinbase Wallet.

Alcuni esperti del settore hanno avvertito che un approccio normativo ostile da parte della SEC potrebbe spingere l’industria delle criptovalute fuori dagli Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti hanno lasciato un vuoto che altri paesi sono ansiosi di riempire”, ha dichiarato Daniel Seifert, avvocato di Coinbase, in un recente post sul blog. “Siamo orgogliosamente un’azienda americana. È difficile stare a guardare mentre gli Stati Uniti sprecano l’opportunità che gli è stata data”.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social