16 mag 2022 · 2 min read

Luna Foundation promette un risarcimento agli utenti UST

UST
Fonte: Adobe/Casimiro

 

Luna Foundation Guard (LFG), l'entità il cui compito era mantenere la stabilità del peg di terraUSD (UST), ha affermato di aver speso quasi tutti i suoi bitcoin (BTC) detenuti nelle riserve, per difendere il peg del dollaro di UST quando è crollato. Ma da ciò che resta, LFG ha affermato che gli utenti della stablecoin fallita saranno risarciti.

Luna Foundation: gli utenti di UST saranno ricompensati

Lunedì Luna Foundation Guard ha scritto, in un thread su Twitter, che gli utenti di UST saranno ricompensati, a cominciare dai "detentori più piccoli per primi", aggiungendo che il metodo di distribuzione specifico da utilizzare è ancora in discussione.

La promessa è arrivata in un thread in cui LFG ha anche condiviso maggiori dettagli su ciò che ora è rimasto delle sue riserve. A partire da lunedì, le riserve avrebbero incluso 313 BTC (USD 9,26 milioni) e 39.914 BNB (USD 11,74 milioni).

Inoltre, arriva una partecipazione più ampia di UST, che ha ancora un valore di mercato di oltre 180 milioni di USD sulla base di un prezzo (ottimistico) di 0,10 USD per ogni UST.

 

LFG ha affermato che tutti gli altri asset, in totale circa 4 miliardi di dollari di asset digitali, che LFG ha riferito di detenere prima del crollo di UST, sono state spese nel tentativo di difendere il peg di UST.

Come sottolineato da alcuni osservatori, tuttavia, nessuna prova concreta che gli oltre 3 miliardi di dollari siano stati effettivamente spesi per difendere il peg è stata finora prodotta da LFG:

Tuttavia, con solo 313 BTC, rimasti dallo stack di bitcoin di LFG, i trader sperano che la peggiore pressione di vendita possa già essere finita per la criptovaluta numero uno.

I BTC mancanti dalle riserve sono stati fonte di speculazioni significative negli ultimi giorni, ad esempio la società di analisi blockchain Elliptic ha scavato nel caso questo fine settimana.

All'epoca, la conclusione dell'azienda era che le riserve di BTC di LFG erano state spostate negli exchange di criptovalute Binance e Gemini, aggiungendo che "non è chiaro se siano state vendute, trasferite su altri wallet o rimarranno lì".

Il fondatore di Terra (LUNA), Do Kwon, ha anche affermato in precedenza che né lui né nessun'altra istituzione a cui è affiliato ha tratto profitto dall'incidente in alcun modo.

Kwon in un tweet sabato ha scritto: "Non ho venduto né LUNA né UST durante la crisi", aggiungendo che all'epoca stava "lavorando per documentare l'uso delle riserve di BTC durante l'evento di depegging".
_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più:
- Do Kwon propone un altro piano di "salvataggio" per Terra
- Coinbase citato in giudizio per il crollo di una stablecoin
- Crollo LUNA e UST: Universo crypto riflette su asset Ponzi
- La Blockchain di Terra si è fermata di nuovo
- Investitore di LUNA infuriato si presenta a casa di Do Kwon