Home NewsBitcoin News

La "scorta" di cripto segreta di Maduro non dovrebbe influire sul prezzo di Bitcoin

Di Tim Alper
La "scorta" di cripto segreta di  Maduro non dovrebbe influire sul prezzo di Bitcoin 101
Nicolás Maduro. Source: Twitter

Una società petrolifera e del gas gestita dallo stato venezuelano sembra essere seduta su una non precisata "scorta" di bitcoin (BTC) ed ethereum (ETH) – e la banca centrale del paese è alla ricerca di modi per archiviare le criptovalute nelle sue casse.

Secondo un rapporto di Bloomberg - coloro che sostengono che il presidente Nicolás Maduro abbia ora una "scorta di Bitcoin di cui non sappia che farsene" - fonti anonime hanno detto all'agenzia di stampa che il produttore di petrolio, Petroleos de Venezuela, ha "avuto difficoltà" per essere pagato in fiat convenzionali.

Tuttavia, l'agenzia ha anche ipotizzato che le società venezuelane "potrebbero essere riluttanti a vendere criptovalute sul mercato aperto", poiché sono riluttanti a passare attraverso i protocolli Know-Your-Customer e altri protocolli di due diligence nei principali exchange di criptovalute. In tal caso, BTC ed ETH potrebbero essere venduti in lotti più piccoli utilizzando i servizi over the counter (OTC) senza influire sui prezzi degli exchange di criptovalute.

Inoltre, a giugno, Ethfinex (ora - DeversiFi) ha introdotto un servizio OTC decentralizzato Ethfinex Trustless OTC. I suoi utenti possono scambiare direttamente grandi quantità di ETH senza fare affidamento su terzi.

Nel frattempo, l'agenzia di stampa afferma: "Non è chiaro come Petroleos de Venezuela sia arrivato a possedere bitcoin ed ethereum o il valore delle sue partecipazioni". Ma l'implicazione sembra essere che gli acquirenti internazionali abbiano pagato Petroleos de Venezuela con bitcoin ed ethereum in cambio di petrolio, nel tentativo di eludere le sanzioni degli Stati Uniti nei confronti di paesi e società che commerciano con il Venezuela.

Bloomberg afferma che le sue fonti hanno confermato che il produttore di petrolio vuole pagare i suoi fornitori in token e che "il personale della [banca centrale] stia studiando proposte che consentirebbero di includere le criptovalute tra le riserve internazionali".

Le riserve del governo Maduro si stanno avvicinando al "minimo di tre decenni" e ammontano a soli 7,9 miliardi di dollari.

Come precedentemente riportato, le criptovalute sono diventate una parte centrale della politica economica del governo Maduro. Oltre al token nazionale Petro gestito dallo Stato, il governo ha apertamente abbracciato bitcoin ed altri token. Secondo quanto riferito, una delle migliori università del paese sta lavorando su una soluzione basata su RFID che consentirà il pagamento crittografico tramite smart card.

E il Banco de Venezuela di proprietà statale all'inizio di questo mese ha iniziato a offrire ai suoi clienti l'opzione dioperazioni bancarie sia in fiat che in criptovalute - il che indica che i banchieri nella nazione stanno già esaminando una vasta gamma di opzioni riguardo le criptovalute.

Più Articoli