MILK cresce di 60 volte mentre un nuovo token collegato agli ETF guadagna trazione

Marcello Bonti
| 4 min read

Continua il successo dei token lanciati su DEX e l’ultimo ad affermarsi è stato $MILK che si è distinto per aver generato rendimenti per 60 volte tanto in 24 ore su Uniswap.

Nelle ultime settimane sono stati diversi i token DEX in grado di generare guadagni esplosivi che hanno attirato l’attenzione dei trader. Tra i progetti più interessanti si sono distinti i moon-shot di XDOGE, SAMBO, MEME, REFUND e IO.

Questa volta la spinta di $MILK si deve al fatto di essere direttamente ispirato al progetto MILK lanciato sul DEX di Cardano, MuesliSwap.

L’autentico token $MILK, compatibile con ADA e non di tipo ERC-20, è generato come rendimento sul farming di MyYield su MuseliSwap.

Invece, la copia di tipo ERC-20 non ha alcun valore intrinseco, ha un’offerta totale di 69,78 milioni di token contro l’offerta limitata a 10 milioni del vero token $MILK.

Eppure il falso token $MILK è riuscito a imporsi e generare un rally di 60 volte tanto il prezzo di lancio, da cui è derivato un valore di mercato a quasi 5 milioni di dollari, uno slancio davvero notevole.

Analisi del prezzo di $MILK: Il falso token $MILK ERC-20 continuerà a crescere?


$MILK adesso è scambiato a 0,000000006188$, con una variazione in 24 ore del 267%.

Il falso token è stato lanciato il 6 novembre, ha avuto una lenta trazione iniziale e il prezzo ha generato movimenti minimi nelle prime 48 ore di trading.

Le cose sono cambiate l’8 novembre, quando un improvviso afflusso di capitali ha innescato il breakout. Il prezzo ha superato il livello di supporto a 0,000000001311$ per poi spiccare il volo.

In sei ore il prezzo è salito del 151%, toccando il massimo storico a 0,0000000095$, generando guadagni per i primi investitori nell’ordine di oltre 60 volte rispetto al prezzo di lancio.

Quindi $MILK ha subito un ritracciamento poco dopo legato al profit take dei trader e il prezzo è tornato verso il supporto a 0,00000000458$.

Il calo dei prezzi è stato il pretesto che ha innescato una seconda fase di rally e i prezzi sono tornati a salire verso la resistenza locale a 0,000000006432$.

I movimenti così registrati hanno portato il market cap di $MILK a 4,33 milioni di dollari, un livello notevole per gli standard delle memecoin su DEX, anche considerato che il token è falso e imita un progetto più famoso.

L’entità del market cap suggerisce un potenziale di crescita limitato, potrebbe essersi chiusa la finestra ottimale per fare il proprio ingresso in questo progetto. Eppure, malgrado i forti segnali d’allarme, la pressione d’acquisto non sembra calare e si attesta intorno al 77% delle transazioni dell’ultima ora.

I trader disposti a tollerare un alto livello di rischio continuano a scommettere su questo progetto su DEX ma c’è una nuova altcoin ETF Bitcoin ad alto potenziale su cui conviene concentrare l’attenzione. Le prospettive di questo nuovo progetto sono di gran lunga superiori rispetto a quelle di $MILK.

Questo nuovo progetto si ispira a BTC per capitalizzare il successo della corsa agli ETF di Bitcoin – Da non perdere


Questa settimana è iniziata una nuova prevendita per un’altcoin direttamente ispirata a Bitcoin che vuole capitalizzare l’incremento di prezzo previsto con l’approvazione dei primi ETF spot sul mercato USA.

Il token Bitcoin ETF ($BTCETF) è proposto a 0,005$ durante la prima fase della prevendita in corso e ha già raccolto oltre 226.000$.

Il progetto vuole capitalizzare l’entusiasmo generato dall’interesse verso le richieste al vaglio della SEC degli Stati Uniti per l’approvazione del primo ETF spot legato a Bitcoin negli USA.

Gli ETF spot di BTC possono generare un rally dei prezzi sostanziale, ecco come ottenere i vantaggi maggiori


Bitcoin ETF non è l’ennesima inutile memecoin ma offre continui aggiornamenti sull’avanzamento delle richieste degli ETF presentati dai grossi nomi della finanzia statunitense.

La dApp del token offre ai trader un feed in tempo reale con le ultime notizie sullo stato degli ETF spot di Bitcoin.

Avere informazioni in tempo reale consente di sfruttare il vantaggio del first mover e operare prima degli altri per massimizzare i rendimenti attesi una volta che l’ETF sarà approvato.

Una tokenomic e la roadmap dinamiche rendono il progetto destinato a sostenere nel tempo il proprio valore e così generare futuri rendimenti specie per i primi investitori.

La tabella di marcia prevede un progressivo burning dei token fino al 25% del totale e un calo dal 5% all’1% del costo delle transazioni in cinque momenti ben definiti.

La roadmap di Bitcoin ETF


Ecco come sono scandite le tappe con cui si evolverà il progetto ETF Bitcoin:

  • Obiettivo 1 – Il volume di trading di $BTCETF raggiunge i 100 milioni di dollari, le fee sulle transazioni passano dal 5% al 4% e si attiva il burning del 5% dell’offerta totale.
  • Obiettivo 2 – Il primo ETF spot legato a Bitcoin viene approvato dalla SEC, le fee sulle transazioni passano dal 4% al 3% e si attiva il burning del 5% dell’offerta totale.
  • Obiettivo 3– Viene fissata la data di lancio del primo ETF di Bitcoin, le fee sulle transazioni passano dal 3% al 2% e si attiva il burning del 5% dell’offerta totale.
  • Obiettivo 4 – Il capitale gestito dagli ETF di Bitcoin raggiunge 1 miliardo di dollari, le fee sulle transazioni passano dal 2% all’1% e si attiva il burning del 5% dell’offerta totale.
  • Obiettivo 5 – Il prezzo di Bitcoin va a 100.000$, le fee sulle transazioni passano dall’1% allo 0% e si attiva il burning del 5% dell’offerta totale.

E questo senza considerare il potenziale di incremento di valore del token spinto dall’aumento della domanda.

Non perdere quindi l’occasione di essere tra i primi a investire nel nuovo progetto che cavalca l’onda del prossimo rally di Bitcoin.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Segui Cryptonews Italia sui canali social