Home NewsBitcoin News

Prezzo di Bitcoin in calo: miners in difficoltà

Di Sead Fadilpašić
Prezzo di Bitcoin in calo: miners in difficoltà 101
Source: iStock/mikespics

Mentre il prezzo di Bitcoin (BTC) continua a scendere, si vocifera che molti minatori di Bitcoin abbiano iniziato a spegnere le loro macchine.

La criptovaluta più costosa del mondo è diventata in definitiva più economica, in calo sotto i 9.000 dollari l'8 novembre, e alcuni analisti stimano che possa scendere sotto i 7.000 dollari prima che la sua ricompensa mineraria si dimezzi come previsto a maggio 2020. In questo istante (17:27 UTC), bitcoin viene scambiato a circa 8,152 USD ed è in calo del 3,7% nelle ultime 24 ore, del 7% nell'ultima settimana, riducendo i suoi guadagni mensili all'1,7%. Il prezzo è aumentato del 59% negli ultimi 12 mesi.

"Grazie al loro grande fatturato e alla capacità di detenere o vendere monete, i minatori di Bitcoin hanno un'influenza fuori misura sui cicli di boom del settore",ha avvertito Adamant Capital, un hedge fund Bitcoin alpha, all'inizio di quest'anno.

Detto questo, l'analista di criptovalute Charles Edwards pensa che potrebbe esserci una probabilità del 60% che capitoli un minatore, affermando che "una estensione di una tale portata del livello di crescita dell' HR (tasso di hash) non c'è mai stata prima d'ora nella storia di Bitcoin". Ha spiegato ulteriormente nella suaanalisi che "Le medie mobili di Hash Ribbons a 1 mese e 2 mesi non sono mai state così vicine - per così tanto tempo - tranne durante un evento di capitolazione".

Sembra che i miners siano cauti in quanto potrebbero decidere tra estrarre di più nel tentativo di accumulare di più, o ridurre il potere di hashing e rischiare di perdere una corsa rialzista di BTC, ha spiegato Edwards.

Usando un indicatore che ha sviluppato, il Bitcoin Difficulty Ribbon, il popolare analista Willy Woo è giunto alla conclusione che stiamo assistendo ad un assetto unico e ribassista che ci condurrà all'halving. "Mi aspetto molta più volatilità", afferma. “Il ribasso a breve termine è tutto ciò che sto dicendo. E non aspettatevi che il prezzo ripeta lo stesso andamento che nei precedenti halvings."

Woo ha spiegato che i minatori deboli escono dal gioco quando il prezzo scende, trascinando il mercato ai minimi. Questa volta è passato da 14.000 a 7.500 USD “e questo sta uccidendo i minatori deboli che stanno scaricando e morendo. Ciò si aggiunge all'azione già ribassista, quindi nessuno sarebbe felice di guidare il mercato per i prossimi 6 mesi a causa della pressione alla vendita. Non è possibile ripetere i frattali, i fondamentali sono diversi", afferma Woo.

Un altro analista, Cole Garner, ha anche lanciato l'allarme che ci sono segnali che indicano la resa del miner. Ha spiegato che gli abbandoni accadono quando "i piccoli minatori vengono messi in disparte quando il prezzo di BTC è basso e la generazione di hardware di mining che usano diventa obsoleta", e ha aggiunto che "Il risultato più probabile dovuto all'inversione: i minatori alla disperata ricerca di contanti vendono BTC gradualmente ... poi tutto in una volta.” Anche se siamo stati ai margini di un'inversione per un periodo storicamente più lungo, l'inversione è rara, avvenendo solo due volte negli ultimi quattro anni, ha detto.

Garner menziona cinque implicazioni:

  • se cresce a dismisura, è un'opportunità di acquisto generazionale - probabilmente l'ultima volta che i prezzi saranno così bassi;
  • se il bitcoin capitola, il 95% delle altcoin verrà scaricato;
  • dopo che il calo avrà toccato il fondo, probabilmente seguirà un lungo processo di consolidamento triangolare, che porterà verso l'halving;
  • dopo l'halving arriva lo short gravitazionale;
  • successivamente, maggiore consolidamento, seguita da un vero e proprio mercato rialzista.

Nel frattempo, una settimana fa, quando abbiamo riferito che la difficoltà di mining è più che raddoppiata quest'anno, il principale pool di mining Bitcoin BTC.com ha stimato che la difficoltà di mining di Bitcoin diminuirà di un altro 5% in 10 giorni in vista del prossimo aggiustamento, dopo un calo del 7,1% l'8 novembre. Uno scenario simile è stato visto l'anno scorso, quando la difficoltà è scesa del 7% a novembre, quindi del 15% e 9,6% a dicembre. A due giorni dalla fine del prossimo aggiustamento, il pool di mining ora stima che la difficoltà sarà effettivamente in rialzo dell'1,21%.
__
Per saperne di più: Halving e oltre: cosa il futuro riserva ai miners di Bitcoin

Più Articoli