L'Australia verso la riforma dei sistemi di pagamento

 

Fonte: Adobe/bennymarty

Secondo un recente sondaggio, pubblicato dall'exchange di criptovalute australiano Independent Reserve, quasi il 90% dei proprietari di criptovalute in Australia ha tratto profitto dal trading nel 2021 o ha raggiunto il pareggio, con il numero di donne nel gruppo di proprietari di criptovalute raddoppiato rispetto al 2020.

Per essere più precisi, un solido 89% dei proprietari di criptovalute australiani ha fatto soldi o è andato in pareggio anche quest'anno nelle loro attività di trading, rispetto al 78% del 2020.

Nel 2021, il 59,6% delle persone ha riferito di guadagnare con i propri investimenti in criptovalute, rispetto al 42,7% del 2020", afferma il rapporto che presenta i risultati del sondaggio.

D'altra parte, le fasce d'età "più propensi ad aver perso soldi sulle criptovalute nel 2021 erano la fascia 65+ (31,3%) e 55-64s (21,4%), ma solo il 5,9% dei 18-24enni ha pubblicato risultati di investimento negativi."

Australia
Fonte: Independent Reserve

Lo studio rivela anche che la percentuale di donne che possiedono criptovalute è raddoppiata dal 10,1% nel 2020 al 20% quest'anno.

I numeri crescenti delle proprietarie di criptovalute femminili riflettono una "maggiore adozione in una sezione trasversale più diversificata della comunità australiana e una mossa generale verso un riconoscimento più tradizionale degli asset digitali come veicolo di investimento", secondo il rapporto.

Inoltre, la "percentuale di donne proprietarie di Bitcoin è passata dall'8,3% al 14,8%".

Nel frattempo, secondo lo studio, la consapevolezza di ethereum (ETH) sta aumentando rapidamente tra gli australiani, passando dal 23,5% dell'anno scorso al 36,7% nel 2021.

La fascia di età dai 18 ai 24 anni era la più familiare con ETH e ha visto anche un forte aumento della consapevolezza di XRP, che è passata dal 13,5% nel 2020 al 20,3% quest'anno.

Per Edan Yago, il principale collaboratore del protocollo di finanza decentralizzata Bitcoin (DeFi) Sovryn,

"È una questione di tempo prima che tutti i pagamenti e le transazioni finanziarie vengano digitalizzati sui public ledger. Questo cambiamento sbloccherà enormi opportunità di riduzione dei costi, innovazione e inclusività finanziaria. Allo stesso tempo, relegherà l'idea di sistemi di pagamento locali e regolamentazione a una cosa del passato. Il futuro del denaro e della finanza è senza confini e digitale."

Il sondaggio sull'indice di criptovalute di Indipendent Reserve è stato condotto dallo specialista di ricerche di mercato online locale PureProfile, che ha raccolto risposte da 2.000 residenti australiani.

L'Australia verso la riforma dei sistemi di pagamento in criptovalute

Il tesoriere federale Josh Frydenberg, in un'intervista a 7NEWS Australia, ha dichiara che il governo australiano sta pianificando di legiferare su quella che potrebbe diventare la più grande riforma dei suoi sistemi di pagamento da decenni.

Frydenberg ha affermato che l'obiettivo era quello di portare "questa area fuori dall'ombra e portarla[...] in un quadro normativo considerato", poiché il governo vuole che le aziende che acquistano e vendono criptovalute siano adeguatamente autorizzate per "una maggiore certezza e sicurezza a quelle persone che stanno effettuando transazioni in quella zona."

Il tesoriere ha affermato che il governo sta anche lavorando con la Reserve Bank of Australia, la banca centrale del paese, per "esaminare la fattibilità" dell'introduzione di una valuta digitale della banca centrale (CBDC).

Secondo Mikkel Morch, direttore esecutivo dell'hedge fund di asset digitali ARK36, "l'ambito del regolamento delineato dal tesoriere australiano non sembra essere eccessivamente restrittivo", il che chiarisce che i regolatori "riconoscono l'immenso potenziale economico e di innovazione delle criptovalute e non voglio soffocarlo.”

Morch in una e-mail, ha affermato che la spinta per le CBDC suggerirebbe che i regolatori finanziari "potrebbero voler utilizzare i propri sistemi di moneta digitale per competere con quelli non governativi, comprese le criptovalute", aggiungendo:

"Questa competizione sarà una dinamica interessante da tenere d'occhio nei prossimi anni, ma una cosa è certa: i principali governi stanno ora scommettendo sull'idea che le criptovalute siano il futuro del denaro".

Allo stesso modo, Ruud Feltkamp, CEO del bot di trading di criptovalute automatizzato basato su cloud Cryptohopper, ha affermato che "una regolamentazione (ragionevole) è positiva per il mercato ed è positivo vedere l'Australia parlare". Le criptovalute saranno impossibili da fermare e il governo deve capire che, se non collaborano, "perderanno la barca" e le grandi società di criptovalute potrebbero trasferirsi altrove.

"Spero che le nazioni capiscano che ora è il momento di fare qualcosa per lo status quo. Questo ti dà il potenziale per profilarti come un nuovo centro finanziario, con tutti i vantaggi associati", ha affermato Feltkamp.

____

 

 

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Per saperne di più:

- Australia: 12 raccomandazioni sulla regolamentazione crypto
- Aussie Senator Says Crypto, Blockchain Legislation May Be Passed Next Year
- Banca Australiana offrirà servizi per Bitcoin, Eth e Altcoin
- Australian Crypto-Focused ETF Hits Record, Spot-Based BTC, ETH ETFs Expected
- Aussie Banks Reject Crypto Industry’s 'Bullying' Allegations
- Exchange di criptovalute crolla per accuse di fondi mancanti