28 set 2021 · 2 min read

Più piattaforme CBDC possono dimezzare i costi di pagamento

CBDC
Source: Adobe/krichie

L'Innovation Hub della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) e quattro banche centrali hanno sviluppato congiuntamente un prototipo di valute digitali multiple della banca centrale (CBDC). Secondo l'Hub, dimostra il potenziale dell'utilizzo delle valute digitali e della tecnologia di contabilità distribuita (DLT) per garantire "pagamenti e regolamenti transfrontalieri in tempo reale, più economici e più sicuri".

Il progetto mBridge è una collaborazione tra la BRI e quattro banche centrali asiatiche: la Hong Kong Monetary Authority, la Bank of Thailand, il Digital Currency Institute della People's Bank of China e la Central Bank of the United Arab Emirates.

“Il prototipo fa parte dei nostri sforzi per progettare la tecnologia CBDC. Il progetto include la sperimentazione di casi d'uso e prove, bilanciati con l'analisi della governance, delle politiche e delle considerazioni legali con un focus sull'uso transfrontaliero", ha affermato Benoît Cœuré, capo del BIS Innovation Hub.

I vantaggi delle CBDC

La piattaforma prototipo per i regolamenti mCBDC è riuscita a completare i trasferimenti internazionali e le operazioni di cambio in pochi secondi. Ciò è in contrasto con i diversi giorni che sono normalmente necessari per completare qualsiasi transazione utilizzando la rete esistente che si basa su banche commerciali.

Inoltre, "le CBDC possono essere gestite 24 ore su 24, 7 giorni su 7, eliminando qualsiasi mancata corrispondenza delle ore di funzionamento", hanno affermato.

Un rapporto pubblicato dai partecipanti al progetto afferma che il costo di tali operazioni per gli utenti può essere ridotto anche fino al 50%.

Detto questo, lo studio rileva anche diverse limitazioni che potrebbero ostacolare l'ulteriore implementazione della DLT nei pagamenti transfrontalieri.

"In particolare, l'affidarsi ai gruppi per la privacy per preservare la privacy in più giurisdizioni non consente transazioni [pagamento contro pagamento] completamente atomiche", secondo il rapporto.

Inoltre, "poiché non esiste un'unica entità o giurisdizione in grado di visualizzare il saldo di tutte le transazioni [in valuta estera] in sospeso, un meccanismo ottimale di risparmio di liquidità deve ancora essere trovato", hanno affermato.

Oltre a ciò, la scalabilità e le prestazioni della DLT nell'effettuare grandi volumi di transazioni devono essere ulteriormente valutate se si devono aggiungere più giurisdizioni o valute alla piattaforma. È inoltre necessario mettere in atto procedure approfondite di governance del rischio, afferma lo studio.

Nonostante queste limitazioni al lancio globale della tecnologia, i partecipanti al progetto affermano che "continueranno a spingere le capacità di DLT e CBDC in aree in cui i risultati non sono ancora sufficientemente avanzati per supportare i requisiti delle infrastrutture critiche del mondo reale". Ciò comporterà prove con i partecipanti al mercato per "ulteriormente iterare e migliorare il prototipo e le sue funzionalità".

Nel frattempo, un sondaggio del 2021 della BRI ha mostrato che l'86% delle banche centrali intervistate stava attivamente ricercando il potenziale delle CBDC.

Con sede a Basilea, in Svizzera, la BRI afferma di essere di proprietà congiunta delle 62 banche centrali del mondo, che rappresentano paesi che insieme rappresentano circa il 95% del prodotto interno lordo (PIL) globale.

______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Scopri di più:

- La BCE avvia il progetto sull'Euro digitale con un'indagine di due anni

- Banche cinesi testano lo yuan digitale in fondi assicurativi
- La Cina pubblica un whitepaper sull'e-CNY, affermando che le cripto non hanno valore e comportano rischi