14 giugno 2021 · 3 min read

Non si parla di cripto nel riepilogo del G7, ma trader e miner rimangono in attesa

Il vertice del G7 in Cornovaglia si è concluso senza affrontare questioni direttamente legate agli asset cripto o alle valute digitali della banca centrale (CBDC), anche se la comunità cripto esaminerà da vicino cosa potrebbero significare gli accordi sulla "cooperazione fiscale" e gli impegni climatici per i trader e i miner.

La cancelliera tedesca Angela Merkel e il primo ministro britannico Boris Johnson, a Carbis Bay. Fonte: G7

Il vertice - il primo incontro di persona dei leader mondiali dall'inizio della pandemia di coronavirus - si è concluso nel fine settimana a St. Ives e ha visto partecipare i leader di tutti e sette i G7, insieme ai leader politici delle nazioni ospiti della Corea del Sud, Sud Africa, India e Australia.

Nel comunicato ufficiale del vertice, gli stati si sono impegnati a creare "un sistema fiscale globale più equo che inverta la corsa al ribasso", aggiungendo:

"Collaboreremo per garantire che le future frontiere dell'economia e della società globali, dal cyberspazio allo spazio esterno, aumentino la prosperità e il benessere di tutte le persone pur sostenendo i nostri valori di società aperte".

I leader hanno deciso di mirare all'elusione fiscale, una strategia che ha visto l'amministrazione del presidente americano Joe Biden proporre sistemi di scambio di dati reciproci per catturare gli evasori fiscali cripto che utilizzano exchange esteri, nel tentativo di evitare di pagare le tasse sui loro guadagni basati su token.

E sebbene non vi fosse alcuna menzione diretta delle criptovalute nella formulazione del comunicato, la questione più ampia dell'elusione fiscale appare in cima all'agenda politica, mentre si avvicina il momento di pagare per stampare nuovi miliardi di dollari. Il documento era a corto di dettagli, tuttavia, c'era un suggerimento che i leader fossero contenti di delegare la questione di come ciò dovrebbe essere fatto ai loro capi delle finanze, che si incontreranno con altri funzionari del G20 il mese prossimo.

I leader hanno scritto:

“Abbiamo bisogno di un sistema fiscale che sia equo in tutto il mondo. Attendiamo con impazienza di raggiungere un accordo alla riunione di luglio dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G20. Con questo, abbiamo compiuto un passo significativo verso la creazione di un sistema fiscale più equo adatto al 21° secolo e invertendo una corsa al ribasso durata 40 anni. La nostra collaborazione creerà condizioni di parità più forti e contribuirà ad aumentare le entrate fiscali per sostenere gli investimenti e reprimerà l'elusione fiscale".

I miner avranno anche notato gli impegni in corso per il controllo del clima - che hanno già colpito i miner in Cina e altrove quest'anno.

Inoltre hanno detto i leader che “al centro della nostra agenda per la crescita e la ripresa economica c'è una trasformazione ecologica e digitale che aumenterà la produttività, [...] ridurrà le emissioni di gas serra, migliorerà la nostra resilienza e proteggerà le persone e il pianeta, mentre miriamo allo zero netto entro il 2050 ".

Tuttavia, senza grandi attori come la Cina al tavolo, molti ritengono che parlare di politiche sulle emissioni di carbonio sia inconsistente e che le vere decisioni saranno prese alla 26a Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP26), che si terrà a novembre di quest'anno.

Indipendentemente da ciò, i leader hanno affermato di voler accelerare la transizione internazionale dal carbone e hanno sottolineato che gli investimenti internazionali nel carbone "devono fermarsi ora".

"Ci impegniamo ora a porre fine al sostegno diretto del governo per la produzione internazionale di energia termica da carbone entro la fine del 2021, anche attraverso l'assistenza ufficiale allo sviluppo, finanziamenti all'esportazione, investimenti e sostegno alla promozione finanziaria e commerciale", hanno affermato, riaffermando il loro attuale impegno a eliminare i sussidi inefficienti ai combustibili fossili entro il 2025 e invitando tutti i paesi ad aderire.

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   ____
 

Per saperne di più: 
- L'ipocrisia del G7: critica il mining di Bitcoin ma protegge l'industria del combustibili fossili 
- El Salvador porta un nuovo enigma globale: cos'è Bitcoin e come tassarlo?

- Biden’s Crypto Tax Evasion Crackdown Could Also Hit Non-US Traders
- G7 Game: Keep Facebook's Libra at Bay & Work On Own CBDC