03 ott 2021 · 5 min read

I miner nordici affrontano costi dell'energia in aumento

Mining di Criptovalute
Fonte: AdobeStock / Leonid Ikan 

I miner di criptovalute si sono riversati nei paesi nordici negli ultimi anni, poiché è una regione benedetta da un'abbondanza di energia pulita a basso costo, un clima freddo e un quadro normativo stabile. Ma con i prezzi dell'elettricità in forte aumento questo autunno, insieme alla crescente pressione politica, i miner qui potrebbero trovarsi di fronte ad un periodo difficile.

La crisi energetica in corso in Europa ha già ricevuto un'attenzione diffusa nel mese scorso, con i prezzi del gas naturale e dell'elettricità che hanno raggiunto nuovi massimi in numerosi paesi europei.

E sebbene meno colpiti rispetto ai paesi più a sud del continente, l'aumento dei prezzi si fa sentire anche nei paesi nordici, dove diverse importanti società di mining di criptovalute hanno avviato le loro operazioni di mining ad alto consumo di elettricità, con le località preferite come Norvegia, Svezia settentrionale e Islanda.

La situazione energetica di oggi segna un netto contrasto con le tipiche condizioni di mercato nella regione, con l'analista energetico Olav Johan Botnen del ricercatore di mercato energetico Volue Insight, che ha detto a DW all'inizio di quest'anno che la regione nordica in condizioni meteorologiche normali ha "un previsto eccesso di offerta di energia di quasi 30 terawattora all'anno”.

Secondo i risultati di Statistics Norway, i prezzi dell'elettricità per le famiglie norvegesi nel secondo trimestre di quest'anno erano già tre volte più alti dell'anno precedente. E sebbene gli utenti commerciali – come sono generalmente definiti i miner di criptovalute – paghino meno delle famiglie, non vengono risparmiati dall'impatto.

Energia Elettrica
Prezzi dell'elettricità nelle principali città e regioni in Norvegia da settembre 2020 in EUR/MWh. Fonte: Nordpool

Allo stesso modo, anche i prezzi dell'energia elettrica in Svezia sono aumentati durante l'ultima parte dell'anno. A metà settembre, l'agenzia di stampa svedese TT ha riferito che i prezzi dell'elettricità nel paese non sono mai stati più alti, con la Svezia meridionale più densamente popolata che è stata la regione più colpita.

Norvegia Europa
Prezzi dell'elettricità nelle principali città e regioni in Svezia da settembre 2020 in EUR/MWh. Fonte: Nordpool

Parlando con Cryptonews.com, l'amministratore delegato della società mineraria norvegese KryptoVault, Kjetil Hove Pettersen, ha affermato che il costo dell'elettricità "è sempre il costo più grande per qualsiasi società di mining".

Un aumento dei prezzi dell'elettricità "ha naturalmente un grande impatto sul nostro risultato finanziario", ha spiegato Pettersen, che gestisce una delle più grandi società di mining di criptovalute del paese.

Tuttavia, il CEO non è ancora eccessivamente preoccupato per cosa significherà il costo dell'elettricità per il futuro del business, affermando che il prezzo del bitcoin (BTC) e la difficoltà della rete rimangono più importanti.

"Siamo anche abbastanza ottimisti sulla direzione futura del mercato delle criptovalute, quindi no, non sono affatto preoccupato per i prossimi anni", ha aggiunto Pettersen.

Politica al lavoro: Data center o no?

Tuttavia, l'aumento dei prezzi dell'energia non è l'unico problema che i minatori della regione devono tenere d'occhio; c'è anche la politica.

Durante le recenti elezioni generali in Norvegia, il mining di criptovalute è stato oggetto di discussione, con alcuni politici di estrema sinistra che hanno persino chiesto un divieto completo di mining all'interno del paese. Altri, nel frattempo, hanno affermato che i miner dovrebbero pagare di più per l'elettricità che consumano.

In Norvegia, i miner di criptovalute godono sia di un'esenzione dalle tasse sulla proprietà, sia di una tassa sull'elettricità significativamente più bassa rispetto ad altri utenti commerciali come parte della spinta del paese per attirare più data center.

L'aliquota fiscale ridotta per i data center è un importante fattore che contribuisce a rendere competitivo il paese agli occhi dei miner.

Sfortunatamente per i miner, tuttavia, i rappresentanti dei partiti della coalizione vincente di centro-sinistra prima delle elezioni hanno dichiarato ufficialmente che i miner di criptovalute non dovrebbero essere trattati come "data center". In effetti, ciò significa che i miner dovrebbero pagare l'intera tassa sull'elettricità, come fa la maggior parte degli altri utenti commerciali.

"Usare l'energia norvegese pulita per un bene speculativo come le criptovalute non è qualcosa a cui vogliamo dare la priorità", ha affermato il membro del parlamento del partito laburista, Espen Barth Eide, citato dall'agenzia di notizie economiche E24 all'inizio di settembre.

Consumo energetico per Paese
(TWh annualizzati)

E con il partito laburista ora pronto a formare un nuovo governo dopo otto anni di coalizione di centrodestra al potere, i miner di criptovalute in Norvegia dovrebbero aspettarsi costi in forte aumento associati al loro mining.

Nonostante ciò, il CEO di KryptoVault ha affermato di non essere preoccupato per il futuro, sostenendo che la differenziazione tra data center che estraggono criptovalute e data center che fanno altre cose si rivelerà difficile da un punto di vista legale.

"Non avrebbe senso, e per questi motivi non lo vedo come uno scenario probabile, nonostante i commenti di alcuni politici durante la campagna elettorale", ha detto Pettersen.

Allo stesso modo, anche Arcane Crypto, quotata a Stoccolma, sembra avere abbastanza fiducia nel futuro del mining nella regione per fare il salto dall'essere in precedenza una pura società di ricerca e investimento, per entrare ora anche nello spazio del mining.

Secondo un annuncio dell'8 settembre della società, Arcane ha dichiarato di aver stipulato un accordo per l'acquisto di 352 macchine da mining Antminer s19 Pro, che si prevede diventeranno operative nel terzo trimestre di quest'anno.

“Ci aspettiamo che la nostra operazione di mining porti entrate sostanziali al gruppo Arcane Crypto. Alle attuali condizioni di mercato, i miner che abbiamo ordinato genererebbero circa 3,5 milioni di corone svedesi [400.000 USD] di entrate mensili e sarebbero altamente redditizi", ha affermato Torbjørn Bull Jenssen, CEO di Arcane Crypto, suggerendo anche che la società sta cercando di espandere la loro attività mineraria:

"Dal primo trimestre del prossimo anno, avremmo una capacità di hosting tale da raddoppiare l'attività di mining", ha affermato Jenssen.

E con l'industria ancora determinata ad andare avanti, rimane la domanda su quanto i politici della regione siano pronti a prendere una posizione dura per tenere a freno i miner di criptovalute, in particolare alla luce dell'attuale crisi energetica europea e dei costi record dell'elettricità.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Scopri di più:

- Il "Vulcanode" per il mining in El Salvador è partito (cryptonews.com)
- Bitcoin Miners Secure More Nuclear Deals Amid Climate Concerns

- How Bitcoin Mining Might Help Nations With Domestic Energy Production
- L'UE valuta i "crypto asset rispettosi del clima"

- Miner Ethereum restituisce 22 milioni pagati in fees errate
- Il mining di Bitcoin è possibile anche da casa?