OKX lancia in Brasile un nuovo exchange di criptovalute e un wallet Web3

Lucio Prosperi
| 3 min read

 

Uno studio pubblicato da Chainalysis posiziona il Brasile al nono posto a livello mondiale nell’adozione delle criptovalute da parte della popolazione, che ama investire in Bitcoin e nelle altre altcoin.

Parliamo quindi di un Paese all’avanguardia nel settore, come dimostra la recente implementazione di una carta d’identità digitale alimentata dalla blockchain.

Questo è probabilmente uno dei motivi che hanno spinto OKX a lanciare nella grande nazione sudamericana una piattaforma locale di exchange di criptovalute e un wallet Web3.

OKX è una delle più importanti piattaforme a livello mondiale per il trading di criptovalute e offre servizi sia per gli exchange spot sia per quelli derivati. Per volume di scambi è il secondo exchange al mondo e ha una base di oltre 50 milioni di utenti.

Rispondere alle esigenze di un mercato promettente


Questa nuova gamma di servizi mira a fornire agli utenti brasiliani un punto di ingresso affidabile e sicuro nei settori delle finanze decentralizzate e del trading di criptovalute.

La piattaforma offre diverse funzionalità, tra cui un fiat-on-ramp in real brasiliano (BRL), consentendo agli utenti di convertire la valuta locale in diverse criptovalute in modo trasparente. Una funzionalità che agevola l’accesso dei nuovi utenti e che mira a esporre ancora di più il Paese – già all’avanguardia su questo tema – alle criptovalute.

OKX fornisce ai trader brasiliani l’accesso a una vasta gamma di criptovalute principali, nonché a funzionalità come le ricompense di staking e le integrazioni DeFi.

Fino a questo momento, gli investitori carioca potevano utilizzare piattaforme come eToro, Bybit, Kraken, Mercado Bitcoin e Binance. Anche se, va ricordato, altri importanti attori nel settore hanno recentemente annunciato un aumento delle loro attività nel Paese.

OKX Wallet: Un portale verso la DeFi e gli NFT


Brazil High Resolution Bitcoin Concept

Parallelamente all’exchange, OKX ha introdotto il suo wallet Web3 che rivoluziona l’interazione degli utenti con gli asset digitali.

L’OKX Wallet, il primo del suo genere a integrare la tecnologia di Multi-Party Computation (MPC) – che consente di eseguire calcoli su dati distribuiti in modo sicuro e privato, senza dover rivelare l’intero set di dati a tutte le parti coinvolte nel calcolo – e le funzionalità di Account Abstraction (AA) – che permette ai contratti intelligenti di interagire con una varietà più ampia di risorse e asset all’interno di una blockchain, andando oltre il controllo dei semplici token nativi.

Il wallet è stato quindi progettato con l’idea di rendere l’esperienza utente il più fluida possibile, anche per coloro che hanno poca familiarità con il tema.

Inoltre funge da portale di auto-custodia sicuro, consentendo agli utenti di gestire i propri investimenti DeFi, scambiare NFT e utilizzare facilmente le applicazioni di finanza decentralizzata.

L’obiettivo è sempre quello di democratizzare al massimo l’adozione delle tecnologie crypto sia per gli esperti sia per i neofiti.

Un passo importante per OKX


Per Guilherme Sacamone, direttore generale di OKX Brasile, il mercato brasiliano ha un “potenziale enorme” per diventare leader nell’adozione di criptovalute e finanza decentralizzata. “Sappiamo che i brasiliani cercano exchange veloci e una soluzione di wallet sicura, il tutto in un’unica applicazione ed è per questo che abbiamo voluto andare incontro alle loro esigenze”.

Per motivare questa decisione strategica, OKX fa riferimento a un sondaggio che evidenzia come il 92% dei brasiliani intervistati desideri ottenere “informazioni chiare e trasparenti” sulla sicurezza dei propri investimenti.

Lo studio ha altresì dimostrato che l’86% dei partecipanti ritiene che le prove di riserve (ovvero quel meccanismo di verifica attraverso il quale le piattaforme crypto dimostrano in modo trasparente di possedere le riserve dichiarate, contribuendo così a instillare fiducia tra gli utenti e a garantire la solvibilità) possano influire positivamente sulla legittimità e la maturità del mercato delle criptovalute.

La scommessa è semplice: la comunità crypto in Brasile è desiderosa di svilupparsi in modo esponenziale ed è con servizi affidabili e adeguati che OKX intende rispondere a questa esigenza.

Il Brasile fa parte di quei numerosi Paesi con una valuta fragile, la cui popolazione, a seguito di una forte inflazione, si è rivolta in modo massiccio alle criptovalute. Da questo punto di vista, dunque, la scelta di OKX sembra essere particolarmente lungimirante.

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Leggi anche: