Home NewsBitcoin News

Il CEO di Bitmain, estromesso, si muove legalmente per detronizzare Jihan Wu

Di Linas Kmieliauskas
Il CEO di Bitmain, estromesso, si muove legalmente per detronizzare Jihan Wu 101
Fonte: Twitter

A dicembre, Micree Zhan Ketuan, l'estromesso co-fondatore del più grande produttore al mondo di attrezzatura mineraria Bitcoin, Bitmain , secondo quanto riferito ha chiesto a un tribunale delle Isole Cayman di annullare una decisione degli azionisti che gli è costata il voto di controllo della società di mining di criptovalute.

Gli azionisti hanno quindi votato per convertire le azioni di Classe B di Bitmain in un voto per azione, rispetto a 10 voti precedenti, riducendo efficacemente l'influenza di Zhan, Bloomberg ha riportato, citando i documenti presentati al tribunale.

Zhan ha scritto in una lettera pubblicata a novembre sul suo account di social media WeChat che tornerà su Bitmain e "ripristinerà l'ordine" e "se qualcuno vuole la guerra, gli daremo la guerra", secondo il rapporto.

Come riportato ad ottobre, Jihan Wu, che ha iniziato Bitmain con Zhan sei anni fa, è tornato come CEO di Bitmain, annunciando che Zhan non detiene più alcuna posizione nella società con sede a Pechino con effetto immediato. Inoltre, Wu ha avvertito i dipendenti di non ricevere ulteriori istruzioni da Zhan o di partecipare a qualsiasi riunione convocata, minacciando il personale di licenziamento o accuse penali.

Secondo vari rapporti, un anno fa, Zhan possedeva una partecipazione del 60% in Bitmain, mentre Wu e un altro co-fondatore Yuesheng Ge avevano circa il 30%. Tuttavia, secondo Bloomberg, Wu e Zhan detengono rispettivamente il 21% e il 37% dell'azienda.

Nel frattempo, dal dramma di ottobre, Wu ha annunciato una serie di misure volte a rafforzare le posizioni dell'azienda, tra cui sconti, nuova linea di hardware per il mining e nuovi centri di riparazione. La società di mining ha anche ripreso i piani per un'offerta pubblica iniziale (IPO) negli Stati Uniti, a seguito di un fallito tentativo di quotazione a Hong Kong.

Più Articoli