31 Aug 2022 · 4 min read

Presidente Paraguay annulla il disegno di legge di Bitcoin

Bitcoin
Mario Abdo Benítez. Fonte: A screenshot, Instagram/maritopresidente

 

Il presidente del Paraguay Mario Abdo Benítez ha clamorosamente annullato un disegno di legge tanto decantato che avrebbe legalizzato e regolamentato Bitcoin (BTC) e il mining di criptovalute nel paese dell'America Latina.

Come riportato, l'ambizioso disegno di legge è nato come progetto di legge di un privato alla camera bassa ed è stato formulato in collaborazione con i miner domestici che vogliono utilizzare l'energia elettrica in eccedenza prodotta negli impianti idroelettrici. Alla fine è stato ripreso dal Senato, dove è stato sostenuto dal senatore Fernando Silva Facetti.

Presidente Paraguay rifiuta la proposta di legge sul mining BTC

Il Senato ha quindi approvato il disegno di legge, così come la camera bassa. Ma sembra essere caduto all'ultimo ostacolo, con Benítez scontento di come il consumo di elettricità del mining di criptovalute potrebbe influire sulla sostenibilità a lungo termine.

Benítez, per Portalo de Bitcoin, ha decretato che il mining di criptovalute "richiede un elevato livello di consumo di elettricità che potrebbe compromettere lo sviluppo e l'espansione di un'industria nazionale inclusiva e sostenibile". Il decreto, che il Presidente ha rimarcato dopo aver sentito il parere della Banca centrale nazionale, ha anche preso atto del fatto che l'attività di mining fa “un uso intensivo di capitale e un basso impiego di manodopera” e “come tale non genera valore aggiunto ” per l'economia.

Il disegno di legge aveva attirato critiche dai politici

All'inizio di questo mese, Cryptonews.com ha riferito che il disegno di legge aveva attirato critiche da molti politici, alcuni dei quali hanno affermato che il disegno di legge era stato affrettato.

Altri ancora hanno ripetuto affermazioni fin troppo familiari sull'elevata emissione di CO2 dell'industria di mining. I miner internazionali hanno dichiarato che accetteranno di aprire un negozio in Paraguay, a condizione che vengano offerte tariffe speciali e basse per l'elettricità.

Gli stessi critici hanno anche affermato che il Paraguay ha ben poco da guadagnare consentendo ai miner internazionali l'accesso al potere paraguaiano e che di conseguenza si creerebbero pochi posti di lavoro interni.

Questa linea di argomentazione sembra aver influenzato Benítez.

Silva Facetti è andato su Twitter per criticare la decisione del presidente, che ha definito un "veto totale". Il senatore ha affermato che il veto non aveva molto senso considerando il gran numero di miner già operanti nel Paese.

Il senatore ha scritto che l'esecutivo del governo è colpevole di "ignorare l'esistenza di" miner, che ora dovranno "lavorare all'ombra dei regolamenti".

Il senatore ha scritto che il presidente si era "lavato le mani" dell'attività di mining e l'aveva obbligata a "operare in una zona grigia, senza poter godere dell'accesso al sistema finanziario o costruire garanzie di protezione degli investitori".

Ha aggiunto che Benítez aveva mostrato una "mancanza di visione" nella sua sentenza si oppone e aveva "distrutto la possibilità dell'arrivo di nuovi investitori" - oltre a paralizzare le speranze di "centinaia di piccole e medie imprese" nazionali che " vivere e dipendere da questo settore”.

Peggio ancora, ha avvertito Silva Facetti, la mossa significherà che invece di utilizzare l'energia in eccesso per alimentare la crescita economica, il Paraguay dovrà cedere il suo potere in eccesso ai suoi vicini Argentina e Brasile.

In base agli accordi bilaterali che il Paraguay ha firmato sia con l'Argentina che con il Brasile, il Paraguay deve donare tutta l'energia che genera negli impianti idroelettrici sui fiumi che confinano con le nazioni se non è in grado di utilizzare o vendere questa energia elettrica.

I sostenitori del disegno di legge hanno sottolineato il fatto che le infrastrutture del Paraguay sono predisposte per consumare combustibili fossili, piuttosto che energia idroelettrica, il che significa che il 10% dell'energia idroelettrica del paese è "inutilizzabile" nella nazione. Pertanto, il mancato utilizzo del potere, consentendo ai miner di acquistarlo, rafforzerà semplicemente l'economia di Argentina e Brasile a spese del Paraguay.

Secondo quanto riferito, diversi giocatori cinesi e dell'Asia orientale stavano aspettando la conferma del disegno di legge prima di prendere le decisioni finali sul trasferimento nel paese. Altri, tuttavia, hanno già aperto un negozio nella nazione e probabilmente ora dovranno operare in un'area "grigia" non regolamentata.
___

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
___
Per saperne di più:
- Difficoltà di mining di Bitcoin si avvicina al massimo storico
- Is It Time To Begin Talking Seriously About Bitcoin Tail Emissions?
- Q2 Saw Over 59% of Bitcoin Mining on Sustainable Energy Mix - Bitcoin Mining Council
- L'adozione crypto accelera in America Latina
- Secondo trimestre difficile per i miner BTC
- No ‘Black and White’ Answer to the Proof-of-Work vs. Proof-of-Stake Question, Says Kraken