2023-01-16T15:28:00+00:00 · 2 min read

Perché l’aumento dell’hash rate è un’ottima notizia per i tori?

Source: AdobeStock / Сергей Шиманович

Durante l’ultimo aggiustamento nel settore delle criptovalute, che sta assistendo a un lento ma progressivo rialzo dei prezzi, la difficoltà di minare un blocco di bitcoin è aumentata di circa il 10%, il che suggerisce che più minatori stanno tornando online durante la ripresa. 

L’aggiustamento al rialzo del blocco 772.128 è la più grande variazione al ribasso dal 10 ottobre 2022, quando la metrica è aumentata del 13,55%, come mostrano i dati del mining pool di BTC.com. In particolare, la difficoltà è salita a 37,59 trilioni dai precedenti 34,09 trilioni. 

“La difficoltà di mining di Bitcoin è aumentata del 10,26%, raggiungendo un ATH! – ha dichiarato il mining pool f2pool in un tweet pubblicato in seguito all’adeguamento – In questo ciclo di 2 settimane, se il BTC può salire sopra i 23.000 dollari, le macchine più efficienti di 40W/T possono funzionare con profitti al costo dell’elettricità di $0,08/kWh”.

Quando si parla di “difficoltà” di mining di Bitcoin , il termine è inteso come una misura della difficoltà nel minare un singolo blocco di Bitcoin oppure, in termini più tecnici, di trovare un hash rate (rateo di calcolo) inferiore a un determinato obiettivo. Dato un numero X di blocchi da estrarre, quindi, una difficoltà elevata significa che sarà necessaria una maggiore potenza di calcolo per procedere all’estrazione, e questo permette di rendere la rete più sicura contro gli attacchi. 

Storicamente parlando, una maggiore difficoltà della rete è accompagnata da un periodo di prezzi più elevati. Al contrario invece, il crollo dei prezzi del BTC a volte costringe i minatori ad andare offline perché l’attività di estrazione smette di essere redditizia, e questo porta a sua volta porta a un calo della difficoltà di mining. 

L’ultimo aumento della difficoltà è arrivato quando Bitcoin ha superato i livelli di resistenza chiave durante il fine settimana, estendendo ulteriormente il suo rally. La criptovaluta più grande del mondo ha superato la soglia dei 21.000 dollari a un certo punto della giornata e attualmente è scambiata intorno ai 20.800 dollari. 

L’anno scorso è stato uno dei peggiori mai registrati per il settore delle criptovalute, con oltre mille miliardi di dollari di valore spazzati via dal mercato. L’aumento dei tassi d’interesse e l’acuirsi delle preoccupazioni di una recessione economica hanno ulteriormente contribuito al crollo dei prezzi. 

Le cattive condizioni generali del mercato hanno un impatto anche sui pool di mining di criptovalute. Infatti Core Scientific, una delle maggiori società di mining di Bitcoin, ha presentato istanza di fallimento nel dicembre dello scorso anno a causa del crollo dei prezzi delle criptovalute e dei costi energetici alle stelle. 

Nei documenti depositati in tribunale, Core Scientific ha dichiarato di aver subito una perdita netta di 434,8 milioni di dollari per i tre mesi terminati il 30 settembre 2022 e di avere solo 4 milioni di dollari di liquidità al momento della dichiarazione di fallimento.

Oltre a Core Scientific, anche altre società di estrazione di criptovalute stanno lottando contro la crisi del mercato. Argo Blockchain, Iris Energy e Greenidge Generation sono tra le più importanti società di mining di Bitcoin ad avere problemi finanziari. 
 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali Social

   

Articoli consigliati