Home News

La polizia accusa il CEO di un exchange "Top 3" sudcoreano di condotta violenta

Di Tim Alper
La polizia accusa il CEO di un exchange "Top 3" sudcoreano di condotta violenta 101
Source: iStock/vanbeets

Gli exchange di criptovaluta sudcoreani stanno passando una settimana torrida - con il CEO di quella che i media definiscono una delle "migliori 3" piattaforme di trading di criptovalute che si trova ad affrontare accuse di aggressione ed estorsione.
(Aggiornato il 29 novembre: aggiornamenti in grassetto.)

Secondo Maeil Kyungjae, la polizia di Gangnam, Seoul, ha accusato l'amministratore delegato di un anonimo exchange, che per motivi legali viene identificato dalla polizia con il suo cognome, Choi, di numerose aggressioni e minacce verso attuali ed ex impiegati del suo exchange.

Sono stati inoltre accusati almeno altri due impiegati dell'exchange. Il caso è stato consegnato alla procura.

La polizia afferma che l'incidente sia avvenuto nel febbraio di quest'anno, quando Choi ha scoperto che un dipendente, nominato dalle autorità solo come B, aveva negoziato sulla piattaforma di scambio. Anche se l'exchange secondo quanto riferito non ha una politica che impedisca ai dipendenti di aprire account, il CEO riteneva che B potesse aver utilizzato le informazioni privilegiate per ottenere guadagni personali.

La polizia afferma che Choi ha impedito a B di abbandonare l'edificio per 10 ore, minacciandolo e forse aggredendolo con pugni. Alla fine Choi riuscì a costringere B a trasferire nell'exchange circa 17.000 dollari di fondi.

Choi, dice la polizia, ha anche minacciato altri due impiegati che sospettava anche essi di insider trading, costringendoli a consegnare diverse migliaia di dollari di fiat e criptovalute.

La polizia ha accusato Choi e altri impiegati dell'anonimo exchange di ricatto e condotta violenta. Il media afferma che la piattaforma in questione è uno dei primi 3 leader di mercato.

La maggior parte dei principali scambi di criptovaluta della Corea del Sud ha sede nel ricco distretto di Gangnam, tra cui Upbit, che sembra aver perso ieri un valore di milioni di dollari in tokens Ethereum in un misterioso incidente, e Bithumb. Jaewon Choi è il CEO di Bithumb. La società non ha risposto alla nostra richiesta di commento, mentre un portavoce di Upbit ha confermato che il loro CEO non è stato arrestato.

Più Articoli