Previsione Bitcoin: Il prezzo cala malgrado le previsioni ottimiste

Laura Di Maria
| 5 min read

Stenta a recuperare terreno Bitcoin dopo un violento calo nelle 24 ore fino al 2,60%, attualmente recupera terreno e tenta di portarsi di nuovo sopra quota 43.000$ dopo uno scivolone verso i 42.378$ nelle prime ore di mercoledì 27 dicembre.

Il mercato crypto continua a dimostrarsi sensibile nei confronti di previsioni e nuovi sviluppi esterni.

Tra i fattori principali che possono determinare l’andamento dei prezzi ci sono le novità che riguardano la sempre più vicina approvazione del primo ETF spot di Bitcoin. Sono cinque gli elementi che oggi potrebbero spingere il prezzo di BTC oltre la soglia dei 100.000$.

I gestori che hanno presentato domanda per gli ETF alla SEC hanno solo tre giorni per depositare eventuali aggiornamenti ai documenti. A questo punto non resterà che aspettare la decisione finale della Commissione all’inizio di gennaio.

In generale, si respira un clima ottimista come confermano le previsioni dell’opinionista finanziario Max Keiser. Secondo l’esperto un obiettivo ambizioso ma raggiungibile per Bitcoin potrebbe essere raggiungere i 400.000$ di fatto alimentando l’interesse nei confronti della principale crypto.

L’approvazione dell’ETF di Bitcoin potrebbe portare BTC a 100.000$


Ci sono cinque fattori chiave che potrebbero determinare la crescita di BTC fino a 100.000$ in caso di approvazione di un fondo quotato in borsa, ETF.

Secondo gli analisti di Cointelegraph l’ETF spot di Bitcoin avrebbe un effetto trasformativo, influenzando volatilità, correlazione con gli asset tradizionali e liquidità del mercato.

In particolare sarebbe l’ingresso semplificato per i boomer a rappresentare la vera svolta per il mercato di BTC. I tradizionali broker di investimento potrebbero proporre il nuovo veicolo a questa categoria demografica di singoli investitori che così entrerebbero con facilità a contatto con Bitcoin.

La partecipazione di importanti gestori patrimoniali come BlackRock e Fidelity dovrebbe dare nuovo impulso al settore degli ETF, con una particolare concentrazione dei fondi tra i principali emittenti.

Altri fattori che facilitano l’accesso degli investitori sono legati alla maggiore tutela sul piano legale e quindi a una maggiore sicurezza da parte dei consulenti di investimento nel proporre questa nuova categoria di prodotti. In un primo tempo l’impatto potrebbe non essere immediato ma questo insieme di fattori potrebbe portare il prezzo di BTC oltre i 100.000$.

Si avvicina la scadenza della SEC per la presentazione di un ETF spot su Bitcoin


La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha fissato la scadenza del 29 dicembre per i richiedenti di ETF spot di Bitcoin. Questo è il termine ultimo per perfezionare le richieste e inoltrare tutte le modifiche richieste dalla Commissione.

I richiedenti dovranno anche adeguarsi all’esplicita richiesta della SEC di finanziare in contanti i fondi e non direttamente in Bitcoin come era stato richiesto dagli emittenti degli ETF.

Importanti attori del settore, tra cui BlackRock, Grayscale Investments, ARK Invest e 21shares, hanno incontrato i funzionari della SEC nelle ultime settimane, aspetto che alimenta le ipotesi di un’approvazione all’inizio del 2024.

Adesso ci sono 13 richieste di ETF di Bitcoin in attesa di approvazione, e il mercato è in trepidante attesa. Le decisioni della SEC impatteranno sul prezzo di Bitcoin, specie se i prodotti approvati saranno più di uno alla scadenza della prima decade di gennaio.

Max Keiser prevede un’impennata di Bitcoin a 400.000$


Il giorno di Natale, il network di Bitcoin ha raggiunto un nuovo traguardo: il tasso di hash del mining ha registrato il record di 544 exahashes al secondo. Questo notevole aumento si allinea con l’impressionante impennata del 163% del prezzo di Bitcoin nel 2023.

Un consigliere del presidente di El Salvador, Max Keiser, di recente ha suggerito un prezzo corretto in base al valore di hash di Bitcoin superiore a 400.000$. L’ipotesi ha scatenato il dibattito sui nuovi modelli di prezzo per la criptovaluta.

La situazione non è così semplice, però. Infatti l’impennata del tasso di hash implica anche l’aumento delle spese operative per i miner che lavorano per mantenere alta la sicurezza complessiva della rete di Bitcoin.

D’altra parte, il costo dell’hash, parametro chiave per valutare la redditività del mining, è sceso a 0,09$ per terahash al secondo su base giornaliera. In parte, il calo è determinato dalla perdita di interesse verso gli Ordinal BRC-20 che hanno tenuto banco nel corso dell’anno. Calo che si è riflesso direttamente sulla redditività del mining.

Il rapporto indiretto tra aumento del tasso di hash e calo della redditività potrebbe avere un impatto significativo sul mercato di Bitcoin in generale. Il settore del mining potrebbe influenzare le dinamiche di prezzo di Bitcoin e sul valore del BTC più in generale.

Questo quadro descrive la complessa relazione tra progressi tecnologici e fattori economici che influenzano la traiettoria del valore di Bitcoin.

Previsione del prezzo di Bitcoin


Bitcoin non perde il suo ruolo dominante all’interno del complesso mercato crypto. Il 27 dicembre, la valuta digitale presenta un quadro tecnico complesso. In questo momento Bitcoin sta attraversando livelli cruciali, e il punto critico si colloca a 42.800$.

I principali livelli di resistenza si trovano a 44.358$, 45.079$ e 45.993$. I livelli di supporto si trovano invece a 41.714$, seguito da 40.638$ e 39.429$. Questi livelli sono fondamentali per determinare la traiettoria a breve termine di Bitcoin.

Da un punto di vista tecnico, il Relative Strength Index (RSI) di Bitcoin si aggira intorno a 40, indicando un sentimento ribassista sul mercato. Da qualche giorno l’RSI si mantiene sotto 50 e questo suggerisce di solito che la pressione di vendita è il sentimento predominante del mercato.

La tendenza ribassista è ulteriormente confermata dalla posizione di Bitcoin rispetto alla media mobile esponenziale (EMA) a 50 giorni. Attualmente, Bitcoin stenta a tenersi al di sopra della sua 50 EMA, che si trova a 43.000 dollari, rafforzando una tendenza ribassista a breve termine. Il movimento al di sotto dell’EMA è un segnale critico per i trader, poiché spesso indica un potenziale movimento al ribasso.

Dalla lettura del grafico la situazione si presenta critica ora che Bitcoin si trova al di sotto dell’EMA 50. Questa rottura potrebbe implicare un cambiamento nel momentum del mercato, portando potenzialmente a ulteriori ribassi. C’è da dire che il mercato delle criptovalute è noto per la sua volatilità e i rapidi cambiamenti di tendenza non sono rari.

In conclusione, la tendenza generale di Bitcoin sembra essere ribassista, soprattutto al di sotto della soglia dei 42.800$. In prospettiva, il mercato si aspetta che Bitcoin testi i suoi livelli di resistenza nei prossimi giorni.

Crypto da tenere d’occhio


Investire in un progetto crypto nelle prime fasi potrebbe essere una buona idea per differenziare il portafoglio di investimento. È una buona idea tenere d’occhio i token che si trovano in fase di prevendita.

Il team dedicato agli Approfondimenti su Cryptonews ha curato un elenco delle crypto più promettenti nel 2024, fornendo preziose informazioni su questi progetti.

L’elenco viene aggiornato ogni settimana per includere nuove altcoin e token in prevendita.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.