Previsioni prezzo Bitcoin: BTC è in una trappola ribassista e potrebbe crollare a 10mila dollari

Christian Boscolo
| 3 min read

BTC trappola grafico

Non è un momento d’oro per Bitcoin (BTC) che ha subito una nuova correzione al di sotto dei 26.000 dollari dopo un tentativo fallito di superare la soglia dei 30.000 dollari, ampiamente considerata come un punto di resistenza critico per l’avvio di una nuova corsa al rialzo.

I recenti movimenti di prezzo hanno lasciato alcuni analisti a riflettere sul futuro incerto della criptovaluta.

In particolare, in una serie di post su TradingView ripresi da Finbold.com, un analista di criptovalute con lo pseudonimo di Tolberti ha annunciato che la recente impennata e il calo del prezzo di Bitcoin potrebbero potenzialmente essere una “trappola per tori”.

Ha sottolineato inoltre che l’attuale grafico di Bitcoin sembra formare un significativo modello di testa e spalle, un indicatore tipicamente associato a tendenze ribassiste.

“Bitcoin ha pompato in modo significativo ma è sicuramente una trappola per tori, quindi non cascateci! Possiamo vedere che il grafico sta seguendo un modello di testa e spalle, che è un segnale ribassista. Questo schema non è ancora confermato, in quanto la scollatura sta tenendo, ma il prezzo è al di sotto della principale linea di tendenza blu, il che aumenta la probabilità di un crollo!

A suo avviso, questo cambiamento di tendenza da rialzista a ribassista offre ai trader l’opportunità di assumere una posizione corta sul Bitcoin. L’analista ha individuato livelli di prezzo specifici che, a suo avviso, potrebbero offrire punti di ingresso interessanti per i trader.

“Dove prendere profitto o comprare Bitcoin? Consiglio vivamente il ritracciamento 0,618 FIB (20.377 dollari) in confluenza con il GAP non riempito del CME. Si tratta di un supporto estremamente forte e dovremmo assistere all’inizio di un nuovo mercato toro o almeno a un rimbalzo significativo”

Bitcoin è pronto per una corsa al rialzo


Tolberti avverte che Bitcoin non è ancora pronto per il mercato toro e ha presentato diversi indicatori chiave a sostegno della sua posizione ribassista.

Un indicatore significativo è il trading del Bitcoin al di sotto della media mobile (MA) a 200 settimane, che tradizionalmente indica un prolungato sentimento ribassista.

In particolare, ha suggerito che la criptovaluta leader potrebbe crollare a 10.000 dollari, con un’inversione di tendenza che potrebbe avvenire già a marzo 2024.

Inoltre, ha riconosciuto che Bitcoin ha recentemente mostrato un’onda d’impulso dopo un significativo crollo del mercato, tipicamente considerata un segnale ribassista.

Tuttavia, ha ipotizzato che una correzione rialzista potrebbe precedere un’altra flessione sostanziale, aggiungendo un ulteriore livello di incertezza alla traiettoria dei prezzi.

È essenziale notare che Bitcoin si è corretto verso un territorio più tipico, intorno al livello di 26.000 dollari, dopo aver registrato guadagni a metà settimana alimentati da notizie normative positive. Bitcoin ha registrato una notevole impennata di quasi l’8%, superando i 28.000 dollari martedì.

Questa impennata ha fatto seguito alla decisione di una corte d’appello federale che ha incaricato la Securities and Exchange Commission (SEC) di riconsiderare il precedente rifiuto della richiesta di Grayscale Investments di convertire il suo GBTC in un Exchange-Traded Fund (ETF).

Gli appassionati di criptovalute sostengono che l’approvazione di un ETF su Bitcoin potrebbe fungere da catalizzatore di prezzo significativo per Bitcoin.

In particolare, questo asset, che sarà il primo del suo genere negli Stati Uniti, è considerato un fattore chiave per l’afflusso di capitali istituzionali nel più ampio mercato delle criptovalute.

Tuttavia, alcuni analisti di mercato avvertono che il clamore che circonda l’approvazione di un ETF dovrebbe essere smorzato, in quanto non è un percorso garantito per un rally del prezzo di Bitcoin.

Analisi tecnica del prezzo di Bitcoin


Nel momento in cui scriviamo Bitcoin è scambiato a 25.903 dollari, registrando un modesto guadagno dello 0,45% nelle ultime 24 ore. Sul grafico settimanale, i movimenti di Bitcoin sono stati relativamente minimi, con un calo di circa lo 0,61%.

Un esame dell’analisi tecnica di Bitcoin rivela che i sentimenti ribassisti dominano attualmente la criptovaluta. Il riepilogo degli indicatori mostra una raccomandazione di “vendita” a 14, mentre le medie mobili suggeriscono una “vendita forte” a 13. Gli oscillatori, invece, raccomandano una posizione “neutrale” a 8.

Poiché Bitcoin continua a mostrare un modello di crescita stagnante, gli osservatori del mercato stanno monitorando attentamente altri potenziali catalizzatori, tra cui l’imminente evento di halving del 2024, i fattori macroeconomici e gli sviluppi normativi.

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

Segui Cryptonews Italia sui canali social