Il browser Brave mira a "tagliare fuori" Google con De-AMP

Brave
Fonte: Twitter, @brave

 

Il popolare browser crypto-nativo Brave ha compiuto un altro passo verso il miglioramento della privacy degli utenti annunciando la funzione "De-AMP", che "eliminerebbe" Google e consentirebbe agli utenti di visitare direttamente i siti Web degli editori.

Brave ha detto in un post sul blog che la funzione, che ora è disponibile nelle versioni Nightly e Beta di Brave e dovrebbe essere abilitata per impostazione predefinita nelle prossime versioni 1.38 Desktop e Android, "riscriverà i collegamenti e gli URL per impedire agli utenti di visitare del tutto le pagine AMP [Accelerated Mobile Pages]".

Brave ha aggiunto che "nei casi in cui ciò non è possibile, Brave guarderà mentre le pagine vengono recuperate e reindirizzerà gli utenti lontano dalle pagine AMP prima ancora che la pagina venga visualizzata, impedendo il caricamento e l'esecuzione del codice AMP/Google".

Secondo Brave, questa funzione è necessaria, poiché l'AMP di Google è dannoso per la privacy, la sicurezza e l'esperienza su Internet. Il browser afferma inoltre che AMP aiuta ulteriormente Google a monopolizzare e controllare la direzione del Web.

Lanciato nel 2015, AMP è stato pubblicizzato come "un'iniziativa open source che mira a rendere il Web migliore per tutti". Tuttavia, il fatto che sia stato proposto da Google e che la maggior parte dei suoi contributori provenga anche da Google ha sollevato preoccupazioni sul fatto che si tratti più di un progetto di Google.

La principale promessa di AMP è quella di creare un'esperienza mobile più pulita e veloce per gli utenti. A tal fine, Google serve le pagine dei suoi server. In parole semplici, quando un utente fa clic su una pagina AMP, viene servito da Google.com, mentre potrebbe sembrare che venga pubblicato dall'editore.

Tuttavia, molti hanno sostenuto che AMP non migliora nemmeno le prestazioni. In una divulgazione al DOJ, la stessa Google ha riconosciuto che "AMP migliora solo la" mediana delle prestazioni "e le pagine AMP possono effettivamente caricarsi più lentamente rispetto ad altre tecniche di ottimizzazione della velocità degli editori".

Ci sono state anche polemiche sul fatto che Google abbia costretto gli editori a utilizzare AMP.  Secondo una ricerca del 2016, ciò è particolarmente vero per i siti Web di notizie, i cui articoli non AMP difficilmente apparivano nel carosello Top Stories sulla ricerca mobile di Google.

Ciò ha persino portato a una nuova causa antitrust contro Google. The Wall Street Journal segnalato lo scorso febbraio che una recente versione di una causa legale del dicembre 2020 afferma che Google ha rallentato il caricamento degli annunci non AMP e che le pagine AMP sono state "progettate specificamente per rendere più difficile la messa all'asta dello spazio pubblicitario su piattaforme diverse dallo scambio di annunci di Google".

Inoltre, si dice che AMP sia dannoso per la privacy e la sicurezza in quanto offre a Google una visione più ampia di quali pagine visualizzano gli utenti e di come interagiscono con esse.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più:
- As Opera Challenges Brave Browser with Push Further into Crypto, How Do They Compare?
- Brave Browser raggiunge 50 milioni di utenti attivi mensili
- CBDC: banche affrontano le questioni legate alla privacy
- Puoi fidarti della Big Tech centralizzata?