23 apr 2021 · 7 min read

Proof-of-Bitcoin Necessaria con i Critici ed Avversari Uniti nel Giocarsi la Carta del Clima

C'è una nuova iniziativa Bitcoin (BTC) sul tavolo che vedrebbe i miner come acquirenti di energia, dal momento che forniscono una tecnologia complementare alla produzione e conservazione di energia pulita, un migliore ritorno agli investitori e permettono di sfruttare l'energia in eccesso, oltre a contribuire a risolvere l'intermittenza solare ed eolica e i problemi di congestione; potenzialmente possono portare all'ecologizzazione dell'industria del mining di bitcoin. Non tutti sono d'accordo con questo, ed il co-fondatore e presidente esecutivo di Ripple Chris Larsen ha suggerito di "riconsiderare" l'algoritmo della proof-of-work ora utilizzato da Bitcoin, Ethereum (ETH) e alcune altre reti cripto.

Fonte: Adobe/max5128

La grande società di servizi finanziari Square e la società di gestione attiva Ark Invest hanno pubblicato un white paper intitolato "Bitcoin Is Key To An Abundant, Clean Energy Future." Esso discute la capacità del mining di Bitcoin, in combinazione con l'energia rinnovabile e lo staccaggio, di facilitare ed accelerare "una transizione verso una rete elettrica più pulita e più resiliente", con i miner che sfruttano al massimo questo sviluppo.

Il documento prosegue spiegando che la rete Bitcoin, o più precisamente i suoi miner, sono acquirenti di energia unici che potrebbero consentire alla società di implementare una capacità di generazione sostanzialmente maggiore di energia solare ed eolica, mentre "i proprietari di asset energetici di oggi possono diventare i miner di bitcoin essenziali di domani."

I minatori offrono un carico altamente flessibile e facilmente interrompibile, erogano pagamenti in una criptovaluta globalmente liquida e sono completamente indipendenti dalla posizione, necessitando solo di una connessione internet, ha detto il documento, aggiungendo:

"Queste qualità combinate costituiscono un asset straordinario, un acquirente di energia che può essere attivato o disattivato in qualsiasi momento in qualsiasi parte del mondo."

Sebbene il solare e l'eolico siano le fonti di energia meno costose, soffrono di distribuzione a colli di bottiglia, principalmente a causa della loro alimentazione intermittente e della congestione della rete elettrica. Inoltre, forniscono più energia di quella di cui la società ha bisogno in genere per poche ore al giorno e non abbastanza quando la domanda aumenta.

Il mining di bitcoin può quindi servire come tecnologia complementare per la produzione e lo stoccaggio di energia pulita, mentre i miner possono aiutare a risolvere gran parte dei problemi di intermittenza e congestione, con il risultato che le reti impiegano più energia rinnovabile.

Secondo il documento, combinare i miner con le energie rinnovabili e i progetti di stoccaggio potrebbe:

  • migliorare i ritorni per gli investitori e gli sviluppatori di progetti, spostando più progetti a energia solare ed eolica nel territorio redditizio;
  • consentire la realizzazione di progetti solari ed eolici in attesa del completamento dei lunghi studi di interconnessione alla rete;
  • fornire alla rete energia "in eccesso" prontamente disponibile per eventi particolari che sono però sempre più comuni come giornate eccessivamente calde/fredde, cosa che sarà utile anche perchè la domanda di elettricità della società aumenta è in aumento per l'elettrificazione dei dispositivi e i veicoli elettrici.

A lungo termine, il whitepaper vede due grandi implicazioni se il mining di Bitcoin si normalizzasse come acquirente di energia:

  • la quantità di energia solare ed eolica sulla rete potrebbe aumentare notevolmente;
  • potrebbe esserci una trasformazione considerevole e l'ecologizzazione dell'industria mineraria di bitcoin.

Distribuendo più energia solare ed eolica, queste tecnologie di generazione probabilmente scenderanno ulteriormente lungo le loro curve di costo, avvicinandosi alla produzione di energia a costo marginale zero, ha affermato il documento e ha aggiunto:

“Ma se il solare e l'eolico diventassero ancora meno costosi e costituissero una porzione sempre più ampia di energia di base, la tendenza continuerebbe a muoversi rapidamente verso un hashrate dominato dall'energia rinnovabile. Riteniamo che l'implementazione di una quantità così grande di hashrate nuovo e geograficamente diversificato avrebbe anche l'ulteriore conseguenza di fortificare la sicurezza della rete Bitcoin, potenzialmente rafforzando ulteriormente il bitcoin come valuta valida per tutti ".

Questa sinergia sfata il mito secondo cui l'estrazione di Bitcoin sta danneggiando l'ambiente, secondo Cathie Wood, la fondatrice di Ark Invest. "Invece, grazie alla convergenza di tecnologie per il mining di criptovalute, lo stoccaggio di energia e l'AI, è probabile che l'adozione di energie rinnovabili acceleri", ha affermato.

Mentre i critici affermano che il calcolo richiesto per proteggere Bitcoin è dannoso per l'ambiente, Ark afferma "che è vero proprio il contrario: un mondo con bitcoin è un mondo che, in equilibrio, genera più elettricità da fonti rinnovabili prive di carbonio".

Con il capo di Twitter e Square che afferma che Bitcoin incentiva l'energia rinnovabile, il capo di Tesla Elon Musk è intervenuto appoggiando la visione:

"La missione di Tesla è letteralmente "accelerare la transizione del mondo verso l'energia sostenibile "," ha affermato Steve Lee, responsabile del progetto per lo sviluppo di Bitcoin presso Square Crypto.

Per Nic Carter, partner fondatore della società di capitali di rischio incentrata sulla blockchain Castle Island Ventures, BTC accelera semplicemente una realtà di fatto in cui "il calcolo sarà il più grande consumatore globale di energia entro un decennio o due, e giustamente". Ha aggiunto che col senno di poi, pensare al calcolo su larga scala come uno spreco sarà visto come assurdo.

Ma c'è stato di nuovo un dibattito sulla terminologia e sul fraseggio, soprattutto vista la giovane età dello spazio. Il fondatore di BlockTower Capital, Ari Paul, ha detto che non chiamerebbe la proof-of-work (PoW) un calcolo nel contesto dato, perché "invita semplicemente alla critica ovvia (e ragionevole) secondo cui non stai calcolando qualcosa di utile come possiamo pensare. " Piuttosto, è meglio inquadrarlo come una spesa diretta per la sicurezza, ha detto.

Nel frattempo, Bloomberg ha risposto alle affermazioni di Dorsey, Wood e Musk, dicendo che queste "non sono esattamente vere".

Secondo gli autori, c'è ancora il fatto che il mining divora enormi quantità di energia, mentre l'idea che un progetto di energia rinnovabile possa essere costruito senza una connessione alla rete, solo per alimentare un'operazione Bitcoin, non è altrettanto praticabile.

"Ma parte del rapido calo del prezzo delle energie rinnovabili è dipeso anche da finanziamenti a basso costo. Una banca probabilmente addebiterebbe un tasso di interesse più elevato in un progetto che prevede di vendere energia a un miner di Bitcoin, piuttosto che se il cliente fosse Google ", hanno detto senza fornire calcoli specifici.

Il Financial Times è andato anche oltre:

"Quindi, meglio accettare questo "white paper" per quello che è: un gruppo di persone che hanno associato i loro nomi a una classe di asset distruttiva e che cercano disperatamente di invertire la rotta senza effettivamente invertirla. O, come è noto nel settore, facendo "greenwashing" (dandosi una patina di credibilità ambientale)", hanno detto.

Inoltre, Stephen Isaacs, presidente del comitato di investimento della società di consulenza con sede a Londra Alvine Capital, ha dichiarato alla CNBC che l'utilizzo di energia di Bitcoin sarà la sua rovina "se qualcuno prende sul serio il cambiamento climatico".

"Questo è un prodotto molto sporco, e diventa sempre più sporco di minuto in minuto, perché la quantità di energia necessaria per estrarre scorte aggiuntive sta aumentando", ha detto.

Allo stesso tempo, un altro dirigente di Ripple ha criticato il mining di Bitcoin.

Chris Larsen di Ripple ha sostenuto che le criptovalute che utilizzano la PoW dovrebbero prendere in considerazione una modifica del codice a un altro metodo di convalida come la Proof-of-Stake (PoS) o il Federated Consensus (o qualcosa di terzo ancora da sviluppare), che, secondo Larsen, "hanno dimostrato di essere efficaci" nel garantire il loro valore immagazzinato ma utilizzando una piccola frazione dell'energia.

Federated Consensus viene utilizzato da XRP Ledger di Ripple.

"Oggi, le monete non basate sulla PoW (incluso il cambio anticipato di Ethereum) costituiscono il 43% di tutte le criptovalute per capitalizzazione di mercato e la maggior parte delle nuove criptovalute introdotte oggi sceglie di evitare la PoW. È chiaro da che parte si sta muovendo la tendenza. Direi che un tale cambiamento è di fondamentale importanza per Bitcoin per rimanere la criptovaluta dominante del mondo ", ha scritto Larsen.

Ha anche sottolineato che le aziende si stanno ora impegnando nell'azione per il clima e "senza dubbio dovranno affrontare pressioni (sia da parte dei consumatori che delle autorità di regolamentazione) per ridurre o cedere le loro partecipazioni in criptovalute basate sulla PoW, incluso bitcoin.

"La comunità di Bitcoin dovrebbe vedere questo come un rischio significativo e lavorare per affrontarlo", ha detto il presidente esecutivo.

E sembra che questo sia esattamente ciò che Square e Ark stanno facendo ora. Come hanno concluso nel loro whitepaper, è "solo l'inizio di quella che speriamo sarà una fruttuosa esplorazione di soluzioni per aiutare a inaugurare un futuro di energia pulita e abbondante".
____
Per saperne di più:
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining
- Proof-of-Disagreement: Bitcoin's Work vs. Ethereum's Planned Staking
- Bitcoin Miners Might Solve Ukraine’s Energy Spending Woes
- New Bitcoin Mining Giant Emerging in US With USD 651M Deal
- Ripple Bosses Break from Legal Battle to Bash Bitcoin