Queste Altcoin crolleranno se Greyscale liquiderà il suo fondo

Questa settimana, tutti gli occhi sono puntati su Grayscale e Digital Currency Group (DCG). Lo scenario peggiore potrebbe vedere il più grande fornitore di fondi crittografici del mondo liquidare alcuni dei suoi trust sulle altcoin.

La potenziale liquidazione dei trust altcoin da parte di Greyscale potrebbe avere un impatto sui prezzi delle già malridotte criptovalute. DCG è la società madre di Grayscale ed è fortemente coinvolta nel contagio del crollo di FTX.

Il 2 gennaio, il cofondatore di Gemini Cameron Winklevoss ha criticato il CEO di DCG, Barry Silbert, per i fondi congelati. L’exchange Gemini ha prestato fondi degli utenti alla travagliata intermediazione di Silbert con Genesis, che aveva interrotto i prelievi a seguito di una crisi di liquidità dopo l’implosione di FTX.

Ora è emerso il timore che Grayscale possa dover liquidare alcuni dei suoi fondi fiduciari per coprire i creditori di Genesis. L’azienda potrebbe iniziare con i trust altcoin poco performanti.

I trust altcoin sotto pressione

Oltre al suo fiore all’occhiello BTC Trust fund (GBTC), Grayscale offre una serie di fondi sulle altcoin. Non includendo Ethereum, dispone di fondi a singolo asset per le seguenti altcoin:

  • Basic Attention Token (BAT)
  • Bitcoin Cash (BCH)
  • Chainlink (LINK)
  • Decentraland (MANA)
  • Ethereum Classic (ETC)
  • Litecoin (LTC)
  • Solana (SOL)
  • Stellar Lumens (XLM)
  • Zcash (ZEC)

Inoltre, ci sono alcuni fondi oscuri come Filecoin (FIL), Horizen (ZEN) e Livepeer (LPT).

Gli analisti hanno elencato le altcoin che sarebbero maggiormente colpite, in ordine di partecipazioni da parte di Greyscale come percentuale della capitalizzazione di mercato della moneta.

Secondo queste cifre, Grayscale detiene circa l’8,5% dell’intera capitalizzazione di mercato di Ethereum Classic. Questo potrebbe essere catastrofico per ETC se dovesse liquidare questo trust. I prezzi di ETC sono già in forte sofferenza, essendo scesi del 90% dal loro massimo storico e oggi sono scambiati a $16.

Anche il token Horizen (ZEN) è nella zona di pericolo, con Grayscale che detiene il 4,6% della sua capitalizzazione totale. ZEN è attualmente in calo di oltre il 94% rispetto al suo prezzo massimo, e oggi è scambiato a $9,22.

Anche Zcash potrebbe soffrire con il 2,5% della sua capitalizzazione di mercato bloccata in un trust da Greyscale. ZEC è in calo di un enorme 98,8% rispetto al suo ATH, e oggi è scambiato a $40,45.

Impatto di Greyscale su BTC ed ETH

La paura più grande, tuttavia, è la liquidazione del suo massiccio trust in BTC. Grayscale controlla circa 10,5 miliardi di dollari in BTC, ovvero circa il 3,3% della capitalizzazione di mercato totale. Più di 630.000 BTC a inondare i mercati farebbero quasi certamente crollare i prezzi a un nuovo ciclo minimo.

Ethereum sarebbe in pericolo simile poiché Grayscale detiene 3 milioni di ETH, o circa il 2,5% della sua capitalizzazione di mercato.

Dopo che la società si è rifiutata di pubblicare una prova sulle riserve, gli investitori e i dirigenti di criptovalute in tutto il mondo stanno pregando che questo scenario non si risolva con l’avvicinarsi della scadenza per l’azione di Silbert.

Segui Cryptonews Italia sui canali Social