Home NewsBlockchain News

Un ricercatore lancia allarme sulla blockchain, ma le aziende sono riluttanti a rallentare

Di Tim Alper
Un ricercatore lancia allarme sulla blockchain, ma le aziende sono riluttanti a rallentare 101
Source: iStock/Tatomm

L'adozione della blockchain continua a ritmo sostenuto, ma un rapporto del ricercatore Gartner afferma che il 90% delle soluzioni di blockchain già implementate per il business "richiederà la sostituzione entro 18 mesi per rimanere competitivi, sicuri ed evitare l'obsolescenza".

Il ricercatore ritiene che il settore continuerà ad espandersi e afferma che "il valore aggiunto della blockchain per il business aumenterà" fino a oltre 176 miliardi di dollari entro il 2025 e "supererà i 3.1 trilioni di dollari entro il 2030".

Tuttavia, secondo la press release di Gartner, il direttore senior della ricerca della società Adrian Lee ha rilasciato un avvertimento errato affermando,

“Molti [chief information officer] sovrastimano le capacità e i benefici a breve termine della blockchain come tecnologia per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi di business, creando così aspettative non realistiche nel valutare le offerte dei fornitori di piattaforme e fornitori di servizi blockchain.”

Secondo Gartner, oggi il mercato della piattaforma blockchain è composto da offerte frammentate che spesso si sovrappongono o vengono utilizzate in modo complementare, rendendo le scelte tecnologiche confuse per i responsabili delle decisioni IT.

"Ad aggravare questa sfida è il fatto che i fornitori di piattaforme blockchain utilizzano in genere messaggi che non si collegano sempre ai casi d'uso dei potenziali acquirenti e ai vantaggi aziendali. Ad esempio, "transazioni" è il termine più utilizzato in relazione alla blockchain, seguito da "sicuro" e "sicurezza". Anche se queste sono funzioni che la tecnologia blockchain offre, gli acquirenti sono ancora confusi su come queste funzioni vengano raggiunte o su quali vantaggi la blockchain apporti ai processi esistenti", ha affermato Lee.

La società non si aspetta che ci possa essere una singola piattaforma blockchain dominante nei prossimi cinque anni: "Invece, ci aspettiamo che emerga un mondo multipiattaforma".

Indipendentemente da ciò, molte aziende e grandi governi ritengono che debbano avere una marcia in più rispetto ai loro rivali quando si tratta dell'adozione della blockchain - con molti che insistono sul fatto che le gare IT vengono raramente vinte da aziende e organizzazioni eccessivamente prudenti.

Nel frattempo, in Corea del Sud, il governo dice che utilizzerà le soluzioni basate sulla blockchain per trarne vantaggi. Secondo il media sud coreano BC Post, Il Ministero della Salute e del Welfare condurrà un progetto di ricerca nei prossimi cinque mesi, con un budget di oltre 42.000 USD, alla ricerca di modi per utilizzare la tecnologia per porre fine ad alcune frodi.

Il ministero ritiene che le soluzioni blockchain possano aiutarlo a combattere i truffatori che copiano i dati da persone che chiedono sussidi di invalidità al fine di ricevere i pagamenti dal governo. Il ministero afferma che la frode è un problema crescente e che le spese per il welfare sono aumentate del 10% nel 2018.

Altrove, secondo la CNews tre delle maggiori compagnie energetiche della Corea del Sud - Korea Power Exchange, Nambu Electric Power e Korea Electric Power Corporation (KEPCO) - hanno concordato di collaborare ad un progetto pilota di blockchain pubblico per l'emissione di certificati di fornitura di energia rinnovabile (REC).

Le aziende affermano che la soluzione aiuterà a garantire che le aziende e gli individui sudcoreani non possano fare affermazioni fraudolente o fuorvianti sulla natura delle loro risorse energetiche.

In precedenza, alcune delle maggiori conglomerate del paese, banche e società armatoriali hanno annunciato che si stanno rivolgendo alla tecnologia blockchain, con molti interessati a commercializzare i prodotti blockchain a partire dalla seconda metà di quest'anno.

Più Articoli