Ripple batte la SEC (ma non è ancora finita) – Sull’onda dell’entusiasmo XRP può tornare a 1 dollaro?

Massimo De Vincenti
| 3 min read

Il prezzo di XRP, la criptovaluta lanciata oltre un decennio fa dalla società fintech statunitense Ripple Labs, è aumentato in seguito alle notizie che la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha ritirato le accuse contro due figure di spicco di Ripple: il CEO Brad Garlinghouse e il co-fondatore dell’azienda Chris Larsen.

Nella giornata di ieri, infatti, in modo anche piuttosto sorprendente, la SEC ha votato per concludere il caso in modo permanente, senza la possibilità di ulteriori azioni legali relative alle stesse accuse. Una vittoria importante per Ripple, sebbene non conclusiva, perché altre azioni legali da parte della Securities and Exchange Commission sono ancora in atto.

Ripercorrendo velocemente i fatti, a dicembre 2020, la SEC presentò un’azione civile contro Ripple e contro Garlinghouse e Larsen, affermando che, a partire dal 2013, la distribuzione dell’asset digitale XRP avrebbe dovuto essere registrata come un titolo. Nel luglio 2023, il tribunale ha emesso una sentenza a favore di Ripple, stabilendo che XRP non è un titolo. Successivamente, la SEC ha cercato di impugnare la decisione del tribunale ma tale sforzo è stato infruttuoso. Fino alla resa di ieri, che risolve tutte le accuse contro i due dirigenti.

Grafico XRP / Fonte: Adobe

Nel mese di luglio, a seguito della decisione del giudice, XRP era aumentato di oltre il 70% in un solo giorno, toccando i massimi dell’anno vicino a $0,95.

Da allora ha perso slancio, con i prezzi che hanno faticato a restare nel range tra $0,45 e $0,55 negli ultimi due mesi.

Ma la notizia di ieri riguardante il ritiro delle accuse della SEC mette in evidenza come Ripple sia in netto vantaggio nella sua causa in corso con la SEC e questo ha avuto effetti positivi su XRP, che ha raggiunto gli $0,51, in aumento di circa il 4%,

Previsione dei prezzi – XRP può tornare a salire fino a 1 dollaro?


Nonostante un’intrinseca forza rialzista nell’andamento dei prezzi intraday di XRP, la criptovaluta si trova ancora limitata nei suoi attuali intervalli di trading e continua a scontrarsi con la resistenza rappresentata dalla sua media mobile a 200 giorni (200DMA), che sin da agosto non è stata superata in modo decisivo.

Con la situazione che sembra favorevole per Ripple e con un sentiment positivo nel mercato più ampio, alimentato dalla speranza che presto verranno approvati gli ETF di Bitcoin spot, i segnali sembrano però orientati verso una rottura al di sopra del range tra $0,45 e $0,55, anziché al ribasso.

Se XRP riuscisse a superare in modo convincente gli $0,55, potrebbe intraprendere una corsa verso i massimi annuali nell’intervallo di $0,90.

Un’ulteriore crescita sarebbe accelerata da eventuali altre importanti vittorie legali per Ripple, visto che ieri è stata vinta una battaglia non certo la guerra contro la SEC.

XRP potrebbe dunque essere una delle migliori criptovalute di alta qualità da acquistare, grazie al suo prezzo che al momento rimane contenuto, in virtù dell’incertezza legale e regolamentare.

La criptovaluta potrebbe facilmente superare la soglia di 1 dollaro nel prossimo mercato rialzista, avendo quasi raggiunto questo traguardo già una volta quest’anno.

Criptovaluta alternativa da considerare


Il futuro di XRP è promettente, con interessanti guadagni in prospettiva, soprattutto qualora raggiungesse la fatidica soglia di 1 dollaro.

Ma per coloro che cercano una probabilità ancora migliore di guadagni a breve termine, una strategia alternativa di investimento ad alto rendimento da considerare è quella di partecipare alle prevendite di criptovalute.

In questo caso, gli investitori acquistano i token di nuovi progetti – solitamente a prezzi molto convenienti – per contribuire al loro sviluppo.

Un caso eclatante in questo senso è quello di Bitcoin Minetrix, la cui prevendita ha raccolto oltre un milione di dollari in meno di due settimane.

Bitcoin Minetrix offre la possibilità di guadagnare dal mining di Bitcoin e lo fa attraverso un meccanismo di stake-to-mine completamente trasparente e automatizzato sulla blockchain di Ethereum utilizzando contratti intelligenti.

La criptovaluta nativa dell’ecosistema, $BTCMTX, è attualmente disponibile al prezzo più basso in assoluto ($0,011), prezzo che è destinato a salire nella fase 2 (a $0,0111) e così via fino alla conclusione della prevendita. Fino al 70% dell’offerta totale di 4 miliardi di $BTCMTX è disponibile per l’acquisto in prevendita.

È importante notare che Bitcoin Minetrix ha superato l’audit da parte della società di sicurezza blockchain Coinsult senza problemi significativi, il che è un ulteriore garanzia della serietà e della trasparenza del progetto.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili. 

Segui Cryptonews Italia sui canali social