01 mag 2021 · 4 min read

I dirigenti di Ripple criticano le azioni "sconcertanti" della SEC in una serie di interviste

Mentre continuano i problemi della società blockchain americana Ripple con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, i dirigenti della società sono apparsi in una serie di interviste con le principali emittenti per segnalare quello che descrivono come un caso "sconcertante'' per il fatto di essere stati presi di mira dal regolatore. I dirigenti hanno ancora una volta accusato la mancanza di chiarezza normativa per aver ostacolato il mercato delle criptovalute negli Stati Uniti.

Brad Garlinghouse. Fonte: uno screenshot del video, Youtube, Bloomberg Technology

Il presidente esecutivo di Ripple, Chris Larsen, è andato di recente su Bloomberg TV e ha detto ai presentatori che ciò che ha trattenuto XRP è la mancanza di chiarezza normativa. Egli afferma che c'è "molta chiarezza normativa nelle zone principali del mondo" e che Giappone, Singapore, Regno Unito, Svizzera e Emirati Arabi Uniti "hanno considerato XRP una valuta". Ma negli Stati Uniti, ha detto, "in 10 anni non abbiamo ancora quella chiarezza normativa, e questo sta trattenendo il mercato statunitense delle criptovalute. È un peccato."

Alla domanda sul motivo per cui pensava che XRP e Ripple fossero stati puntati dalla SEC, Larsen ha detto che "pensiamo che sia stata una mossa sconcertante avvenuta letteralmente negli ultimi giorni dell'amministrazione [di Donald] Trump", ma che i manager dell'azienda sono "fiduciosi di poter ottenere quella chiarezza negli Stati Uniti. "

Per Larsen, le autorità di regolamentazione delle security statunitensi stanno rendendo difficile per gli Stati Uniti arrivare al vertice del mondo fintech e stanno rendendo facile per gli innovatori trasferirsi in luoghi come Singapore o il Regno Unito dove possono avere un buon rapporto con le autorità di regolamentazione; ma anche che la Cina "è andata avanti in strade che noi non abbiamo neanche".

Lo stesso giorno, 27 aprile, è stata pubblicata un'intervista con Fox Business in cui il CEO di Ripple Brad Garlinghouse ha trasmesso un messaggio simile, focalizzando l'attenzione sull'incertezza normativa degli Stati Uniti per le criptovalute e confrontandola con altri paesi in cui Ripple non è stato accusato di aver avviato un'offerta di titoli non registrata.

Ha affermato di essere soddisfatto dei progressi compiuti dalla società in tribunale fino ad oggi, dicendo che le accuse della SEC sembravano "piuttosto difficili da digerire".

L'amministratore delegato di Ripple ha affermato che, come parte dei procedimenti legali in corso, i rappresentanti della società hanno "cercato di scoprire come e perché hanno concluso che bitcoin ed ether non fossero titoli" in contrasto con la posizione della SEC su XRP.

“Il giorno in cui è stata intentata la causa, 15 miliardi di dollari di valore sono defluite dall'ecosistema XRP. E questo ha influenzato esattamente le persone che la SEC ha il potere di proteggere ", ha ribadito in una dichiarazione precedente.

D'altra parte, un commissario della SEC, Hester Peirce, "merita quel soprannome di" Mamma Cripto "", secondo Garlinghouse, "perché ha davvero sostenuto il settore. Ha davvero sostenuto la necessità di quella chiarezza che, si spera, otterremo con il processo giudiziario ".

Guarda l'ultimo video su foxbusiness.com

In un'altra di questa serie di apparizioni sui media, datata 30 aprile, Garlinghouse ha detto alla CNBC che la mancanza di chiarezza nella regolamentazione americana delle criptovalute era "frustrante", sottolineando ancora "la necessità di maggiore chiarezza e certezza su come funzionino i quadri normativi qui".

Ha contrapposto "uno sforzo ponderato e guidato dal governo per definire e chiarire i quadri normativi sulle criptovalute" a Singapore e in parti della Corea del Sud, ripetendo che gli Stati Uniti erano "l'unico paese del pianeta" che tratta XRP come una security.

Come riportato, il caso del regolatore americano contro la società è incentrato sull'accusa della SEC secondo cui il token XRP affiliato a Ripple sia un titolo non registrato. Detto questo, l'agenzia ha cercato di estenderlo ai suoi dirigenti, come dimostrato dal tentativo fallito della SEC di proteggere i dati finanziari personali sia di Garlinghouse che di Larsen.

Nel frattempo, il gigante finanziario giapponese e partner di lunga data di Ripple SBI ha affermato che Larsen sta pensando ad una quotazione in borsa in stile Coinbase, con un dirigente della SBI che afferma: “Dopo l'attuale causa, Ripple diventerà pubblica. La valuta vuole farlo. Chris vuole farlo. "

La quarta moneta per capitalizzazione di mercato XRP ha recentemente assistito a un importante rally, apprezzando il 16% in un giorno e il 46% in una settimana, il 191% in un mese e il 641% in un anno.

____

Per saperne di più:
- Over USD 620M XRP Positions Liquidated While Ripple CTO Educates Investors
- XRP Doubles as Ripple Scores Victory, 'XRP' Overtakes 'Ethereum' On Google
- Settlement Is Most Likely Outcome in Ripple vs. SEC Case - Attorney
- XRP Deemed a Security Wouldn't Harm Ripple, but Might Hurt US - CEO
- Ripple Digs For XRP Gem That Might Help Win Against SEC
- Garlinghouse Backtracks on BTC as Ripple Gains Ground on SEC & XRP Soars
- Brad Garlinghouse: SEC Lawsuit Against Ripple Is 'Against Crypto At Large'
- Ripple Goes For M&A in Asia Amid Legal Battle In US
- SEC Lists 3 Reasons for Seeking Ripple Execs' Financial Info on XRP Deals
- Fact-checking Ripple’s Claim that ‘Many G20 Gov’ts’ Call XRP a ‘Currency’