. 3 min read

Rivelazioni shock: Binance ha nascosto per anni i legami con la Cina, i documenti della società rivelano…

Binance è di nuovo sotto i riflettori e dopo le accuse da parte della CFTC, e la risposta di CZ sul blog aziendale, adesso spuntano nuove prove che riguardano i suoi presunti legami con la Cina.

Un recente rapporto del Financial Times ha rivelato che Binance aveva profonde ed estese connessioni con il Paese asiatico anche anni dopo essersene ufficialmente allontanata in seguito al giro di vite sulle criptovalute di fine 2017.

L’amministratore delegato di Binance, Changpeng Zhao (CZ), e altri dirigenti di alto livello sono stati accusati di aver dato ordine al personale di nascondere le operazioni in Cina dell’azienda, compreso un ufficio che è rimasto in funzione almeno fino all’inizio del 2020.

Binance – I legami con la Cina aggiungono benzina al fuoco


Le nuove rivelazioni aggiungono benzina al fuoco, dato che Binance deve attualmente affrontare una serie di problemi normativi, tra cui una recente azione legale da parte della CFTC statunitense per la presunta fornitura di servizi illegali a clienti americani.

La CFTC ha accusato Binance di aver deliberatamente taciuto informazioni sull’ubicazione degli uffici dei suoi dirigenti e di aver affermato in modo fuorviante che la sede centrale si trovava “dove si trova” CZ, nell’ambito di una strategia di elusione delle norme.

Nonostante le dichiarazioni pubbliche di Binance di aver lasciato la Cina nel 2017, alcuni documenti interni hanno evidenziato come la società abbia nascosto la portata e la posizione di “un piccolo numero di agenti che lavorava per il servizio clienti dedicato alla Cina”.

Un messaggio di un dipendente di Binance alla fine del 2019 invitava gli altri a riconoscere pubblicamente solo gli uffici di Malta, Singapore e Uganda e ad astenersi dal menzionare altre sedi, compresa la Cina.

Binance ha respinto le accuse, dichiarando:

“È spiacevole che fonti anonime citino una storia “antica” (in termini crittografici) e descrivano in modo drammaticamente errato gli eventi. Questa non è un’immagine accurata delle operazioni di Binance”.

Tuttavia, le prove continuano ad accumularsi contro la società. Secondo i documenti interni, la Cina è rimasta una componente cruciale delle operazioni di Binance anche dopo il giro di vite del 2017. I dipendenti sono stati informati che i loro stipendi sarebbero stati erogati tramite una banca di Shanghai e nel 2019 Binance ha chiesto al suo personale cinese di partecipare a una sessione fiscale in un ufficio situato nel Paese.

Queste scoperte, insieme a una recente indagine che suggerisce che i dipendenti di Binance potrebbero aiutare  gli utenti cinesi a eludere le rigide normative del Paese in materia di criptovalute, sollevano seri interrogativi sull’impegno di Binance in materia di trasparenza e conformità normativa.

 

Binance verso la resa dei conti


Le controversie in corso sui legami nascosti di Binance con la Cina e sulle strategie di elusione della regolamentazione sono motivo di preoccupazione sia per gli investitori sia per le autorità di regolamentazione. Le prove, sempre più evidenti, potrebbero portare a ulteriori indagini con gravi conseguenze per la reputazione e le operazioni future di Binance.

Mentre il mondo delle criptovalute attende con il fiato sospeso, Binance e CZ devono navigare con attenzione in queste acque tumultuose.

Per superare questa tempesta, l’azienda potrebbe dover apportare modifiche significative alle sue pratiche commerciali, rafforzare la sua infrastruttura di conformità e stringere partnership con istituzioni finanziarie consolidate.

Rispondendo alle preoccupazioni delle autorità di regolamentazione e dimostrando un rinnovato impegno per la trasparenza e la conformità, Binance potrebbe emergere da questa crisi più forte e più resistente che mai.

Tuttavia, la strada da percorrere è innegabilmente irta di sfide. L’azienda deve adattarsi ed evolversi per rispondere alle esigenze di un settore sempre più complesso e regolamentato. In caso contrario, potrebbe incorrere in sanzioni sostanziali, divieti di trading e di registrazione e una potenziale perdita di quote di mercato.

 

Segui Cryptonews Italia sui canali social