Robinhood svela piani ambiziosi: trading crypto in arrivo in EU!

Gaia Rossi
| 2 min read

Robinhood

Nella relazione sugli utili del terzo trimestre, Vlad Tenev, CEO di Robinhood, ha svelato i piani della piattaforma di brokeraggio per introdurre servizi di trading crypto in Europa.

“Siamo concentrati a fornire prodotti di punta, che soddisfino le crescenti esigenze finanziarie dei nostri clienti. Intendiamo acquisire quote di mercato, espanderci a livello internazionale e continuare a cambiare il settore al meglio”, ha dichiarato nel comunicato.

Nonostante l’entusiasmo per questa nuova iniziativa, il report ha rivelato una diminuzione del 26% nei ricavi complessivi generati dal trading crypto, scesi da 31 fino a 23 milioni di dollari rispetto al trimestre precedente.

La società ha anche registrato un crollo del 55% nei ricavi derivanti dalle crypto rispetto ai 51 milioni di dollari dell’anno scorso.

Inoltre il valore totale degli asset crypto detenuti dai clienti è diminuito del 11%, da 11,5 a 10,2 miliardi di dollari rispetto al trimestre precedente.

Nonostante questi dati negativi, Robinhood ha dichiarato che ha registrato una perdita inferiore alle aspettative degli analisti nel terzo trimestre, pari a 85 milioni di dollari, equivalente a una perdita per azione di nove centesimi.

Inoltre Robinhood ha registrato un utile di 25 milioni di dollari, nel secondo trimestre del 2023.

Robinhood punta all’Europa


La decisione di espandere i suoi servizi di trading anche in Europa, è una delle iniziative più ambiziose per l’azienda ed è stata presa dopo la scelta di voler entrare nel mercato del Regno Unito.

Inoltre questi sviluppi avvengono dopo che la società aveva ridotto le sue offerte negli Stati Uniti a causa delle azioni regolamentari intraprese dalla SEC.

A giugno, la SEC aveva citato in giudizio i più grandi exchange crypto Binance e Coinbase.

Poco dopo, Robinhood ha effettuato il delisting di una serie di token importanti che erano stati classificati come security nelle cause intentate dalla SEC.

Inoltre, ad agosto Robinhood e Jump Crypto, un importante market maker di criptovalute, hanno interrotto i loro rapporti commerciali.

Jump Crypto aveva attirato l’attenzione dell’ente regolatore per il suo coinvolgimento con Do Kwon, l’ideatore di TerraUSD.

Il CEO di Robinhood rimane ottimista


Dopo aver pubblicato i dati sugli utili, il CEO Tenev ha affrontato le preoccupazioni relative alla flessione del mercato.

Il CEO ha riferito che la società considera questo fenomeno come un’opportunità per migliorare la propria piattaforma.

Inoltre ritiene che l’espansione del trading in Europa, dove prevale una maggiore chiarezza normativa, consentirà alla società di offrire asset diversi rispetto al mercato statunitense, oltre che raggiungere milioni di nuovi utenti.

Invece, per quanto riguarda il mercato statunitense, il CEO ha riferito che Robinhood sta attendendo le indicazioni da parte del governo.

Tenev è preoccupato che i progressi del mercato crypto possano essere oscurati dagli sviluppi all’estero e ritiene importante continuare a promuovere l’innovazione a livello nazionale.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social