11 lug 2022 · 3 min read

Il settore crypto necessita di una regolamentazione "solida"

Fonte: g20.org

 

Una delle principali organizzazioni mondiali per la definizione delle politiche finanziarie ha dichiarato che dirà ai governi di intensificare la supervisione delle stablecoin entro la fine dell'anno, sullo "sfondo delle recenti turbolenze" nel settore crypto.

In un comunicato stampa del Financial Stability Board (FSB), che fornisce consulenza al G20 su questioni di politica economica, l'organismo ha affermato che sta "lavorando per garantire" che le criptovalute siano "soggette a una rigorosa regolamentazione e supervisione".

L'FSB ha aggiunto che intende riferire ai ministeri delle finanze del G20 e ai governatori delle banche centrali in ottobre sugli "approcci normativi e di vigilanza alle stablecoin e ad altri crypto asset".

"Stablecoin dovrebbero essere oggetto di una solida regolamentazione"

L'organismo ha indicato che la sorveglianza delle stablecoin diventerà una questione ad alta priorità per gli stati membri del G20, scrivendo:

"Le stablecoin dovrebbero essere oggetto di una solita regolamentazione e dalla supervisione delle autorità competenti se devono essere adottate come mezzo di pagamento ampiamente utilizzato o altrimenti svolgono un ruolo importante nel sistema finanziario".

I capi finanziari del G20 si incontreranno per la prima volta da febbraio di quest'anno a Giacarta, in Indonesia. L'incontro si svolgerà dal 30 al 31 ottobre, poco prima che i capi di stato si riuniscano nuovamente a Bali.

Sebbene l'organismo non abbia accennato all'esatta natura delle normative che vuole che i governi sviluppino, ha spiegato che intende presentare un "rapporto di consultazione pubblica" sulla "revisione" delle sue "raccomandazioni di alto livello per la regolamentazione, la vigilanza, e la supervisione degli accordi di "stablecoin globale". Questo rapporto includerà dettagli su "come i quadri esistenti possono essere estesi per colmare le lacune e attuare le raccomandazioni di alto livello".

In questa fase non è chiaro cosa intenda l'FSB con il termine "stablecoin globale". Negli anni precedenti, il termine era usato per descrivere i piani ormai defunti di aziende come Meta e Telegram, che da allora hanno abbandonato le loro ambizioni di stablecoin.

Nel settore crypto, tutte le monete sono essenzialmente di natura "globale", comprese le stablecoin ancorate a fiat ampiamente utilizzate come tether (USDT).

Indipendentemente da ciò, l'FSB sembra desideroso di garantire che i governi coprano tutte le loro basi normative e ha spiegato:

"Una stablecoin che entra nel mainstream del sistema finanziario ed è ampiamente utilizzata come mezzo di pagamento e/o riserva di valore in più giurisdizioni potrebbe comportare rischi significativi per la stabilità finanziaria in assenza di una regolamentazione adeguata".

L'ente ha avvertito che "una tale stablecoin", "dovrebbe essere tenuta a standard di regolamentazione e trasparenza elevati" e "mantenere in ogni momento le riserve che preservano la stabilità del valore e soddisfano gli standard internazionali pertinenti".

Regolamentazione crypto

Sul tema più ampio della regolamentazione delle criptovalute, l'FSB ha promesso di continuare a "facilitare la cooperazione transfrontaliera e intersettoriale tra le autorità finanziarie nazionali e gli organismi internazionali di definizione degli standard mentre lavorano per sviluppare una comprensione comune dell'ampio spettro dei crypto asset".

Ha sottolineato l'importanza di sviluppare regolamenti e politiche di supervisione che "sono basate sul rischio, neutrali dal punto di vista tecnologico e fondate sul principio della"stessa attività, stesso rischio, stessa regolamentazione"."

Ha affermato che il suo lavoro su questo fronte includerebbe la valutazione dell'efficacia degli "standard applicabili esistenti" e "l'identificazione di potenziali lacune" nei regolamenti.

L'organismo ha anche ricordato ai membri l'importanza di "sostenere" la "piena e tempestiva attuazione degli standard internazionali esistenti" - come la travel rule del Gruppo di azione finanziaria (GAFI). Un gran numero di nazioni del G20 deve ancora sancire la regola del GAFI – che obbliga gli exchange di criptovalute a monitorare e condividere le informazioni sulle transazioni – nel diritto nazionale.
____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
___
Per saperne di più:
- Check Out FSB's Roadmaps for Stablecoins and CBDCs
- Countries Should Prevent 'Regulatory Arbitrage' for Stablecoins – FSB
- Interesse per le valute digitali delle banche centrali e critiche a Bitcoin al G20
- USA: schema per la regolamentazione internazionale crypto