08 mar 2022 · 3 min read

Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin

Bitcoin
Fonte: Adobe/PixieMe

 

Dan Morehead di Pantera Capital ha affermato che è probabile che sia gli stati-nazione che i privati ​​in tutto il mondo trovino "molto allettante" mantenere il controllo del proprio denaro alla luce delle sanzioni imposte alla Russia, e i paesi potrebbero iniziare a passare a bitcoin (BTC) per le riserve estere.

Morehead, CEO e Co-Chief Investment Officer di Pantera Capital, ha scritto nella sua ultima newsletter che,

"I paesi potrebbero presto iniziare la transizione verso bitcoin per le riserve estere. La possibilità di detenere le proprie riserve di valuta diventerà molto interessante per molte nazioni e privati".

Inoltre ha aggiunto che bitcoin è attraente per i cittadini comuni, perché vogliono "proteggersi dall'impatto finanziario delle decisioni del loro governo/dittatore".

Per quanto riguarda i governi, Morehead ha affermato che le recenti sanzioni guidate dall'Occidente contro la Russia hanno già dimostrato che le riserve estere detenute in valute legali controllate da altri paesi non sono così sicure come si pensava in precedenza.

In particolare, questa realizzazione sta arrivando dopo che la Banca centrale russa è stata tagliata fuori dalla maggior parte dei 630 miliardi di dollari di riserve estere che deteneva prima della guerra.

Ciò ha causato un crollo del valore del rublo russo, costringendo a sua volta la banca centrale ad aumentare i tassi al 20%, cosa che secondo Morehead "dovrebbe schiacciare il mercato immobiliare".

Inoltre, le principali società russe negoziate all'estero hanno visto un crollo totale dei prezzi delle loro azioni, mentre il mercato azionario nazionale russo rimane ancora chiuso.

"Ogni giorno i cittadini russi vengono decimati finanziariamente a causa delle decisioni della loro leadership", ha scritto Morehead.

I commenti di Morehead sono arrivati ​​dopo che gli Stati Uniti e altri paesi hanno dichiarato che avrebbero "congelato" gli asset di proprietà della banca centrale russa nel loro paese, nel tentativo di tagliare il finanziamento della guerra in Ucraina.

Inoltre, martedì è emersa la notizia che un gruppo bipartisan di senatori negli Stati Uniti introdurrà un disegno di legge volto a impedire alla Russia di vendere anche l'oro fisico che detiene come parte delle sue riserve.

Oggi Axios ha riferito che il disegno di legge applicherebbe le cosiddette "sanzioni secondarie" alle entità americane che effettuano transazioni o trasportano oro dalle partecipazioni della banca centrale russa, nonché alle entità che facilitano la vendita fisica o elettronica di oro in Russia.

Inoltre afferma il rapporto che l'obiettivo è quello di includere la legislazione in un'ampia fattura di spesa che dovrebbe essere approvata questo venerdì.

La Russia ha la quinta riserva d'oro ufficiale della banca centrale mondiale, dietro a Stati Uniti, Germania, Italia e Francia. Secondo il World Gold Council, in totale, la banca centrale russa detiene 2.301 tonnellate di metallo giallo.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Ukraine War Raises Questions About the 'End of Monetary Regime' and Role of Bitcoin 
- Correlazione tra BTC e mercati tradizionali potrebbe finire?
- BTC sta aiutando entrambe le parti nella guerra in Ucraina
- Bitcoin e la crisi ucraina
- Could the Ukraine Invasion Spark a Global Financial Crisis?
- Bitcoin è denaro più "pubblico" delle valute Fiat emesse dalla banca centrale
- Prepare For 'Uncertain Future of Money' – US Intelligence Center
- Bitcoin Mass Adoption Would Benefit and Harm Current Economy