Home News

La divulgazione dei dati bancari in Russia può spingere più cittadini verso le cripto

Di Tim Alper
La divulgazione dei dati bancari in Russia può spingere più cittadini verso le cripto 101
Fonte: Adobe/prima91

Il governo russo ha rivelato piani che potrebbero vederlo accedere ai dati bancari riservati dei cittadini - in uno sviluppo che alcuni pensano possa spingere i russi ad avvicinarsi alle criptovalute.

La mossa arriva poco dopo che le previsioni indicano che i russi socialmente distanti, il cui lockdown dovuto al coronavirus è stato ora prorogato almeno fino all'11 maggio intensificheranno il trading di criptovalute il prossimo mese , quando gran parte del paese si chiuderà anche per una serie festività.

Ma secondo il media Izvestia, il ministro degli interni russo ha contattato la Banca Centrale del paese con una proposta che consentirebbe al ministero di accedere ai documenti contabili riservati delle banche.

Il ministero afferma che il processo di informazioni sul trasferimento delle valute è lento e consente agli aspiranti evasori fiscali di sfuggire all'attenzione delle forze dell'ordine. Dice che la mossa "rafforzerebbe la cooperazione" tra le banche e il governo e fermerebbe il prelievo di miliardi di rubli su conti esteri o offshore.

La Banca centrale ha detto a Izvestia di essere scettica riguardo alla nozione e ha affermato di non aver visto l'esigenza di espandere i poteri del ministero. La banca ha aggiunto che la mossa potrebbe influenzare la fiducia del pubblico verso il sistema bancario.

RBC aggiunge che molti credono che la mossa del ministero, in caso di successo, possa "portare ad un aumento della domanda di moneta digitale".

Le note dell'autore del rapporto:

"Le persone vorranno proteggere la riservatezza dei loro dati, quindi correranno a convertire i loro risparmi da fiat a criptovaluta."

Nel frattempo, oltre il confine, in Ucraina, dove il governo ha adottato un approccio molto diverso alla regolamentazione delle criptovalute, i funzionari finanziari hanno raggiunto un fermo nei loro sforzi per introdurre il monitoraggio delle transazioni cripto.

Secondo un report dal media outlet ForkLog, Blockchain4Ukraine , un'associazione di aziende ed esperti che assistono Kiev nell'attuazione della sua politica crittografica, ha affermato che, sebbene una nuova legge antiriciclaggio e antiterrorismo sia entrata in vigore in Ucraina il Il 28 aprile il governo non ha finora implementato una piattaforma di monitoraggio di accompagnamento per il controllo (e l'identificazione di transazioni di criptovaluta potenzialmente fraudolente).

Kyiv aveva originariamente affermato che la piattaforma di monitoraggio sarebbe stata operativa entro la fine di questo mese, ma finora non ha fornito alcuna spiegazione sul ritardo.

Più Articoli