07 Mar 2022 · 3 min read

Banche Russe, escluse da Visa e Mastercard, puntano UnionPay

Russia banche
Fonte: AdobeStock / Eagle

 

Le società americane Visa e Mastercard, così come l'emittente di carte American Express, hanno sospeso le loro operazioni in Russia - unendosi a una lista sempre più lunga di aziende che tagliano i loro legami commerciali con il paese. Ma le banche russe hanno indicato che potrebbero rivolgersi a piattaforme nazionali e cinesi, come UnionPay, in alternativa alle piattaforme occidentali.

Visa e Mastercard hanno entrambi annunciato l'intenzione di ridurre le richieste di autorizzazione e la compensazione dei pagamenti questa settimana, anche se la seconda ha spiegato che inizieranno a ripristinare le operazioni quando sarà "appropriato e consentito dalla legge".

Tass ha riferito che una dichiarazione di American Express recitava: "Le carte American Express emesse in tutto il mondo non funzioneranno più nelle banche e nei bancomat in Russia". L'azienda ha aggiunto che avrebbe anche "terminato" tutti i suoi servizi in Bielorussia.

Le banche russe vogliono usare la piattaforma cinese UnionPay

Ma secondo Reuters e Interfax, la Banca Centrale della Russia e la sua più grande banca commerciale Sberbank hanno indicato che gli istituti finanziari russi vogliono usare la piattaforma cinese UnionPay.

Anche Tinkoff, un'altra grande banca russa, ha indicato che potrebbe fare una mossa simile, che comporterebbe il "co-badging" della piattaforma di pagamenti russa Mir con UnionPay.

Sberbank ha detto che "comunicherà inoltre la data" di emissione della sua "nuova carta di pagamento"

Cosa comporta l'esclusione da Visa e Mastercard?

La Banca Centrale ha affermato che "tutte le carte Visa e Mastercard emesse dalle banche russe" avrebbero "continuato a funzionare in Russia come al solito fino alla loro data di scadenza".

La Banca Centrale ha aggiunto che le transazioni su queste carte sono processate "dal Sistema Nazionale delle Carte di Pagamento all'interno della Russia, e le sanzioni non le colpiranno", ha indicato Interfax, mentre "i fondi sui conti dei clienti collegati a queste carte sono completamente conservati e accessibili".

I giganti della contabilità PwC e KPMG, che contano un totale di circa 5.000 dipendenti in Russia, hanno annunciato che chiuderanno i loro uffici russi.

Nel frattempo, la Corea del Sud ha annunciato che sospenderà tutte le transazioni con la Banca centrale russa "a causa della situazione" in Ucraina, ha riferito Tass.

La stessa agenzia mediatica statale russa ha riportato che il presidente Vladimir Putin ha anche firmato una legge che permetterà alle forze dell'ordine di sequestrare i fondi appartenenti a individui riconosciuti colpevoli di corruzione - e utilizzare il denaro per aumentare le casse del Tesoro.

E secondo quanto riportato da Tass, il Ministero delle Finanze russo ha dichiarato che il governo avrebbe "adempiuto ai suoi obblighi di servizio e riscatto dei titoli di stato" e di altre emissioni di debito pubblico - anche se ha indicato che l'adempimento dei suoi obblighi verso gli acquirenti oltremare del debito russo potrebbe essere compromesso dalle sanzioni imposte dall'Occidente.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Bitcoin Is Helping Both Sides in Ukraine War, But It Won’t Wreck Russian Sanctions
- Russia: banca centrale fuori dalla regolamentazione crypto

- Could the Ukraine Invasion Spark a Global Financial Crisis?
- ‘Big Four’ South Korean Crypto Exchanges Say They’ve Blocked Russian Users

- Consumatori russi e aziende sentono l'impatto delle sanzioni
- Banca centrale russa: l'alternativa a SWIFT è pronta