03 aprile 2021 · 2 min read

La Banca Centrale Russa vuole "limitare" l'utilizzo delle Stablecoin nei pagamenti

La Banca centrale Russa vuole posizionarsi come il centro di gravità dell'economia digitale del paese e sembra pronta a spianare la strada al suo prossimo rublo digitale per conquistare il dominio del mercato. E vuole assicurarsene ponendo un limite all'uso delle stablecoin per i pagamenti.

Fonte: Adobe/999xy

Secondo Interfax, Ivan Zimin, il capo del dipartimento di tecnologia finanziaria della Banca centrale, stava parlando a una riunione relativa al settore bancario della Russian Union of Industrialists and Entrepreneurs, dove ha parlato di un atto legislativo promulgato il 1 ° gennaio di quest'anno. La legge - il primo atto cripto-specifico della Russia - ha vietato l'uso di criptoasset nei pagamenti.

Ma Zimin ha dichiarato alla riunione che la misura era solo un "primo passo" e ha indicato che le stablecoin erano il prossimo obiettivo.

Ha detto:

“Molto probabilmente faremo il secondo passo limitando l'uso [di] stablecoin, per i pagamenti. Questo è molto importante. Il rublo digitale e, in generale, il rublo [saranno] mezzi di pagamento ufficiali. Tutto il resto - stablecoin, criptovalute private non protette o altri sostituti monetari - non possono essere utilizzati come mezzo di pagamento ".

La Banca Centrale spera di emettere il suo token digitale già nel prossimo anno, con un "prototipo" pronto entro la fine dell'autunno 2021.

Ma sembra che non tutti siano d'accordo su questa questione potenzialmente spinosa.

Il gigante tecnologico e colosso bancario Sberbank - almeno in parte di proprietà dello stato russo - ha recentemente svelato i piani per emettere la propria stablecoin, e si pensa che molti altri siano desiderosi di seguirne l'esempio. Si ritiene che molti di questi progetti siano chiaramente incentrati sui pagamenti e sui pagamenti.

Lo stesso media ha citato Anatoly Aksakov, capo del comitato dei mercati finanziari della Duma di Stato, affermando di essere "perplesso" dalle osservazioni di Zimin sulle stablecoin, in particolare alla luce del progetto di Sberbank, che dovrebbe debuttare prima della fine della primavera.

Ha dichiarato,

"Dal mio punto di vista, abbiamo bisogno di una discussione che coinvolga esperti di tecnologia, economisti e banchieri [sulla questione della regolamentazione delle stablecoin]".

Interfax ha anche citato Aksakov spiegando che la legislazione esistente in Russia non classifica le stablecoin come "valute digitali" (token come bitcoin (BTC)). Invece, la legge considera i token fissati tramite fiat come "asset finanziari digitali" e, quindi, non una forma illegale di transazione.

“Non definirei una stablecoin una criptovaluta, se ci riferiamo alla definizione enunciata nella legge sugli asset finanziari digitali. Lì, una valuta digitale è definita come priva di obblighi o garanzie. Una stablecoin, d'altra parte, ha garanzie collaterali e quindi non può essere una valuta digitale", ha detto Aksakov.

Ma sembra che la Banca Centrale veda le cose in modo molto diverso. Zimin ha detto,

“Le Stablecoin sono anche una valuta digitale, solo protetta. Sono emesse da una certa organizzazione o azienda, supportati da qualche tipo di [risorsa], che si tratti di denaro, oro, metallo o qualsiasi altra cosa. La Banca Centrale aderisce [...] alla seguente ideologia: sia la criptovaluta che le stablecoin non possono essere mezzi di pagamento ufficiali. Solo un rublo digitale potrebbe [essere utilizzato per i pagamenti.] "

____
Per saperne di più: 
- Russia Wants to Use the Digital Ruble to Power its USD Purge
- Independent Local Stablecoin Booming in South Korea’s Buyeo
- Visa Starts Settling Transactions in USD Coin On Ethereum
- Stablecoins May 'Penetrate Non-Crypto Markets' & Surpass USD 100B in 2021
- Thai Central Bank Sets A Precedent By Banning Baht-pegged Stablecoin