12 maggio 2021 · 2 min read

I Miner di Criptovalute Russi si Preparano per la Crisi dei Chip

Secondo un nuovo rapporto, i miner di criptovalute russi potrebbero essere colpiti dall'incombente carenza di semiconduttori, poiché i produttori di chip avvertono di un forte calo dei tassi di produzione.

Fonte: Adobe / singkham

Marchi di elettronica di consumo come Samsung e LG della Corea del Sud si sono uniti ad un coro sempre più rumoroso, che include anche le case automobilistiche Volkswagen, Audi, Seat e Škoda, avvertendo di problemi in vista poichè i chip dei semiconduttori diventano sempre più difficili da trovare.

I produttori di chipset affermano di essere stati colpiti da problemi di approvvigionamento di materie, con alcune parti destinate a scarseggiare almeno fino alla seconda metà del 2021.

Il mese scorso ZDNet ha citato la società Taiwanese TSMC, il più grande fornitore mondiale di semiconduttori, la quale affermava di essere destinata a incrementare la produzione spendendo 100 miliardi di dollari in misure di aumento della capacità.

Indipendentemente da ciò, i problemi potrebbero non essere completamente risolti fino al prossimo anno.

Il produttore di chip rivale Intel ha espresso opinioni simili.

Secondo Izvestia, un enorme aumento della domanda di hardware per il mining di criptovalute è stato uno dei fattori che hanno contribuito al deficit. Come riportato in precedenza, l'attrezzatura per il mining si è venduta come il pane in Russia, con molti miner che ora aggirano i fornitori e acquistano impianti e schede grafiche all'ingrosso da produttori con sede all'estero in lotti di oltre 1.000 pezzi.

I giornali osservano che molte industrie russe probabilmente non saranno influenzate da questo problema, per il fatto che la Russia ha una sua capacità di produzione interna di semiconduttori, anche se piccola. Questo però non non vale per i miner russi. I miner domestici dipendono quasi interamente da dispositivi e componenti importati dall'estero.

Questi articoli, afferma il giornale, saranno difficili da reperire nei prossimi mesi, un fatto che potrebbe portare molti pool minerari nel paese a ridimensionare i loro piani di espansione al più presto fino al prossimo anno.

Nel frattempo, la domanda di impianti sembra aver spinto alcuni verso il mercato dell'usato, dove si nascondono intrighi opportunisti. Novosti Voronezha ha riferito che un uomo di 50 anni che cercava di acquistare hardware per il mining di criptovaluta di seconda mano era stato contento di ricevere una consegna poco dopo aver pagato un venditore online circa 200 dollari - solo per aprire il pacco e scoprire che gli erano state spedite due bottiglie d'acqua e un vecchio estintore.

L'acquirente ha portato il suo caso alla polizia, che è riuscita a rintracciare e arrestare i truffatori nella Repubblica russa di Adygea. Due uomini, di 21 e 20 anni, sono stati presi in custodia dalla polizia e rischiano la prigione fino a cinque anni se condannati.
____
Per saperne di più:
- New York Takes Heat From Miami Over 'Wrong' Crypto Mining Ban Proposal
- Proof-Of-Bitcoin Needed As Critics & Competitors Unite To Play Climate Card

- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining
- Bitcoin Mining in 2021: Growth, Consolidation, Renewables, and Regulation