04 mar 2022 · 4 min read

Oligarchi russi non useranno le crypto per eludere sanzioni

Russia Crypto sanzioni
Scene da Borodyanka, vicino a Kyiv. Fonte: Twitter/@michaeldweiss

 

I capi di alcuni dei più grandi exchange crypto centralizzati del mondo (CEX) hanno risposto ai critici che sostengono che la criptovaluta potrebbe essere usata dagli oligarchi russi che tentano di eludere le sanzioni occidentali. Tuttavia, gli exchange rispetteranno la legge nel caso in cui ci sia un divieto ufficiale per tutti gli utenti russi.

Su Twitter, il CEO di Coinbase Brian Armstrong ha scritto che "sarebbe un errore pensare che le imprese di criptovalute come Coinbase non rispetteranno la legge".

"Questo è il motivo per cui noi controlliamo le persone che si iscrivono ai nostri servizi rispetto alle watchlist globali e blocchiamo le transazioni da indirizzi IP che potrebbero appartenere a persone o entità sanzionate, proprio come qualsiasi altra attività di servizi finanziari regolamentati", ha detto.

Ma, il CEO ha aggiunto, gli oligarchi non sono propensi a utilizzare un grande CEX per spostare i loro fondi. Ha scritto:

"Non pensiamo che ci sia un alto rischio che gli oligarchi russi usino le criptovalute per evitare le sanzioni. Poiché si tratta di un registro aperto, cercare di intrufolare un sacco di soldi attraverso le cripto sarebbe più rintracciabile che usare contanti in dollari americani, arte, oro o altri beni".

Tuttavia, Armstrong ha sottolineato che se il governo degli Stati Uniti decide di imporre un divieto ai tutti i cittadini russi, l'exchange "ovviamente seguirà quelle leggi".

"Alcuni cittadini russi stanno usando le criptovalute come un'ancora di salvezza ora che la loro moneta è crollata. Molti di loro probabilmente si oppongono a ciò che il loro paese sta facendo, e un divieto farebbe male anche a loro", ha detto il CEO, aggiungendo che la società "continuerà a lavorare per abilitare i servizi crypto per le persone dell'Ucraina che hanno bisogno di aiuto".

Il capo di Binance, Changpeng "CZ" Zhao, ha confermato i commenti fatti all'inizio di questa settimana dal responsabile delle comunicazioni di Binance, Patrick Hilmann, il quale ha affermato che l'exchange avrebbe rispettato le sanzioni, ma "tagliare unilateralmente [...] l'accesso alle criptovalute in una vasta gamma di popolazione" sarebbe "eticamente fuori dai limiti di ciò che una piattaforma dovrebbe fare".

In un'intervista con Bloomberg, Zhao ha detto che Binance ha già rispettato i mandati del governo internazionale per limitare gli individui sanzionati. Ma, ha detto, spingersi oltre a questo non sarebbe "etico". Lui, come Armstrong, ha sottolineato che il settore delle criptovalute si attiene alle "stesse regole" delle banche.

Zhao ha detto che Binance "segue le regole delle sanzioni molto rigorosamente" e "non è nostra la decisione congelare i conti degli utenti".

Zhao ha aggiunto che le aziende tecnologiche americane come Facebook e Google non hanno bandito gli utenti russi, e ha aggiunto che un divieto generalizzato sugli utenti russi rischia di etichettare tutti i russi con lo stesso colore.

"Da un punto di vista etico, molti russi non sostengono la guerra. Quindi dovremmo separare i politici dalle persone comuni", ha detto. A febbraio, oltre il 70% dei russi intervistati ha approvato le attività del loro presidente Vladimir Putin, secondo Statista. 

L'exchange crypto Binance non imporrà un divieto generale ai cittadini russi

Indipendentemente da ciò, la pressione sui CEX rimane alta, dopo la richiesta fatta dal vice primo ministro ucraino e ministro della trasformazione digitale Mykhailo Fedorov, che li ha esortati a bloccare tutti gli utenti russi dalle loro piattaforme.

Il CEO di Kraken, Jesse Powell, ha precedentemente dichiarato che anche la sua piattaforma non ha intenzione di iniziare a bloccare gli utenti in base alla loro posizione geografica - a meno che non venga richiesto ufficialmente. Tuttavia, è stato attento a sottolineare che un tale requisito legale potrebbe essere imminente - e che gli utenti russi dovrebbero prenderne atto.

Nel frattempo, l'exchange decentralizzato di criptovalute Uniswap (UNI) ha annunciato che un link alla sua funzione Donate App che permette agli utenti di fornire "direttamente" un sostegno finanziario al governo ucraino è stato aggiunto alla home page della piattaforma - a seguito di un appello diretto di Fedorov.

Molti utenti di Twitter hanno accolto con favore la notizia, ma uno ha messo in discussione la mossa, scrivendo:

"Exchange decentralizzato? Quando prendi una posizione, non è più un'exchange decentralizzato".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- USA e UE mirano i tentativi russi di evasione nelle crypto
- Banca centrale russa: l'alternativa a SWIFT è pronta

- Consumatori russi e aziende sentono l'impatto delle sanzioni
- In Russia prezzi crypto altissimi dopo il crollo del rublo

- Gli exchange potrebbero essere costretti a bloccare i russi
- Animoca blocca gli utenti russi e Revolut condanna la guerra